Cosa pensa la Chiesa della reincarnazione (2)

16 Luglio 2021
Fonte: FSSPX Spirituality
Abbazia di Lérins, dove visse San Vincenzo de Lérins

La reincarnazione sembra sedurre sempre di più i nostri contemporanei. Esercita una vera forza di seduzione sulle mentalità occidentali. Dopo una presentazione generale nel primo articolo, questo secondo articolo adotta lo sguardo della fede su questa credenza.

Il sistema di pensiero che stiamo analizzando pretende di governare il destino dell'uomo, la sua felicità eterna e i mezzi per raggiungerla. Questa domanda è di primario interesse per la dottrina della Chiesa che, come custode della Rivelazione, ci insegna le verità necessarie per la salvezza.

Il primo dovere del cristiano è dunque interrogare la Chiesa su questa nuova teoria. Questo confronto è tanto più attuale in quanto sono molti quelli che affermano di poter far convivere metempsicosi e fede cattolica.

Un nuovo sistema
Sappiamo che l'insegnamento della verità nella Chiesa è essenzialmente Tradizione. Non si tratta di inventare nuove dottrine o di essere originali; si tratta di trasmettere fedelmente la Rivelazione di Gesù Cristo.

La forza di questa dottrina sta proprio nel fatto che può contare sull'autorità stessa di Dio. L'esempio viene dall'alto poiché Nostro Signore stesso ha detto di aver preso da un altro ciò che ha consegnato ai suoi discepoli: "Le parole che vi dico, non le dico da me: il Padre che dimora in me compie le opere che faccio" (Gv 14,10)1.

Gli apostoli seguirono l'esempio del divin Maestro. "Ho trasmesso ciò che ho ricevuto", dice San Paolo, che avverte anche gli abitanti della Galazia: "Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! L'abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema!" (Gal 1, 8-9).

Ecco poi l'insegnamento di San Vincenzo de Lérins (morto nel 450) che riflette il pensiero di tutta la Chiesa: "Custodisci il deposito della fede (Tm 6,20). Ma cos'è questo deposito? Si tratta di ciò che ti è stato affidato e non ciò che è stato trovato da te; questo è ciò che hai ricevuto, non ciò che hai inventato. Non si tratta di invenzione personale, ma di dottrina; non per uso privato, ma per la Tradizione pubblica. […]"

"Non devi esserne l'autore, ma il custode […], conserva dunque intatto e incontaminato il talento della fede cattolica. Ciò che ti è stato affidato è ciò che devi conservare per consegnarlo a tua volta. Hai ricevuto oro, restituisci oro, non sostituire incautamente l'oro con il piombo."2

Ora questo è un tratto comune a tutte le versioni di metempsicosi che abbiamo incontrato: esse sono elaborate al di fuori della rivelazione autentica, di esse non troviamo traccia nella Sacra Scrittura o nella Tradizione. Questo carattere di novità è di per sé sufficiente a squalificarle ad un primo sguardo cattolico.

In tutta la storia della Chiesa, un solo dottore illustre ha adottato la tesi della reincarnazione, Origene (185-254). Credeva di aver trovato in essa i mezzi per combinare la dottrina platonica della preesistenza delle anime con la fede cattolica. Eppure lo fa con circospezione e nello stile della ricerca. Ma, sebbene abbia avuto dei discepoli, non è affatto una tradizione nella Chiesa.

Origene fu aspramente criticato da molti Dottori (San Pietro d'Alessandria, San Metodio di Olimpo, San Gregorio di Nissa) e la sua dottrina condannata in un concilio del 402. Sant'Agostino riassume il pensiero di tutti: "Mi stupisco che un uomo così abile, così praticato nelle sante lettere, non si sia accorto subito di quanto tutto questo sia lontano dalla Sacra Scrittura."3

Il Magistero
Se il senso cattolico non può accettare, a causa della sua novità, la tesi della reincarnazione, la respinge radicalmente leggendo i documenti del Magistero. Perché questa tesi non solo è estranea alla Tradizione, ma è anche esplicitamente condannata dalla Chiesa.

La Documentazione cattolica del 18 febbraio 1962 (n. 1370, col. 248) pubblica i risultati dei lavori della Commissione teologica preparatoria al Concilio Vaticano II. Il capitolo sugli errori moderni contiene un paragrafo sulla reincarnazione.

"Strettamente correlata allo spiritismo è la teoria della reincarnazione, in cui rivivono alcune antiche credenze del paganesimo sulla metempsicosi. Fu esplicitamente condannata dal Secondo Concilio di Costantinopoli, nel 553. Il Secondo Concilio di Lione, nel 1274, e il Concilio di Firenze, nel 1439, condannarono indirettamente la teoria del passaggio dell'anima da un corpo umano all'altro affermando che il giudizio finale ha luogo immediatamente dopo la morte.

"Ma l'errore, come un'erbaccia, ricresce ancora e ancora con lievi variazioni di destinate a renderlo nuovo e quindi più facilmente accettabile; cambia solo il nome. La vigilanza della Chiesa non si lascia ingannare e la reincarnazione, presentata sotto le false apparenze scientifiche della teosofia, fu condannata anche dal Santo Uffizio nel 1919" (Cfr. nota infra.).

Il Concilio di Costantinopoli si esprime così: "Se qualcuno dice o pensa che le anime degli uomini preesistano, nel senso che erano prima spiriti e potenze sante, le quali, stanche della contemplazione di Dio, si sarebbero rivolte a uno stato inferiore; che, per questo, si sarebbe raffreddata in loro la carità di Dio, da qui l'origine del nome greco per 'anima'4, e che sarebbero state mandate nei corpi per castigo, sia anatema."5

Questi autorevoli giudizi della Chiesa ci spingono a proseguire la nostra indagine cercando di mettere a nudo i vari punti di conflitto tra metempsicosi e dogma cattolico. Vedremo che questa teoria da sola contraddice molti degli articoli della fede.

Nota. La Commissione Teologica Preparatoria per il Concilio è stata costituita nel 1960 su richiesta di Papa Giovanni XXIII e posta sotto l'autorità del Cardinale Ottaviani. Per due anni ha svolto un lavoro intenso che le ha permesso di presentare al Concilio progetti di schema di ottima qualità. La precisione dei termini, i numerosi riferimenti al magistero e lo zelo contro gli errori contrastano con le novità e l'ambiguità dei decreti conciliari. Fin dalla prima riunione del Concilio, infatti, tutto il lavoro della Commissione teologica preparatoria fu respinto in blocco dalle manovre illegali del cardinale Liénart e dei cardinali progressisti. Il testo che stiamo citando non fa parte del magistero ufficiale, ma esprime il pensiero della Chiesa di sempre e basta a mostrare quello che avrebbe potuto essere un concilio cattolico nel XX secolo.

Padre Jean-Dominique, OP

Continua…

  • 1. Vedi anche Gv 5, 19 ; 7, 16 ; 8, 28.38.42.50 ; 12, 49.
  • 2. San Vincenzo di Lérins, Commonitorium, c. 22, p. 50, t. 50, col. 667.
  • 3. Sant'Agostino, De civitate Dei, l. 11, c. 25
  • 4. Origene credeva che Ψυχε (anima) venisse da Ψυχo (freddo) e denotasse quindi un carattere di raffreddamento da uno stato migliore, la perdita del calore divino (De Principio. II, VIII, 3 ; PG IX, col. 222).
  • 5. G. Dumeige, La foi catholique (F.C.), p. 159.