Cosa pensa la Chiesa della reincarnazione? (5)

22 Luglio 2021
Fonte: FSSPX Spirituality
Lapidazione di Santo Stefano: la sua anima è portata in Paradiso

La reincarnazione esercita una vera forza di seduzione sulle mentalità occidentali. Dopo una presentazione generale nel primo articolo, il secondo ha dato i giudizi della Chiesa. La terza e la quarta sezione hanno presentato i punti di conflitto tra metempsicosi e dogma cattolico. I seguenti articoli esaminano la questione dal punto di vista della filosofia.

Il confronto tra la teoria della reincarnazione e la fede cattolica ha mostrato la loro radicale opposizione. Resta da illuminare l'argomento alla luce della ragione naturale. Poiché il primo punto di vista era quello della fede, l'argomento principale era l'autorità di Dio. Qui l'intelligenza cerca i principi della natura. Deve dunque penetrare nel cuore stesso delle cose, che va oltre l'ordine sensibile.

Quali sono i presupposti filosofici e le dicoltà sollevate dalla metempsicosi?

Se l'anima deve passare diverse vite terrene prima di raggiungere la beatitudine, e passare di corpo in corpo, allora non è particolarmente legata a nessuno di essi. L'anima è nel corpo solo occasionalmente, gli resta estranea. Ciò suppone una concezione speciale dell'anima e del suo rapporto con il corpo.

Inoltre, la metempsicosi, che ammette la reincarnazione in esseri diversi dagli umani, sembra concedere alle anime delle piante e degli animali le stesse prerogative dell'anima umana.

Alcuni sostenitori di questa tesi ricordano ancora le loro vite passate. Ecco il problema della memoria. Risiede solo nell'anima spirituale o nel corpo? In quest'ultimo caso, un cambiamento di corpo non dovrebbe cancellare ogni ricordo del passato?

Bisogna quindi studiare in successione l'anima in sé, poi i suoi rapporti con il corpo e, infine, le potenze dell'anima, in particolare la memoria.1

L'anima in sé
Si presenta a noi in vari aspetti che devono essere studiati separatamente sebbene non siano separati in realtà: l'anima è il principio della vita, è la forma del corpo, è l'atto di esso.

Il principio della vita

* Il movimento

La prima esperienza che i nostri sensi permettono, dopo quella dell'esistenza delle cose, è quella del loro movimento. L'osservazione dei vari movimenti separa il mondo in due parti distinte. Alcuni esseri si muovono solo sotto l'azione di un principio esterno. Gli altri, al contrario, hanno in sé il principio del loro movimento. Si muovono da soli.

Questa differenza distingue gli esseri viventi da quelli non viventi. "Ciò che distingue il vivente dal non vivente è ciò che la vita manifesta in primo luogo e ciò che rimane fino alla fine. Tuttavia, la prima cosa che ci fa dire che un animale vive è che inizia a muoversi, e si dice che viva fintanto che questo movimento appare in esso."2

Ma il movimento che rivela la vita è solo quello che la cosa si dona da sé stessa. "Quando non ha più il movimento da sé stesso, ma è mosso solo da un altro, allora diciamo che l'animale è morto, la vita lo ha lasciato"3. Quali sono i principali movimenti che ci si presentano?

Movimento locale: le dune si muovono e cambiano forma, ma ciò è dovuto solo all'azione del vento. Sono inerti da sole. Al contrario, è attraverso un dinamismo interiore che la mosca vola e il cane corre.

La crescita. Le stalattiti di ghiaccio diventano più grandi, ma solo per addizione. La loro crescita è solo un accumulo di materia, mentre il muschio sul tetto cresce da solo.

L'erba nel giardino cresce per un fenomeno che non può essere spiegato solo da influenze esterne. Ma il metallo non si espande a meno che non sia esposto a una fonte di calore. Se i minerali si sviluppassero da soli, avremmo diamanti, argento e oro in abbondanza!

