Europa: minacce all'obiezione di coscienza

19 Dicembre 2021
Fonte: fsspx.news

Secondo un recente rapporto, il diritto all'obiezione di coscienza degli operatori sanitari è minacciato in diversi paesi europei, in particolare in Francia, Spagna e Svezia. Allo stesso tempo, lo studio rileva l'impennata di atti anticristiani che si stanno svolgendo in un silenzio assordante.

Dopo il diritto alla vita, è il diritto all'obiezione di coscienza degli operatori sanitari che è nel mirino di diversi paesi membri dell'Unione Europea (UE). In ogni caso, questa è la conclusione del rapporto di settantuno pagine pubblicato il 7 dicembre 2021 dall'Osservatorio sull'intolleranza e la discriminazione contro i cristiani in Europa (OIDAC).

L'ONG, con sede a Vienna, in Austria, ha indagato su cinque paesi: Francia, Germania, Spagna, Svezia e Regno Unito. La sua constatazione è inequivocabile: c'è una pressione costante per eliminare l'obiezione di coscienza, soprattutto in relazione all'aborto.

Al punto – sempre secondo l'OIDAC – di portare a "una sistematica e completa esclusione dei cristiani dall'esercizio di determinate professioni". In Svezia, ad esempio, i professionisti sanitari cristiani stanno affrontando un procedimento di licenziamento per aver esercitato quello che ritenevano essere il loro diritto all'obiezione di coscienza.

In questo ambito non c'è bisogno di appellarsi all'UE: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo si è infatti rifiutata, nel 2020, di esaminare il caso di due ostetriche, Ellinor Grimmark e Linda Steen, rifiutate all'assunzione a causa di il loro rifiuto di procedere all'interruzione volontaria della gravidanza (IVG).

Peggio ancora, il Parlamento europeo ha adottato, lo scorso giugno, il rapporto Matic, definendo l'aborto come parte integrante della "assistenza sanitaria essenziale", e cercando di creare l'equivalenza tra l'obiezione di coscienza in materia al "rifiuto delle cure mediche".

Dall'altra parte dei Pirenei, la situazione non è più invidiabile. Lo scorso settembre, il ministero spagnolo dell'Uguaglianza ha proposto di istituire un registro degli operatori sanitari contrari all'aborto, per garantire un presunto "diritto di interrompere la gravidanza" negli ospedali pubblici: "il diritto dei medici all'obiezione di coscienza non può andare oltre il diritto delle donne a fare la loro scelta", afferma il ministro Irène Montero.

Nel regno della Carta delle libertà si intensificano le pressioni ideologiche contro i caregiver legati alla difesa della vita non ancora nata: così, Julia Rynkiewicz, ostetrica britannica, è stata sospesa per quattro mesi, e ha affrontato un'inchiesta per "idoneità alla pratica", a causa del suo coinvolgimento nell'associazione pro-vita Nottingham Students for Life della sua università di origine.

In Francia, se il Capo dello Stato avanza cautamente sul fascicolo - le grandi elezioni non sono poi così lontane - la maggioranza LREM in Assemblea sta provando, da parte sua, dal febbraio 2021, a togliere ogni clausola di coscienza per il personale infermieristico in Francia.

Il rapporto OIDAC incrocia infine queste informazioni con i dati relativi ad atti di discriminazione e intolleranza nei confronti dei cristiani: negli ultimi dieci anni, nei Paesi dell'Unione, sono stati denunciati quattromila atti di "cristianofobia". Quasi un migliaio sono stati individuati per il solo anno 2020...

"Il crescente numero di atti violenti contro le chiese fa eco alla violenza contro i cristiani nella sfera pubblica", conclude Madeleine Enzlberger, Direttore Esecutivo dell'OIDAC.

Un tema di primaria importanza, che diventa ricorrente di anno in anno, e di cui ci si stupirà di aver trovato solo un'eco molto debole all'interno della gerarchia cattolica.