Cristiani iracheni: da un genocidio all'altro

22 Maggio 2022
Fonte: fsspx.news
Cattedrale di Nostra Signora di Qaraqosh

L'esumazione delle spoglie di due sacerdoti assassinati in odio della fede dai turchi dell'impero ottomano nel 1915 fa luce sui due genocidi subiti dai cristiani nella piana di Ninive in appena un secolo.

Se è ormai nota la politica di sterminio sistematico dei cristiani d'Armenia attuata dall'Impero Ottomano durante la Grande Guerra, lo è meno per i crimini perpetrati contemporaneamente dai turchi contro i cattolici di rito caldeo, su quello che ora è il suolo iracheno.

Così, tra il 1915 e il 1918, circa 250.000 cristiani furono massacrati dai turchi nelle pianure della Mesopotamia. Tra loro, una quarantina fanno parte della "Grande Causa", cioè abbiamo ricevuto sufficienti testimonianze sulla loro morte, per concludere che fossero stati assassinati in odio della fede cattolica.

A questa lista di "martiri caldei" dell'inizio del XX secolo si sono appena aggiunti due nuovi nomi: si tratta di padre Yousouff Jabo Sakarya, sacerdote siro-cattolico di Mosul, e Benham Hana Mikho Khozymi, religioso dell'ordine dei Fratelli di Sant'Efrem.

I due sacerdoti furono giustiziati dai gendarmi turchi il 28 giugno 1915, fuori dalla Cattedrale di Nostra Signora di Qaraqosh, mentre tornavano da Mosul, per celebrare la Messa degli Apostoli San Pietro e San Paolo.

Le spoglie dei due chierici non sono state facili da identificare: "Non sono mancate le incertezze sul luogo esatto della loro sepoltura; per esempio, si era solo in possesso di resoconti orali su padre Benham", spiega padre Luis Escalante, sacerdote argentino che si occupa della causa di diversi martiri caldei.

Per fugare ogni dubbio, una squadra di cinque scienziati forensi è stata inviata dall'Italia con la missione di recuperare i resti e autenticarli utilizzando il DNA dei discendenti delle vittime.

"Invitiamo tutti i fedeli ad accrescere la loro devozione a questi due meritevoli figli di Qaraqosh che hanno ricevuto la corona del martirio più di un secolo fa, e che sono da ricordare come intercessori per la crescita della fede e la prosperità della città e dell'intera Chiesa cattolica in Iraq", ha dichiarato padre Escalante il quale ritiene che "così il sangue che hanno versato non sarà stato vano".

Questa scoperta arriva a pochi anni da un'altra politica di sterminio dei cristiani: quella attuata nella piana di Ninive dall'organizzazione dello Stato Islamico (IS), tra il 2014 e il 2017, appena un secolo dopo le persecuzioni ottomane.

A questo proposito, padre Georges Bahnan Jiji Jahola, sacerdote di Qaraqosh, ritiene che l'esumazione delle spoglie mortali dei due martiri sia "un incoraggiamento spirituale, una ventata di aria fresca che viene dallo Spirito Santo, di cui abbiamo grande bisogno in questo Paese dove abbiamo sofferto molto".

Padre Bahnan lo riconosce: "la paura è sempre presente" tra i cristiani in Iraq, così come la tentazione di lasciare questa terra ancestrale, che era cristiana molto prima di essere conquistata dall'Islam.

Ma il sacerdote caldeo vuole ancora sperare che la sua comunità sia "ispirata da questi testimoni della fede, che sono rimasti saldi in un'epoca in cui non era né facile né comodo portare il nome di cristiano".