I vescovi filippini chiedono una riduzione delle restrizioni nelle chiese

17 Febbraio 2021
Fonte: fsspx.news
Dei Fedeli assistono alla messa dall'esterno della chiesa di Quiapo a Manila

Nelle Filippine, la gerarchia cattolica esorta il governo a rivedere la mitigazione delle misure delle restrizioni che interessano le chiese a causa dell'epidemia di Covid-19. Sono preoccupati per l'organizzazione della Settimana Santa, particolarmente seguita dai cattolici dell'arcipelago.


Secondo l'amministratore apostolico di Manila, mons. Broderick Pabillo, i protocolli messi in atto dalla gerarchia ecclesiastica sono "efficaci" nel prevenire la diffusione del virus.

"Le chiese non diffondono il coronavirus perché la gestione dei protocolli è buona", ha detto monsignor Pabillo nella sua omelia, durante la messa celebrata nella cattedrale di Manila l'8 febbraio 2021.

E l'amministratore apostolico della più grande diocesi filippina cita, come esemplari al riguardo, le celebrazioni natalizie e la festa del Nazareno Nero dello scorso gennaio.

"Non c'è stato alcun picco del virus a Manila dopo le vacanze [di Natale] e dopo la festa del Nazareno Nero. Ciò dimostra che le chiese, grazie all'attuazione di severi protocolli sanitari, non sono fonti del virus", ha sottolineato mons. Pabillo.

Perché nell'arcipelago non fanno le cose a metà: a maggio dello scorso anno la conferenza episcopale del Paese ha pubblicato le sue linee guida per mitigare la diffusione del virus, come l'installazione di pediluvi nelle chiese esterne...

Il governo, da parte sua, ha limitato il numero dei partecipanti al 30% della capienza delle chiese, ma sono state fatte eccezioni per il Natale e la festa del Nazareno Nero.

Per questo Mons. Pabillo, sostenuto da altri prelati, sollecita il governo ad allentare la misura fin qui fissata.

"I fedeli vogliono che la capacità di accoglienza sia portata al 50%: mi auguro che i funzionari sanitari aumentino il tetto massimo fissato nelle chiese, soprattutto con l'avvicinarsi della Settimana Santa. Se i protocolli dei vescovi funzionano, forse più persone potrebbero essere autorizzate a partecipare alle messe", ha detto a Ucanews Ranelle Montelibano, una cattolica di Manila.

"I filippini hanno bisogno di cibo spirituale per superare la stanchezza e gli effetti negativi della pandemia", aggiunge. Questo consiglio merita di essere ascoltato in un'Europa secolarizzata, dove i vescovi a volte anticipano i governi per chiudere le chiese, come nel caso del Portogallo...