I dissidenti cattolici di Hong Kong condannati da Pechino

28 Aprile 2021
Fonte: fsspx.news
Jimmy Lai ammanettato, 3 dicembre 2020

Pechino dovrebbe avere paura dei cattolici? Dei nove leader, dai 64 agli 82 anni, dell'opposizione di Hong Kong condannati il ​​16 aprile 2021, per aver contestato una serie di misure liberticide emanate dal potere comunista, cinque sono cattolici.

"Si sono formati in parrocchie, scuole e associazioni cattoliche, è lì che hanno trovato la fonte del loro impegno politico e sociale, per spirito di fedeltà alla loro fede e coerenza in relazione alla loro coscienza cattolica", spiega padre Gianni Criveller, religioso del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME).

Il missionario ricorda - su Mondo e Missione, la rivista ufficiale del PIME - questi cinque cattolici che si sono opposti alle politiche del presidente cinese Xi Jinping.

La personalità più famosa è Martin Lee. L'avvocato ottantaduenne, ex parlamentare, è stato condannato a 12 mesi di carcere con libertà vigilata: "Per i cattolici è una figura familiare, che serve la messa tutte le mattine nella chiesa di San Giuseppe in centro città. Per decenni è stato uno dei consiglieri più apprezzati della diocesi", ha detto padre Criveller.

Interessante è anche la figura di Lee Cheuk-Yan, un parlamentare di 64 anni convertito dall'anglicanesimo. Sua moglie Elizabeth Tang, orfana, è stata "adottata" con le sue due sorelle da padre Adelio Lambertoni, originario di Velate. "Cheuk-Yan frequenta la parrocchia cattolica del suo distretto e la casa delle missioni estere di Parigi (MEP)", specifica il missionario del Pime.

Padre Criveller cita anche Cyd Ho, una donna di 66 anni, condannata a otto mesi di carcere per aver preso parte a una manifestazione pacifica: "Un giorno mi disse di essere stata battezzata da un missionario del MEP, mentre lei era ancora una bambina".

Jimmy Lai, 72 anni, anche lui cattolico, è stato condannato a 14 mesi di prigione. Fondatore di Apple Daily, il quotidiano più popolare di Hong Kong, "si è convertito in età adulta grazie all'allora vescovo di Hong Kong, poi divenuto cardinale Joseph Zen Ze-kiun", ha detto padre Criveller.

Non è quindi un caso che il 1 marzo il cardinale Zen sia comparso davanti al tribunale di Kowloon per protestare contro la detenzione del suo amico e di altri dissidenti.

Ultima figura della resistenza cattolica al Partito Comunista Cinese (PCC) è Margareth Ng. Questo magistrato, quando ha ricevuto una condanna a 12 mesi di reclusione con sospensione della pena, si è rivolto ai suoi giudici: "Sono invecchiato al servizio dello Stato di diritto. So che San Tommaso Moro è il santo patrono degli uomini di legge. È stato processato per tradimento perché non aveva piegato la legge alla volontà del suo re".

La spietata oppressione di Pechino ... e il silenzio vaticano
Dal 2019, Hong Kong sta attraversando la crisi più grave dal suo passaggio di consegne alla Cina il 1° luglio 1997. Alla fine di giugno 2020, il clima politico e sociale si è fatto teso con la promulgazione della controversa legge sulla "sicurezza nazionale". 

Andando avanti come un rullo compressore, Pechino ha avviato una nuova riforma il 30 marzo 2021: d'ora in poi le candidature alle elezioni legislative dovranno essere convalidate da una commissione sottoposta al potere cinese. Questa riforma del sistema elettorale accentua ulteriormente le prerogative del potere centrale cinese ed emargina il ruolo dell'opposizione.

Allo stesso tempo, la Santa Sede - abbastanza reattiva quando si tratta di difendere i Rohingya del Myanmar - tace sul preoccupante caso dei dissidenti cattolici ad Hong Kong: un silenzio in relazione all'accordo provvisorio firmato con Pechino, e di cui a malapena se ne vedono i frutti.

Un atteggiamento che rimane incomprensibile per molti cattolici cinesi, secondo padre Criveller: "Per quanto ne so, la maggior parte dei cattolici di Hong Kong è terribilmente delusa. Mentre attraversano le più grandi difficoltà della loro storia dall'invasione giapponese, la Santa Sede rimane in silenzio".