Cosa pensa la Chiesa della reincarnazione? (4)

19 Luglio 2021
Fonte: FSSPX Spirituality
Dettaglio della Collegiata di San Vincenzo a Berna che rappresenta il Giudizio Universale

La reincarnazione sembra sedurre sempre di più i nostri contemporanei. Esercita una vera forza di seduzione sulle mentalità occidentali. Dopo una presentazione generale nel primo articolo, il secondo ha dato i giudizi della Chiesa su questa credenza. La terza e la quarta sezione presentano i punti di conflitto tra metempsicosi e dogma cattolico.

Nella terza parte abbiamo considerato il giudizio particolare, il purgatorio, l'inferno e la risurrezione della carne.

La sofferenza dei giusti
Albert Camus una volta fece udire questo grido di rivolta: "E io rifiuterò fino alla morte di amare questa creazione dove i bambini sono torturati."1

La parola esprime lo scandalo che la sofferenza dei giusti rappresenta per ogni mente umana. Accettiamo volentieri che un colpevole sia punito, ma che un innocente soffra è insopportabile.

L'uomo si scandalizza del mistero del male, si appella a degli dèi tiranni o si getta in una cieca rivolta, ma non trova vie d'uscita.

È in questa prospettiva che si colloca la metempsicosi. Piuttosto che rifiutare un fatto universale, cerchiamo di interpretarlo: il malvagio espia nella sofferenza le sue colpe presenti; il giusto, invece, paga il debito accumulato nelle vite precedenti.

Origene conclude così il suo tentativo di giustificare la reincarnazione: "Così, né Dio è ingiusto, dando ad ogni cosa il suo posto secondo i suoi meriti, né i beni o i mali della vita sono distribuiti a caso."2

Le terribili conseguenze di questa mentalità, soprattutto in India, non possono che destare sospetti. Un tale uomo è malato, a che serve curarlo? È solo giustizia, paga il debito per le sue colpe passate. Bisogna accettare il corso delle cose senza cambiare nulla. Conosciamo i frutti di questo fatalismo.

Troviamo anche una rilevante confutazione di questa giustificazione della metempsicosi per ragioni di giustizia in un autore del V secolo, Enea di Gaza (450-520). I mali di questa vita sono i dolori delle colpe delle nostre vite precedenti? Ma una punizione può svolgere il suo ruolo solo se si riferisce a una colpa che viene ricordata.

"Quando castigo mio figlio o il mio servo, prima di infliggere loro una punizione, dico loro più volte perché li sto punendo e raccomando che se ne ricordino in modo che non ricadano più nella stessa colpa."

"E Dio, che stabilisce le ultime pene contro le colpe, non istruirebbe quelli che punisce del motivo per cui li punisce, ma toglierebbe loro la memoria delle loro colpe e nello stesso tempo darebbe loro un vivo sentimento del loro dolore!"

"A cosa servirebbe la sanzione se permettesse di ignorare la colpa? Non farebbe altro che irritare il colpevole e portarlo alla demenza. Non avrebbe il diritto di accusare il suo giudice, se fosse punito senza avere consapevolezza di aver commesso qualche colpa?"3

Mentre affermava di risolvere il problema della sofferenza, la metempsicosi, come vediamo, lo rende ancora più oscuro e inaccettabile. Ma questa falsa soluzione ha un effetto più disastroso: attacca direttamente il mistero della Redenzione.

La sofferenza, infatti, è il frutto del peccato originale che ogni uomo eredita per generazione. Ma, per sovrabbondanza di amore, Dio ha voluto incarnarsi, conoscere la sofferenza e la morte, farsi vittorioso, santificarle, farne strumenti di salvezza. Attraverso l'opera della Redenzione, la sofferenza ha cambiato volto, diventa redentrice e luogo di incontro con Dio.

Rifiutare la sofferenza degli innocenti è dunque rifiutare il giusto che soffre per eccellenza, Nostro Signore Gesù Cristo, l'Altissimo, il Santo, il Verbo Eterno che viene a cercarci in mezzo alla miseria e porta i peccati del mondo. 

Per preparare i nostri cuori a questo evento confuso, Dio ce ne ha dato una prefigurazione nel santo uomo Giobbe. Quest'uomo era "irreprensibile, retto, timorato di Dio e lontano dal male" (Gb 1,1).

Dio permise che fosse afflitto da tutti i mali dal diavolo. Perse i suoi figli, tutti i suoi averi e fu sopraffatto dalle malattie più spiacevoli. Non mancavano amici che gli facessero notare gravemente che queste piaghe non potevano che essere il prezzo di colpe nascoste.

Ma Giobbe rimase sereno sotto queste nuove umiliazioni e ripose la sua fiducia in Dio che conosce il profondo dei cuori. E Dio benedisse Giobbe per la sua fermezza, "lo restituì allo stato di prima e gli rese il doppio dei suoi beni" (Gb 42,10).

