Francia: si moltiplicano le violenze contro i cattolici

27 Gennaio 2020
Fonte: fsspx.news

Chiese e istituti privati ​​di educazione cattolica vandalizzati, pellegrini attaccati da militanti mascherati: diversi atti di violenza anticattolica sono stati perpetrati in Francia, il 19 gennaio 2020, con indifferenza quasi generale.

 

Non siamo né in Cina né in Iraq, ma nella diocesi di Bordeaux, in Francia. In questa domenica, 19 gennaio 2020, i parrocchiani di otto chiese nella metropoli girondina hanno avuto la spiacevole sorpresa di scoprire la facciata del loro luogo di culto domenicale profanata da insulti e iscrizioni anticristiane. 

Due presidi di scuole cattoliche private hanno trovato cose simili sui muri della propria scuola. Nessun posto a caso: "i graffiti hanno la stessa firma", afferma la dichiarazione ufficiale dell'arcidiocesi di Bordeaux e Bazas, in cui si dice che è stata presentata una denuncia.

Lo stesso giorno, a Caen, nel Calvados, un autobus di pellegrini che si recava a Pontmain per venerare la Vergine, è stato l'obiettivo di venti militanti incappucciati e armati di pistole a spruzzo di vernice. Il vescovo non ha voluto sporgere denuncia "in vista di una pacificazione". Il suo portavoce spiega che "questo evento riflette la fragilità della società francese e la violenza che si manifesta in varie occasioni (sic). Ci sono stati anche dei graffiti, degradi nelle chiese in diverse regioni ... Siamo spaventati da questa cristianofobia in aumento. La nostra risposta è ricordare che i cristiani vogliono dimostrare il loro attaccamento alla pace sociale, il rispetto per le persone e la libertà di espressione nella sua diversità"(sic). Soprattutto, vogliono praticare la loro santa religione e far rispettare la loro fede!

Ludovine de La Rochère, presidente di Manif pour tous, un'organizzazione per la difesa della famiglia e del matrimonio, designa i colpevoli: "Sui social network, i gruppi LGBT+ hanno chiesto azioni di destabilizzazione e blocco. Hanno anche chiesto l'aiuto di antifas (gruppi anarco-comunisti ultra violenti, ndr) per impedire ai nostri simpatizzanti di raggiungere Parigi. Che si tratti di pellegrini, malati o attivisti di Manif pour tous, queste intimidazioni sono assolutamente inaccettabili".

In effetti, il 19 gennaio in Francia, ha avuto luogo una mobilitazione nazionale per protestare contro i cosiddetti progetti bioetici volti a legalizzare la PMA (procreazione medicalmente assistita).

Dieci giorni prima, il 9 gennaio 2020, nove statue della Vergine Maria erano state vandalizzate nella diocesi di Bayonne. Il vescovo, mons. Marc Aillet, non ha esitato a denunciare "un sacrilegio che offende profondamente la fede dei fedeli".

Le conseguenze del rifiuto di Cristo Re


Nel 2018 sono stati compiuti 1.063 atti anticristiani sul territorio francese. Sono previsti dati per il 2019; sembrano già negativi. Sono solo il frutto del disordine e dell'anarchia di una società decadente e apostata. Dio viene cacciato dalle città, i costumi sono corrotti, l'ateismo, il paganesimo o l'islamismo si stanno diffondendo per sostituire il cattolicesimo.

Soprattutto perché la Chiesa è ora screditata da alcuni casi eccessivamente pubblicizzati, dalla presentazione caricaturata delle sue posizioni su questioni bioetiche, per non parlare della spudoratezza di alcune autorità ecclesiastiche, che sono più veloci a impegnarsi nell'accoglienza dei migranti che a difendere la fede divina e la morale evangelica. Tutto quindi contribuisce ad alimentare le braci di un violento rifiuto del cattolicesimo nel paese. La domanda è chi fermerà gli incendiari.