Il Messale di Paolo VI: per quale sacerdozio? (2)

14 Agosto 2021
Fonte: FSSPX Spirituality

L'insistenza sulla "partecipazione attiva" dei fedeli alla riforma liturgica ha permesso di osservare che il Messale riformato tende a sostituire l'azione del sacerdote e il suo carattere sacerdotale con quella del popolo di Dio e del sacerdozio comune dei fedeli. Questo articolo esamina quest'ultima nozione e il suo significato.

In altre parole: si può parlare di sacerdozio comune dei battezzati?

I moderni fanno notare che la Sacra Scrittura, nella prima lettera di san Pietro (1 Pt 2,5 e 9-10) o nell'Apocalisse (Apocalisse 5, 9-10), parla di un sacerdozio comune a tutti i membri della Chiesa , che sono chiamati sacerdoti. I Padri della Chiesa si esprimono allo stesso modo.

Aggiungono che Pio XII dice nella Mediator Dei che, nell'ambito della liturgia, i fedeli offrono il sacrificio della Messa con il celebrante, e il sacrificio della Messa è un sacrificio in senso proprio.

Inoltre, poiché il sacerdote è colui che partecipa al sacerdozio di Cristo, il battezzato viene ad essere designato come sacerdote, secondo una vera analogia.

Per questo la costituzione Lumen gentium del Vaticano II sulla Chiesa, nel suo n° 10, spiega che "Il sacerdozio comune dei fedeli e il sacerdozio ministeriale o gerarchico, quantunque differiscano essenzialmente e non solo di grado, sono tuttavia ordinati l'uno all'altro, poiché l'uno e l'altro, ognuno a suo proprio modo, partecipano dell'unico sacerdozio di Cristo".

Sembra che, per mezzo di queste espressioni, si salvaguardi il fatto che questi due sacerdozi pretendono di essere tali alla lettera e il fatto che c'è una differenza essenziale tra loro, non solo di grado.

Importanza di una terminologia rigorosa
San Tommaso, citando san Girolamo, osserva: "Parlando sconsideratamente si cade nell'eresia" (ST, III, 16, 8). Il Dottore angelico aggiunge: "Anche le nostre espressioni non devono avere nulla in comune con quelle degli eretici, per non apparire favorevoli al loro errore".

Bisogna sempre fare attenzione a distinguere tra il significato proprio delle parole e una possibile estensione di significato, in virtù della quale l'espressione originaria è detta solo impropriamente.

Si tratta dunque di sapere se il termine "sacerdozio" possa essere usato in senso proprio per designare la parte che i semplici fedeli battezzati assumono nel culto divino. Ma anche se sia opportuno usare il termine "sacerdozio" per designare questa attività dei semplici fedeli battezzati.

Il sacerdozio è in relazione essenziale con il culto
Si parla di sacerdozio a proposito del culto. Ma questo viene detto per il culto liturgico o non liturgico.

Culto liturgico

Il culto liturgico è il culto pubblico reso a Dio dalla Chiesa, che agisce come una società ordinata. L'ordine della società ecclesiastica istituita da Dio consiste nell'esercizio attivo del culto liturgico da parte di coloro che hanno ricevuto a tal fine il carattere del sacramento dell'ordine.

I fedeli battezzati hanno ricevuto il carattere del sacramento del battesimo, che non è un potere attivo ma passivo, mediante il quale partecipano a questo culto sotto la direzione dei sacerdoti.

Sacerdoti e battezzati ricevono quindi una partecipazione al sacerdozio di Cristo, ma in modi diversi, i primi come ministri di Cristo, agenti propri della liturgia e i secondi come membri di Cristo e della Chiesa, diretti dai sacerdoti nell'ambito della liturgia.

Culto non liturgico

Il culto non liturgico è un atto della virtù di religione, che ogni membro della Chiesa possiede in ragione della grazia del suo battesimo. Questa virtù è il principio attivo di tutti gli atti di culto privati, che si prenderanno il nome di "sacrificio" con riferimento all'atto perfetto di culto che è l'atto liturgico.

Pio XII insegna nella Mediator Dei che "per il carattere che è in qualche modo inciso nella loro anima, i semplici fedeli battezzati sono delegati al culto divino e quindi partecipano, secondo la loro condizione, al sacerdozio di Cristo stesso" 1.

Ma nonostante tutto, l'enciclica Mediator Dei non usa mai l'espressione "sacerdozio" per significare questa attività dei fedeli ed evita di designare come "sacerdoti" i semplici battezzati. Questa precauzione in termini di vocabolario è facilmente spiegabile, a causa dell'eresia luterana.

Il Magistero insiste soprattutto nel circoscrivere la parte che i fedeli possono assumere nel santo sacrificio della Messa, e presentare la loro attività come essenzialmente distinta da quella che spetta propriamente al sacerdote investito del carattere dell'ordine, e che definisce come tale l'atto sacerdotale2.

Pio XII disse più tardi che, se si può parlare di un certo "sacerdozio" dei fedeli, questa espressione equivale a un semplice titolo onorifico e che c'è una differenza essenziale tra la realtà di questo sacerdozio intimo e segreto (spirituale) e il sacerdozio vero e proprio3.

Una pericolosa omissione
Quest'ultima precisazione è scomparsa dal testo del n° 10 della Lumen gentium: il sacerdozio comune vi è presentato come essenzialmente diverso dal sacerdozio ministeriale, ma questa differenza non è più designata come quella che esiste tra un sacerdozio spirituale e uno "vero e proprio".

Questa omissione va contro l'insegnamento di Pio XII, in quanto consente di definire il sacerdozio comune dei fedeli come un sacerdozio in senso proprio. Ciò che la Mediator Dei aveva esplicitato e chiarito, Lumen gentium lo rende oscuro e ambiguo.