Per chi ha fede, dunque, la sofferenza non è più occasione di caduta, è collaborazione all'opera della salvezza. Si può cercare volontariamente di riparare, per amore, i peccati fatti a Dio e di unirsi a Cristo sofferente. Non è necessariamente legata al demerito delle anime, ma può essere, al contrario, il segno di una predilezione di Dio.

Una constatazione di impotenza
Ci permettiamo di porre una domanda ai seguaci della metempsicosi. Quali mezzi concreti ed efficaci offrite all'uomo per salvarsi? Quale aiuto può aspettarsi per correggere la sua natura ferita dal peccato e perfezionarsi?

Le varie versioni di questa dottrina elaborano infatti vari sistemi di vita terrena, tempi di prove, attese, esercizi di reminiscenza, dimenticanza o distruzione del corpo. Ma un punto li unisce: in questo lungo cammino verso la beatitudine, l'uomo è abbandonato a se stesso, non ha altra energia per avanzare che i principi interni della sua natura decaduta.

È con le proprie forze che deve issarsi alla perfezione desiderata. Quindi, non solo la metempsicosi estende indefinitamente il sentiero verso la beatitudine, ma non fornisce energia sufficiente per percorrerlo.

In definitiva, lungi dall'essere una misericordia che eleva l'uomo al di sopra di sé, lo abbandona alla sua debolezza. Ha questa crudele impotenza di accendere un domani meraviglioso agli occhi dell'uomo e di negargli l'accesso, rinchiudendolo nella sua fragilità.

Le pagine del Vangelo hanno un altro sapore. Com'è dolce sentire Nostro Signore che ci dice: "Misericordiam volo, voglio dare misericordia" (Mt 9,13), "non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati" (Lc 5,31) , "chi ha sete venga a me e beva" (Gv 7,37), "venite a me voi tutti che soffrite e che siete afflitti, e io vi darò sollievo" (Mt 11,28), "chi crede in me avrà la vita eterna" (Gv 6,47), "la mia grazia ti basta" (2 Cor 12,9), "a coloro che credono nel suo nome ha dato potere di diventare figli di Dio" ( Gv 1,12).

Lungi dal lasciarci a noi stessi, Dio viene in noi, per grazia, per portarci nel suo cielo. "Dio opera in noi il volere e l'operare" (Fil 2,13), ci dice san Paolo. E lo stesso apostolo riassume magnificamente l'opera di salvezza compiuta da Dio in noi: "Non sono più io che vivo, è Cristo che vive in me" (Gal 2, 20).

Il motore della vita cristiana è la presenza della Santissima Trinità nell'anima e la sua processione di grazie soprannaturali, virtù e doni dello Spirito Santo. "Senza di me non potete fare nulla" (Gv 15, 5).

Forse si troverà un ostinato avversario che si ostina a voler sposare queste belle verità con la reincarnazione. Basterà una semplice osservazione per rispondergli.

Per santificare l'uomo in modo che corrisponda alla sua natura (corporea e spirituale) e per essere certo di aver ricevuto la grazia, Dio ha istituito riti specifici, composti anche da una realtà materiale (il rito proprio) e da una realtà spirituale (la grazia conferita ): questi sono i sette sacramenti.

Ora, tra questi, tre non si accontentano di trasmettere la grazia, ma impongono nell'anima un segno, un "carattere" indelebile. Si trasforma nel suo intimo per l'eternità, per cui questi sacramenti non possono essere ripetuti.

Se dobbiamo ammettere la teoria della reincarnazione, allora ci troviamo di fronte a una difficoltà insolubile! Cosa pensare di un neonato presentato al battesimo? Chi era nelle sue presunte vite passate? Era cattolico? In questo caso sarebbe un sacrilegio battezzarlo.

E che dire del sacerdozio? Questa bambina che gioca con le bambole era un prete in una vita passata? Possiamo intuire le inestricabili situazioni e contraddizioni a cui inevitabilmente conduce la reincarnazione.

Le principali obiezioni che abbiamo notato contro la metempsicosi evidenziano la sua radicale opposizione alla fede cattolica e persino a qualsiasi tentativo di redenzione dell'uomo.4

Ma gli argomenti autorevoli che abbiamo avanzato non possono convincere la stragrande maggioranza dei fautori di questa teoria, perché non sono cattolici. Per questo dobbiamo estendere il nostro studio con una riflessione filosofica. La trasmigrazione delle anime è vera, o anche solo possibile rispetto alla ragione umana? I fatti che vengono addotti per difenderla non hanno altre spiegazioni? Questo è lo scopo della seconda parte.

Continua...

  • 1. Albert Camus, La Peste, Gallimard, 1947, p. 199.
  • 2. Origene, De Principio, II, 9, 4 ; PG, t. 11, col. 231.
  • 3. Enée de Gaza, Teofrasto, PG, t. 85, col. 871-1004.
  • 4. Il nostro studio non pretende affatto di essere esaustivo. Si potrebbe prendere ad esempio contro la reincarnazione l'istituzione e il rito dell'estrema unzione.