Il Papa ha rinviato l'incontro con i membri del CIASE

13 Dicembre 2021
Fonte: fsspx.news
Jean-Marc Sauvé

Papa Francesco avrebbe dovuto ricevere i membri della Commissione Sauvé giovedì 9 dicembre 2021, ma l'incontro è stato rinviato sine die. Questa intervista, prevista per ottobre, è stata rinviata per motivi di agenda troppo piena.

Il rinvio, già noto da diverse settimane, aveva fatto parlare di sé. Tanto più che era coinciso più o meno con l'invio dell'Analisi critica di otto membri dell'Accademia cattolica di Francia Mons. Eric de Moulins-Beaufort, ma anche alla Nunziatura, da comunicare successivamente a Roma.

Di fronte a questo annuncio, alcuni hanno ipotizzato che il Papa e la Curia volessero fare un passo indietro e prendersi il tempo per esaminare il lavoro della Commissione Sauvé. Il presidente della conferenza episcopale di Francia è stato incaricato di spiegare il rinvio dell'incontro per il motivo di cui sopra: un programma d'agenda troppo fitto.

Ma il caso ritorna. Durante il volo che lo ha riportato da Atene, lunedì 6 dicembre, Francesco ha risposto a una domanda in proposito, nella quale prendeva una certa distanza dal rapporto Sauvé: "Quando si effettua uno studio su un periodo così lungo, si rischia di confondere il modo di vedere il problema 70 anni fa con il modo di vedere adesso", ha spiegato.

E poi ha rincarato la dose: "Bisogna stare attenti alle interpretazioni che si danno nel tempo". Queste parole si sovrappongono a quanto ha detto in privato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede. In particolare, ha insistito sul fatto che tale relazione non potrebbe giustificare "una profonda riforma dell'istituzione".

Sembra che sia stata l'analisi del rapporto Sauvé dei membri dell'Accademia cattolica di Francia a essere stata decisiva nel ritardare l'intervista ai membri del CIASE.

Secondo il quotidiano La Croix, citando "diverse fonti vaticane", gli ambienti romani accusano la Commissione "di aver oltrepassato le sue prerogative, formulando raccomandazioni in ambiti di competenza che non le erano propri".

FSSPX.Attualità ha denunciato con forza questo aspetto, rilevando in particolare alcune proposte, i cui presupposti attaccano più o meno seriamente la stessa fede cattolica. I vescovi francesi, dal canto loro, non hanno formulato alcuna critica alle raccomandazioni.

La Curia è rimasta sorpresa anche dal metodo utilizzato per ottenere l'ormai nota stima dei casi, proclamata dal Sig. Sauvé in occasione della presentazione della relazione.

Mons. de Moulins-Beaufort aveva annunciato che avrebbe chiesto aiuto al Papa per dare seguito al rapporto e per le misure da prendere. Ora dovrebbe incontrare Francesco questo lunedì 13 dicembre, dopo l'Assemblea plenaria autunnale. In questa occasione, Le Figaro riassume la situazione con il seguente titolo: "Rapporto Sauvé: il Papa chiede conto ai vescovi di Francia".

La situazione rischia di complicarsi per l'episcopato francese, che cercherà senza dubbio di difendere un rapporto che ha commissionato e approvato integralmente, mentre Roma - Papa e Curie compresi - ha chiare riserve.

E se l'aiuto richiesto si concretizzasse aprendo gli occhi dell'episcopato di Francia su questa delicata e dolorosa vicenda? Una vicenda che non può in alcun modo essere occasione per un attacco alle istituzioni della Chiesa, né dar luogo a serie critiche alla sua metodologia, col rischio di rendere ancora più dolorose queste ferite.

E l'esempio tedesco?
Questa consapevolezza dell'anomalia del rapporto CIASE dovrebbe forse portare a ricordarsi del rapporto MHG dei vescovi tedeschi, già più volte commentato su FSSPX.Attualità. Questo documento già accusava la Chiesa utilizzando la parola "istituzionale", equivalente di "sistemico". Ma le reazioni sono state poche e non hanno impedito l'istituzione del Cammino sinodale.

Questo sinodo ha formulato proposte che sono in gran parte equivalenti alle raccomandazioni del CIASE. Hanno già superato diverse tappe, e sono in via di votazione e promozione al rango di leggi nella Chiesa di Germania, spettando a ciascun vescovo concretizzarle nella propria diocesi.

Ma sembra che sia più facile guardare all'episcopato francese che ai vescovi tedeschi. E Mons. de Moulins-Beaufort non ha la statura del cardinale Reinhard Marx o di Mons. Georg Bätzing, l'attuale presidente della Conferenza episcopale tedesca.

Se questo episodio potesse aprire gli occhi di Roma sull'urgenza di rallentare o fermare il Cammino sinodale, non tutto sarebbe perduto. Ma è senza dubbio troppo tardi per alcuni fedeli tedeschi.