I 50 anni della nuova messa: la costituzione del Consilium

8 Giugno 2020
Fonte: fsspx.news

La costituzione sulla liturgia del Concilio Vaticano II, Sacrosanctum concilium, approvata il 4 dicembre 1963, doveva essere attuata. Dopo alcuni tentativi ed errori, Papa Paolo VI affidò questo compito ad una commissione creata ad hoc: il Consilium.

 

Durante l'udienza del 10 ottobre 1963, Papa Paolo VI aveva espresso davanti ai moderatori del Concilio - i Cardinali Léon-Joseph Suenens, Giacomo Lercaro, Julius Döpfner e Grégoire Agagianian -, il suo desiderio di vedere le prime direttive per l'applicazione della Costituzione sulla liturgia pubblicate dalla promulgazione della costituzione. Chiese al cardinale Lercaro di preparare un progetto per lui.

Quest'ultimo lavorò con Mons. Annibale Bugnini, che fu così riabilitato. Il 21 novembre, diedero al Papa un progetto di motu proprio e un'istruzione che avevano preparato con l'aiuto di esperti. Ma l'obiettivo non venne raggiunto.

Una realizzazione confusa

Come spesso accadeva, Paolo VI esitava sul cammino da seguire. Nel dicembre del 1963, affidò a padre Ferdinando Antonelli, segretario della Commissione conciliare sulla liturgia, il compito di preparare un piano generale per la revisione dei libri liturgici. Padre Antonelli aveva lavorato con il cardinale Arcadio Larraona, prefetto della Congregazione dei riti. Allo stesso tempo, il 3 gennaio 1964, il cardinale Amleto Cicognani ordinò a P. Bugnini, a nome di Paolo VI, di organizzare una commissione per l'attuazione della Costituzione conciliare sulla liturgia. Padre Bugnini lavorò con il cardinale Lercaro.

Il 13 gennaio 1964, il Segretario di Stato annunciò la creazione del Consilium ad exsequendam Constitutionem de Sacra Liturgia, il Consiglio per l'applicazione della Costituzione sulla Sacra Liturgia. Aveva ancora solo tre cardinali, tra cui Lercaro e Larraona, e un segretario, P. Bugnini. Si profilava così una rivalità tra questo Consiglio e la Congregazione dei riti. Quest'ultima si reputava l'unica competente per la riforma. Ma né il cardinale Lercaro né padre Bugnini volevano essere sottoposti alla Congregazione dei riti.

Paolo VI decise a favore del Consilium. I suoi membri erano più determinati e il Papa temeva il conservatorismo del cardinale Larraona. Il 29 febbraio 1964, il Consilium ricevette lo statuto legale Fu esonerato dalla tutela della Congregazione dei Riti, che si vide quindi privata delle sue attribuzioni. Yves Chiron sottolinea: "Come ha sottolineato Piero Marini, che era uno dei collaboratori di Bugnini al Consilium: Il Consilium alla fine, a differenza dei dicasteri della Curia romana, non era vincolato dalle abitudini di procedura o da un regolamento specifico" ( Yves Chiron, Annibale Bugnini, DDB, 2016, p. 116). In ultima istanza, era la responsabilità del solo Papa.

Il cardinale Larraona ne fu preoccupato. Padre Antonelli riporta le sue osservazioni del 16 marzo 1964: "Siamo molto turbati dal fatto che il Consilium abbia stanziato un certo numero di funzioni che logicamente appartengono alla Congregazione dei Riti: il Consilium è un organo di studio, la congregazione un organo di governo". Ma si sbagliava. Il Consilium sarà trattato come pari alla Congregazione.

La composizione del Consilium


Padre Bugnini era nel suo elemento. Aveva sperato in una simile posizione e aveva lavorato per raggiungerla. In una nota scritta nell'ottobre 1963, aveva già descritto la struttura che avrebbe dovuto avere la commissione postconciliare responsabile dell'attuazione della riforma. Avrebbe dovuto essere "autonoma, dinamica e internazionale".

Autonomo come le commissioni preparatorie. Dinamica in modo da poter lavorare rapidamente, senza alcun funzionario della Curia tra i suoi membri. Internazionale, per riunire gli esperti che padre Bugnini conosceva per aver lavorato con loro, o quelli che si erano distinti al Concilio.

Il 5 marzo 1964, l'Osservatore romano pubblicò la lista approvata da Paolo VI: "La maggior parte dei suoi membri erano vescovi residenziali ("vescovi sul campo" e non prelati vaticani) e il nuovo organo aveva un carattere internazionale fieramente rivendicato: 42 membri in rappresentanza di 26 paesi di tutti i continenti" (Ibidem, p. 117). Una composizione del genere raramente potrà riunire tutti i membri a Roma. A questi si aggiunsero i consultori, che si videro più numerosi dei membri durante le sessioni plenarie.

Il numero dei membri aumenterà fino a 51. Ma i consultori raggiunsero una cifra pletorica, molto più di qualsiasi altro dicastero della Curia. Bugnini redasse un elenco di 149 consultori nominati ufficialmente, tra cui i tenori del Movimento liturgico. Inoltre, c'erano altri 74 consultori.

Fu da questo laboratorio del Consilium, sotto l'impulso continuo del suo segretario, che stava per emergere la riforma liturgica: nuova messa, concelebrazione, comunione sotto le due specie, nuovi rituali per tutti i sacramenti, riforma del breviario, soppressione di ordini minori, comunione nella mano ... Un vero tifone che non avrebbe risparmiato nulla. Il Consilium fu l'ala armata della rivoluzione liturgica voluta da Paolo VI e guidata da Bugnini.