Brasile: la Chiesa è raggiunta dalle sette evangeliche

20 Novembre 2019
Fonte: fsspx.news

I risultati dell'indagine nazionale condotta da Datafolha nell'estate del 2019 - e pubblicata l'8 ottobre da Folha de São Paolo - confermano il declino della Chiesa cattolica in Brasile. Sarebbe persino superata dalle cosiddette sette evangeliche nella parte amazzonica del paese.

Nel 2019, i gruppi evangelici costituiranno il 46% dei 25 milioni di persone che vivono nella parte brasiliana dell'Amazzonia, rispetto al 45% per la Chiesa cattolica. Datafolha riconosce tuttavia un possibile margine di errore, compreso tra il 5 e il 6%. Tuttavia, questo sondaggio mostra come le sette protestanti stanno guadagnando terreno.

A livello nazionale, la tendenza di fondo rivela anche una perdita di velocità del cattolicesimo, che per il momento rimane ancora la maggioranza, con il 51% della popolazione brasiliana che si dichiara cattolica. Sono il 32% a chiedere una confessione "evangelica", contro il 22% nel 2010. La strategia di conquista per "capillarità" delle sette evangeliche è la ragione principale proposta da Folha de São Paolo per spiegare la loro svolta.

L'antropologa francese Véronique Boyer, citata dal quotidiano brasiliano, ha osservato per 30 anni la crescita delle sette protestanti nel paese. Secondo lei, questa espansione è dovuta al «proselitismo dei missionari autoproclamati e isolati, piuttosto che a un'azione pianificata dalle "chiese"».

Pertanto, all'interno dell'Assemblea di Dio - la principale setta prevalente in Brasile - «la lingua si adatta all'ambiente locale, non esiste un centro decisionale, qualsiasi movimento indigeno può essere "etichettato" dall'Assemblea», afferma il pastore Samuel Camara.

Aggiornamento e soluzioni false

Di fronte a questo fenomeno, la gerarchia cattolica ha reagito lentamente. Durante i decenni postconciliari, era troppo impegnata ad aprirsi al mondo, in nome dell'aggiornamento voluto dal Vaticano II:  «La Chiesa non ha preso sul serio la crescita dei gruppi evangelici: pastori, andarono e agirono dove i sacerdoti non venivano», spiega Véronique Boyer.

Aggiungiamo che la fede cattolica non è più predicata nella sua purezza e integrità, a beneficio di un vago cristianesimo che si adatta al protestantesimo e alle correnti moderne (teologia della liberazione, inculturazione ed esperienze carismatiche, dialogo interreligioso e interculturale ...), la gerarchia si trova in difficoltà ad evangelizzare correttamente le popolazioni affidate alla sua cura.

La scarsità di vocazioni sacerdotali e religiose, in Brasile come altrove nei paesi in cui la Chiesa è in fase di secolarizzazione, non ha fatto nulla per risolvere la situazione. Inoltre, i missionari (pseudo) cattolici hanno preferito "dialogare" con la cultura amazzonica, rispettando la ricchezza della loro cultura primitiva. Così, un missionario italiano si vantava di non aver fatto un solo battesimo in 60 anni di presenza ...

Oggi, piuttosto che riscoprire la ricchezza inossidabile della sua Tradizione, la Chiesa, durante il sinodo sull'Amazzonia, sembra essere tentata dalla strategia della fuga in avanti, prendendo in considerazione un rito amazzonico creato senza criterio, l'ordinazione di uomini sposati, ministero delle donne, un esame di coscienza ecologica e una neo-teologia della liberazione. È tempo di oscurità e confusione. Siamo decisamente nella giungla.