Gli altri tipi di movimenti propri degli esseri viventi, alimentazione e generazione, ci portano agli stessi risultati. Il vivente è colui che si muove da solo, per un dinamismo interno che non si riduce ad azioni esterne. Ciò che i filosofi hanno riassunto in una definizione concisa: la vita è il moto da sé.

* Il principio del movimento da sé

Cosa, nella natura stessa di un essere vivente, gli permette di muoversi da solo e lo distingue così radicalmente dagli esseri non viventi? Qual è il principio di questo "movimento da sé"?

Il linguaggio comune fornisce un'indicazione: "Diciamo dei vivi che sono animati, e di quelli che non hanno vita che sono inanimati"4. Quindi è il fatto di essere 'animato', di avere un'anima, che rende vivente una cosa. Essere vivi è avere un'anima.

Questo fatto è confermato da un'osservazione: ad un'anima diversa corrisponde un'attività diversa. L'animale, per esempio, si muove con un movimento proprio, a differenza delle piante. "Anche la percezione sensibile è un certo cambiamento; ma si trova solo in coloro che hanno un'anima. Allo stesso modo il movimento di crescita e diminuzione si trova solo in coloro che si nutrono. Ma solo chi ha un'anima si nutre. È dunque l'anima il principio di tutti questi movimenti"5. Questa è la prima definizione dell'anima: l'anima è il principio della vita dei viventi.

L'anima è dunque la funzione vitale di un corpo vivente. È una fonte di vita e di movimento. L'etimo lo sottolinea bene: il latino anima traduce il greco Ψυχε che deriva dal verbo Ψυχω, ovvero "respiro". Il che significa che l'anima è in relazione immediata con un corpo; la sua stessa funzione è quella di essere fonte di vita per un corpo. Non si può concepire un'anima senza il suo correlativo, il corpo che vivifica.

Al contrario, i seguaci della reincarnazione immaginano l'anima come creata indipendente, giustificata in sé stessa e non in una relazione necessaria con un corpo. L'unione di anima e corpo è solo il risultato di una colpa, non più uno stato naturale.

Se invece l'anima è per sua natura il principio vitale di un corpo, significa che non è il vivente stesso, ma una delle sue parti. Ciò che vive non è solo l'anima, ma il corpo e l'anima uniti. "Non stiamo dicendo che l'anima cammina, vede o sente, perché è l'uomo che lo fa attraverso di essa. [...] Non è l'anima che esercita, da sola, delle funzioni vitali, ma è l'essere animato che le esercita attraverso l'anima."6

Questa è l'osservazione dell'esperienza comune. Considerate un uomo che cammina, annusa un fiore, ricorda un evento, pensa al futuro e inizia a pregare. Qual è l'oggetto di tutte queste operazioni? Sono, in successione e senza legame tra loro, ciascuna delle sue facoltà: la sua facoltà motoria, il suo olfatto, la sua memoria e la sua intelligenza? È solo il suo corpo, e poi solo la sua anima?

Non è piuttosto lo stesso carattere, il corpo e l'anima uniti? Tutti abbiamo un senso di questa unità nella nostra vita e la esprimiamo ogni volta che usiamo il pronome "io". È il solo e lo stesso "io" che dorme, mangia, sogna o si pente delle sue colpe.

Per la reincarnazione, invece, solo l'anima è quella vivente. Il corpo è per lei solo una dimora occasionale e intercambiabile.

P. Jean-Dominique, OP

Continua...

  • 1. Si tratta dell'ordine che segue san Tommaso d'Aquino nel suo trattato sull'anima umana nella Somma Teologica.
  • 2. I, q. 18, a. 1.
  • 3. I, q. 18, a. 1.
  • 4. I, q. 75, a. 1.
  • 5. Saint Thomas, com. in De Anima, l.2, c. 4, l.7, 323, Marietti, Torino, 1956, p. 83.
  • 6. Alessandro di Afrodisia, filosofo di Atene all'inizio del III secolo d.C, commentatore di Aristotele. Trattato sull'anima, 23, 8.