Filippine: il governo respinge le ingiunzioni ONU sull'aborto

3 Dicembre 2022
Fonte: fsspx.news
Jesus Crispin Remulla, ministro filippino della Giustizia

I leader filippini la scorsa settimana hanno nuovamente respinto le pressioni delle Nazioni Unite per legalizzare l'uccisione di bambini non ancora nati nel loro paese attraverso l'aborto. Probabilmente, volendo mettere alla prova il nuovo governo filippino, l'ONU aveva chiesto di applicare le raccomandazioni dell'istanza internazionale.

Il Manila Times riferisce che le Filippine hanno respinto categoricamente la raccomandazione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (HRC) di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, nonché di consentire l'aborto e il divorzio. Questa richiesta è stata avanzata da altri Stati membri delle Nazioni Unite durante l'Universal Periodic Review (UPR) della scorsa settimana a Ginevra.

L'UPR è un meccanismo di revisione tra pari che valuta regolarmente la promozione e la tutela dei diritti umani nei 193 Stati membri delle Nazioni Unite.

Il Segretario alla Giustizia Jesus Crispin Remulla ha dichiarato che le raccomandazioni a favore dell'aborto formulate dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite la scorsa settimana a Ginevra sono "inaccettabili".

Le Filippine, Paese a maggioranza cattolica, proteggono i nascituri vietando l'aborto. Ma, come altri paesi pro-vita, i suoi leader continuano a subire forti pressioni da parte delle potenze mondiali affinché legalizzino l'aborto su richiesta.

Contrario all'identità nazionale
"È una questione di politica, che lo accettiamo o meno, e penso che sappiamo che, come paese, non siamo pronti per questo", ha detto Remulla durante una conferenza stampa di lunedì.

"Culturalmente, i nostri valori possono entrare in conflitto con molti valori che loro [i paesi occidentali] vogliono imporci. Non siamo pronti per questo, culturalmente non siamo pronti per questo. Questa è la nostra posizione in questo momento", ha aggiunto.

"In effetti, penso che siamo l'unico paese, insieme al Vaticano, che ancora non riconosce il divorzio", ha detto Remulla.

Il Sottosegretario alla Giustizia, Raul Vasquez, ha dichiarato che la delegazione filippina ha respinto le raccomandazioni "a causa dell'identità nazionale, delle nostre credenze religiose, delle nostre tradizioni culturali e della sovranità delle Filippine, che devono essere protette e difese in ogni momento".

Vasquez ha anche criticato i leader pro-aborto che attaccano il suo paese perché le sue leggi proteggono i bambini nel grembo materno.

"Questi sono i soliti Paesi che attaccano sempre le Filippine. Sono i paesi ricchi d'Europa che sono molto, molto legati ai diritti individuali e non hanno il concetto di diritti comunitari. Ma penso che abbiamo fatto molto bene", ha detto Vasquez, secondo il Manila Times.

I leader pro-vita affermano che anche il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha fatto pressioni sui paesi pro-vita per legalizzare l'aborto.

Va ricordato che l'aborto è la prima causa di morte nel mondo. Ogni anno, tra i 42 ei 73 milioni di bambini non ancora nati vengono abortiti in tutto il mondo, collocando l'uccisione di innocenti di gran lunga in cima alle morti annuali.