Conclusione
Conformandosi agli insegnamenti di Pio XII, si deve concludere che i fedeli battezzati non possono in alcun modo essere designati come "sacerdoti" nel senso vero e proprio del termine e che non si può parlare veramente di un "sacerdozio dei fedeli" in senso stretto.

Tutt'al più si può parlare di un certo sacerdozio spirituale o mistico, in senso improprio, come titolo puramente onorifico.

Questa espressione può designare la parte che i battezzati assumono nel sacerdozio di Cristo, nell'ambito del culto liturgico, e che è essenzialmente distinta da quella assunta dai sacerdoti veri e propri, dotati del carattere d'ordine. Può anche designare, metaforicamente, l'attività della virtù di religione nell'ambito del culto non liturgico.

  • 1. Pio XII, enciclica Mediator Dei, Enseignements pontificaux de Solesmes (EPS), La liturgie, n° 567.
  • 2. Pio XII, enciclica Mediator Dei, EPS La liturgie, n° 563-565.
  • 3. Pio XII, «Discorso del 2 novembre 1954» in AAS 1954, p. 669.

Alcune precisazioni
Le espressioni di san Pietro sono intese nel senso sbagliato: sono metafore.

Pio XII dice che sacerdote in senso proprio è colui che offre il sacrificio in senso proprio, quello di un atto di culto liturgico1. Questo non può essere il caso dei semplici fedeli battezzati.

Si dice che compiano sacrifici spirituali in senso metaforico, nel senso che tutte le loro buone opere in generale sono fatte con un'intenzione che corrisponde ai quattro fini di un sacrificio vero e proprio (adorazione, ringraziamento, espiazione e impetrazione).

Quanto all'offerta che fanno durante la Messa, anche se il suo oggetto materiale è il sacrificio in senso stretto, è essenzialmente diversa da quella che viene fatta dal sacerdote e che formalmente definisce come tale l'atto sacerdotale propriamente detto.

"Quando, poi, si dice che il popolo offre insieme col sacerdote, non si afferma che le membra della Chiesa, non altrimenti che il sacerdote stesso, compiono il rito liturgico visibile - il che appartiene al solo ministro da Dio a ciò deputato - ma che unisce i suoi voti di lode, di impetrazione, di espiazione e il suo ringraziamento alla intenzione del sacerdote, anzi dello stesso Sommo Sacerdote, acciocché vengano presentate a Dio Padre nella stessa oblazione della vittima, anche col rito esterno del sacerdote"2.

Va inoltre precisato che il carattere del sacramento del battesimo è una partecipazione al sacerdozio di Cristo, in quanto equivale a una potenza passiva, che abilita il suo soggetto a ricevere il beneficio dell'azione del sacerdozio, in quanto membro della Chiesa.

La partecipazione al sacerdozio di Cristo avviene in vari modi ed è per questo che le caratteristiche del battesimo e della cresima differiscono essenzialmente dal carattere dell'ordine (ST, III, 63, 6).

Quindi, se si parla di un certo "sacerdozio" in relazione ai fedeli, questo va inteso allo stesso modo di quando si parla di arte medica in relazione ai malati: si può dire che l'arte medica si realizza sia nel medico che agisce come in virtù di un principio attivo (guarisce) e nei pazienti che lo ricevono, a causa di un principio passivo, proporzionale al principio attivo (sono guariti).

C'è infine una differenza essenziale (e non solo di grado) tra il principio che definisce l'attività della gerarchia d'ordine e il principio che definisce l'attività dei semplici fedeli battezzati. Ma questa differenza non è quella che esiste tra due sacerdozi nel vero e proprio senso del termine.

Il semplice battezzato non ha un vero e autentico sacerdozio, nel senso proprio del termine, nemmeno una specie di sacerdozio distinto dal sacerdozio ministeriale, che avrebbe con quest'ultimo "una differenza essenziale e non solo di grado". Pio XII dice che il "sacerdozio" di cui si potrebbe parlare rispetto ai fedeli battezzati equivale al massimo ad un semplice titolo onorifico3.

Si può dunque parlare di "sacerdozio" o di "sacerdote" in relazione ai semplici fedeli in due modi impropri: o per metafora, o per paragone esterno. Ma non possono definirsi "sacerdoti" per una somiglianza vera e propria.

La metafora si basa sull'esercizio della virtù della religione: il credente è detto "sacerdote" nel senso che esercita tutte le sue buone opere con l'intenzione di adorare e ringraziare Dio, di riparare le offese commesse contro di lui e per meritarne i benefici.

Il confronto esterno si basa sul carattere del battesimo: si può parlare di "sacerdozio" in relazione ai fedeli per denominazione, nella misura in cui i fedeli sono atti a che il sacerdote agisca su di loro in nome di Dio e agisca davanti a Dio in loro nome.

Ma questo tipo di paragone permette tutt'al più un'affermazione al modo di un aggettivo: i fedeli non possono essere chiamati "popolo di sacerdoti"; si possono chiamare solo rigorosamente "popolo sacerdotale".

Allo stesso modo, chi è curato mediante l'arte della medicina può essere chiamato "medico" per denominazione, ma ciò ammette solo come predicato un aggettivo - "paziente medicalizzato" - e non un sostantivo - "paziente medico".

Da un articolo di don Jean-Michel Gleize

  • 1. Pio XII, «Allocuzione del 2 novembre 1954» in AAS 1954, p. 667.
  • 2. Pio XII, enciclica Mediator Dei in www.vatican.va
  • 3. Pi XII, «Discorso del 2 novembre 1954» in AAS 1954, p. 669.