“Midterms” 2022: sotto il segno della lotta per la vita

21 Novembre 2022
Fonte: fsspx.news

Oltreoceano, il clima è piuttosto deludente da parte delle organizzazioni pro-life, dopo i risultati delle elezioni di metà mandato, i famosi Midterms che, con le elezioni presidenziali, scandiscono la vita politica americana. Una cosa è certa: il tema dell'aborto – a favore o contro – è stato decisivo nella scelta dei votanti.

Se i repubblicani sono riusciti a riconquistare – di poco – la Camera dei Rappresentanti, "l'onda rossa" – colore del Partito Repubblicano soprannominato Grand Old Party (GOP) – prevista dai sondaggi non si è verificata. Quanto al Senato, spetta in extremis ai Democratici.

Questi ultimi hanno persino preso o mantenuto, contro ogni previsione, il controllo di diverse leve legislative locali, il che lascia loro mano libera per applicare l'agenda permissiva in termini di aborto e ideologia di genere, di cui l'amministrazione Biden ha fatto il suo cavallo di battaglia.

In questo ambito, altri motivi di preoccupazione sono emersi dai risultati dei referendum organizzati, come previsto dal sistema Midterms, all'interno di ogni Stato: in California il 65% dei votanti ha approvato un emendamento alla Costituzione proposto dal Presidente ma non ancora votato , al fine di rafforzare il "diritto" all'aborto. Il Vermont e il Michigan hanno detto lo stesso.

Questa è la famosa proposition one che sancisce il diritto fondamentale di praticare liberamente l'aborto e di usare la contraccezione, in modo che la Corte Suprema locale di uno Stato non possa tornare indietro. Il governatore della California, Gavin Newsom, non ha esitato a spendere 3,4 milioni di euro nella sua campagna a favore della proposition one, che dice tutto...

Un emendamento dai contorni poco chiari, e che, se approvato dal Congresso, potrebbe consentire a una donna, a parere di diversi avvocati, di abortire fino al giorno prima del termine: "Oltre l'80% dei californiani rifiuta l'aborto tardivo: eppure questo è esattamente ciò che la proposta consente", si lamenta Catherine Hadro, portavoce della campagna No on proposition one.

"Dovremo essere estremamente attenti e vigili in futuro per far emergere la verità, per condividere i fatti davvero reali", ha aggiunto, accusando i suoi oppositori politici di utilizzare notizie false per fuorviare gli elettori.

I sostenitori della lotta per la vita potranno consolarsi: con una Camera dei rappresentanti conquistata dai repubblicani, lo spettro della proposition one rimane lontano.

Altro dato preoccupante, ma stavolta per i democratici: dal 2018 il GOP attira sempre più l'elettorato latinoamericano, e gli ultimi Midterms hanno confermato questa tendenza. Una preoccupazione in più per l'amministrazione Biden, perché questo elettorato, tradizionalmente cattolico e fedele per consuetudine al partito democratico, rischia di pesare di più nelle urne in futuro.

Un elettorato spesso sensibile al tema dell'aborto: un sondaggio pubblicato dalla CNN mostra che il tema dell'aborto è la principale preoccupazione degli elettori, subito dopo l'inflazione.

Comunque sia, il prossimo grande incontro politico si svolgerà tra due anni, in occasione delle elezioni presidenziali: un voto decisivo per le organizzazioni pro-vita, che sperano che il loro futuro campione non si logori nella lotta per la nomina del GOP.

E lì niente di meno certo: l'ex presidente Donald Trump non ha esitato a infangare pubblicamente l'immagine di colui che appare oggi come potenziale rivale repubblicano per il 2024, il cattolico Ron DeSantis, largamente vittorioso in Florida, stato chiave per le elezioni presidenziali.

"Se si presenta, si potrebbe fare molto, molto male. (…) Conosco cose davvero poco lusinghiere su di lui: so più di chiunque altro su di lui, a parte sua moglie forse", ha asserito il miliardario in modo sibillino, inaugurando una competizione che potrebbe essere agguerrita.