"Così abbiamo impedito l'ordinazione di una donna"

18 Novembre 2021
Fonte: fsspx.news

Il titolo è tratto da una conferenza tenuta dal cardinale Sarah a Draguignan il 18 settembre. È stato invitato dal vescovo locale, mons. Dominique Rey, per una visita di due giorni.

Il cardinale Robert Sarah, già Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, incarico che ha lasciato lo scorso febbraio, ha intitolato il suo intervento: "Il futuro della Chiesa in Europa".

Questa conferenza, di otto pagine di trascrizione, ha trattato della crisi della fede, ma anche della deviazione del messaggio della Chiesa. Sottolinea: "Passiamo molto tempo a parlare di omosessualità, accoglienza dei migranti, dialogo, apertura, ambiente, questioni socio-economiche, politica. In questo modo si organizza tutta una strategia di pressione per cambiare l'insegnamento della Chiesa sul celibato e sulla morale sessuale."

Poi discute del rifiuto di Dio, specialmente nell'Occidente e nelle sue leggi. Si addolora per la crisi del sacerdozio - ma prende di mira la crisi degli abusi -, per la distruzione della famiglia, prima di affrontare la teoria del gender.

Ha una riflessione molto rilevante su questo tema: "Mentre lottiamo ovunque contro la mutilazione genitale applicata in modo disumano in alcuni paesi, legalizziamo in Occidente la mutilazione delle persone che vogliono cambiare sesso."

Le persone transgender sono già nei seminari
Il cardinale Sarah racconta molto liberamente un caso di cui ebbe a che fare come prefetto della congregazione del culto divino. Un giorno viene contattato da un vescovo francese che gli spiega di avere tra le mani un dossier problematico.

Si tratta di una donna che dopo undici anni di matrimonio decide di diventare uomo. Si sottopone all'operazione. Il dossier precisa: un seno, poi l'altro, poi l'utero. Finalmente eccola con un aspetto maschile, una trasformazione sancita dalla legge.

Decide di entrare in seminario. Cosa fa il vescovo? L'alto prelato presume con grande indulgenza che potrebbe non aver verificato il caso ... Presumibilmente allora nessuno lo aveva guardato.

Il vescovo "ordina" questa donna al diaconato, poi va in pensione. Il suo successore scopre il fascicolo, tre mesi prima della data dell'ordinazione sacerdotale e consulta il cardinale Sarah che gli ordina di cancellare tutto e di mandare a casa questa donna che non è diaconessa, conclude.

Sarebbe bene sapere se l'azione del vescovo che sapeva di non aver letto il dossier, o che l'ha fatto e ha ricevuto una donna nel suo seminario, per poi ordinarla diacono, fosse volontaria. Diciamo che è lecito porsi la domanda. Almeno il direttore del seminario deve sapere qualcosa.

In un altro caso, questa volta riguardante il sacramento della Cresima, un vescovo si consulta spiegando che una ragazza di 13 anni che si prepara alla Cresima aveva deciso di diventare un ragazzo. Aveva già iniziato il trattamento con il consenso dei suoi genitori. Il vescovo chiedeva: "Devo confermare una donna o un uomo?"

Il cardinale rispose che questa volontà era un peccato, una rivolta contro Dio, come un rimprovero al Creatore per aver fatto male a crearla donna. E ha concluso: "Non cresimare questa persona, a meno che tu non la convinca a rimanere una ragazza".

Quanti altri casi di questo tipo è probabile che ritroveremo?