3 settembre, festa di San Pio X

3 Settembre 2020
Fonte: fsspx.news

Oggi più che mai, la Chiesa trova in San Pio X, Papa dal 1903 al 1914, un vero santo del papato, un modello e una guida.

 

La santità di san Pio X è "una santità tutta papale e, per così dire, una santità esclusivamente papale"1 Nella breve di beatificazione (3 giugno 1951), Pio XII elenca i principali tratti degni dell'attenzione e dell'ammirazione delle folle:

La preoccupazione per la santità del clero, chiave per rinnovare ogni cosa in Cristo, secondo il suo sublime motto2. Pio X vuole un clero che si distingua per la sua pietà, la sua obbedienza e la sua scienza.

Il rinnovamento degli studi ecclesiastici. Pio X esorta i filosofi cristiani a difendere la verità sotto la bandiera di San Tommaso d'Aquino. Ha fondato il Pontificio Istituto Biblico a Roma, ha incoraggiato le scienze teologiche, ha ispirato l'esegesi e un'attenta predicazione da parte clero.

La preoccupazione per la salvezza eterna delle anime. Se Pio X voleva un clero santo, era in vista dell'istruzione dei fedeli ai quali donò un catechismo, destinato ad adulti e bambini. Per questi ultimi rimarrà per sempre il Papa dell'Eucaristia, avendo promosso la comunione in giovane età, ma anche - e per tutti - la comunione frequente e , se possibile, persino quotidiana.

La difesa della fede integra e pura. Le false dottrine che rinnovavano tutti gli errori furono smascherate sotto il nome di modernismo e saggiamente represse (Enciclica Pascendi, 8 settembre 1907). In queste circostanze, come nella sua lotta contro le leggi anticlericali e la separazione laica degli stati, san Pio X fu, nelle parole del Pastore Angelico, un "maestro infallibile della fede", "intrepido vendicatore della religione" e "custode della libertà della Chiesa".

5 ° L'amore per la liturgia. Iniziatore di un autentico movimento liturgico, Pio X rinnova la musica sacra, ma anche il Breviario, il calendario delle feste in modo tale da orientare la Chiesa "con decisione verso una vita liturgica tutta intrisa di pietà tradizionale, grazia sacramentale e bellezza ispirata"3.

Queste sono le caratteristiche principali della santità di Pio X, la santità di un governo pienamente intriso della grandezza e delle ricchezze soprannaturali, che sono il tesoro della Chiesa. Pio XII evoca anche l'opera di riforma compiuta nella Curia romana, nelle scuole e nelle parrocchie, il formidabile lavoro di riunire in un unico corpo, adeguato alle condizioni della società, le leggi della Chiesa fino ad allora disperse (Codice di diritto canonico, promulgato nel 1917). Senza dimenticare l'attenzione riservata alle missioni evangelizzatrici e anche gli appelli all'unione verso gli "orientali separati".

Questa santità pontificia, Pio XII la canonizzò con uno scopo ben preciso: per "preparare le menti ad affrontare le nostre lotte e per assicurare le nostre vittorie e quelle delle generazioni a venire"4. Proclamato "santo e guida degli uomini di oggi", " apostolo della vita interiore ", san Pio X è dato come "esempio provvidenziale per il mondo moderno in cui la società terrena, diventando sempre più una sorta di enigma per sé stessa, cerca con ansia una soluzione per ridonarsi un'anima! Si consideri dunque la Chiesa raccolta intorno ai suoi altari come un modello"5. Perché questo Papa "suscitava ovunque un immenso movimento di ritorno agli splendori della liturgia e della musica sacra, e bandiva la bruttezza dal sacro tempio di Dio"6.

  • 1. Espressione di padre V.-A. Berto, in un articolo comparso in "La Pensée Catholique", 1951, n° 19, p. 27 e ripreso nella raccolta "Pour la sainte Eglise romaine", éditions du Cèdre, 1976, p. 95.
  • 2. «Omnia instaurare in Christo»; frase di san Paolo (Ef. 1, 10) ripresa come motto del pontificato nella prima enciglica di san Pio X, "E supremi apostolatus", 4 ottobre 1903.
  • 3. O. Rousseau, Histoire du mouvement liturgique, Paris, Cerf, 1945, p. 201.
  • 4. Allocuzione del 3 giugno 1951 (beatificazione) in Documentation catholique n° 1097, col. 713-720.
  • 5. Allocuzione del 29 maggio 1954 (canonizzazione) in Documentation catholique n° 1175, col. 711-716.
  • 6. Padre Victor-Alain Berto, «Sainteté de Pie X», in Pour la Sainte Eglise romaine, op. cit., p. 98.

Oggi più che mai la Chiesa trova in San Pio X, vero santo del papato, un modello e una guida


Per il clero: perché riacquisti il ​​senso della sua eminente dignità e della sua vocazione ad essere prima di tutto uomini di Dio, dediti al suo culto e alla sua lode. I riti sacrosanti della liturgia costituiscono prima di tutto un culto pubblico offerto alla divina Maestà, l'atto stesso del sacrificio della Messa, che l'unico Salvatore degli uomini perpetua attraverso il ministero dei suoi ministri. Non si tratta dell'animazione di una Cena più o meno protestantizzata, senza grandiosità e sacerdozio chiaramente definiti. Si tratta di restituire ad ogni sacerdote la propria identità: quella di essere un altro Cristo, mediatore tra Dio e gli uomini, responsabile di perdonare i peccati, distribuire i beni divini alle anime e condurle al Cielo.

Per i fedeli e per tutto il popolo cristiano: perché comprendano l'urgente bisogno di salvare le loro anime, di santificare le loro case, il loro lavoro e la loro città. Saggiamente istruiti nella loro santa religione, sappiano come guardarsi dalla corruzione del mondo, specialmente dalla corruzione morale e intellettuale. San Pio X voleva che il popolo pregasse nella bellezza, e "riconoscesse nell'Eucaristia il potere di nutrire sostanzialmente la loro vita intima"1. Organizzò l'Azione cattolica su basi solide e promosse le attività sociali e professionali dei cattolici in un contesto confessionale.

Per i popoli e tutti gli uomini di buona volontà: affinché trovino nella Chiesa l'accesso a Gesù Cristo. Questa è stata la sua prima preoccupazione, spiega ancora Pio XII, perché Dio "è l'origine e il fondamento di ogni ordine, di ogni giustizia, di tutti i diritti nel mondo. Dove Dio è ordine, regnano giustizia e legge". Da qui il grande progetto del pontificato di san Pio X per organizzare il diritto della Chiesa. Da qui ancora il primato della fede e della sana dottrina che fu "un servizio di estrema carità, reso da un santo, quale capo della Chiesa, a tutta l'umanità"2.

Infine, per i nemici della Chiesa: perché conoscano l'impavidità e la forza che solo Dio può dare al suo Vicario sulla terra e, attraverso di lui, ai suoi figli sparsi nell'universo. Emblematico fu il coraggio con cui Pio X rigettava le leggi di separazione tra Chiesa e Stato; egli "diede alla Francia, crudelmente perseguitata, nuovi vescovi, e resistette agli assalti dei malvagi"3.

  • 1. Allocuzione del 29 maggio 1954.
  • 2. Ibidem.
  • 3. Ibidem.