Il prete è un altro Cristo

14 Febbraio 2020
Fonte: fsspx.news

La vita cristiana consiste in una progressiva assimilazione del cristiano a Cristo stesso. Come afferma san Paolo, "Tutti voi ... battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo" (Gal 3:27). Rivestirsi di Cristo significa diventare come lui nella sua qualità di Figlio di Dio. E per il sacerdote, significa anche essere rivestito del suo sacerdozio.

 

L'effetto dei sacramenti rimane molto misterioso. Tutti conferiscono la grazia santificante che ci dà il titolo di figli di Dio. Ma tre di loro - battesimo, cresima e ordine - lasciano un segno anche nella nostra anima: il carattere.

Il carattere sacramentale


La grazia è il seme della vita soprannaturale, che deve permettere all'anima fedele di crescere in questa vita divina. Permette di conoscere, amare e possedere Dio come egli conosce sé stesso e ama sé stesso.

I tre personaggi del battesimo, della cresima e dell'ordine aiutano, ma in modi molto diversi, a renderci simili a Cristo. Questa somiglianza è fissata per sempre nell'anima ed è indelebile. È una vera consacrazione: il soggetto è messo da parte, riservato a Dio, come una chiesa o un calice, destinati solo al servizio del culto divino.

I Padri della Chiesa paragonano questo segno a un sigillo spirituale impresso nell'anima per consacrare i fedeli: come membro di Cristo tramite il battesimo, come suo soldato per la cresima e come suo ministro per sacerdozio. Il carattere è inoltre normalmente accompagnato dalla grazia santificante, anche se può, purtroppo! essere separato da essa col peccato mortale.

Ma questo carattere è anche un potere spirituale, una certa capacità di agire, che varia in base al sacramento considerato.

Il carattere battesimale consente a qualsiasi cristiano di ricevere gli altri sacramenti, motivo per cui il battesimo è chiamato "la porta dei sacramenti". Senza questo carattere, l'effetto dei sacramenti nell'anima è inesistente. Inoltre, consente di partecipare intimamente alla liturgia, che si compie nella celebrazione di tutti i sacramenti. Quindi, con questo carattere, i fedeli possono unirsi al sacerdote nella celebrazione della Messa e offrire con lui il corpo e il sangue di Cristo. Ma non possono in alcun modo svolgere la funzione sacerdotale propria del sacerdote.

Il carattere della cresima aggiunge una nuova somiglianza al Figlio di Dio. Contrassegna il discepolo nel renderlo un soldato di Cristo, difensore della Chiesa e combattente della fede, pronto a confessarlo, a testimoniare e difenderlo.

Il carattere sacerdotale raggiunge l'assimilazione a Cristo nel modo più alto del sacerdozio. Attraverso questo potere spirituale che ha ricevuto tramite l'ordinazione, il sacerdote riceve un potere sublime sul corpo fisico e sul corpo mistico di Cristo. In questo modo, è associato all'Eterno Pontefice e diventa con lui un mediatore tra Dio e gli uomini.

Potere sacerdotale


Questo potere soprannaturale consente al sacerdote, come ministro di Cristo, di offrire il sacrificio eucaristico, di perdonare i peccati e di portare le benedizioni di Dio ai fedeli. Il carattere è anche la fonte di una grazia speciale - la grazia sacerdotale - che fa sì che l'anima intrisa di essa si identifichi in modo particolare con Cristo come Sacerdote e Vittima.

Ecco perché la tradizione ha sempre considerato con ammirazione l'unione particolarmente stretta tra Cristo e il suo sacerdote. Tutta l'antichità cristiana proclama che il sacerdote è tutt'uno con Gesù Cristo: "È l'immagine vivente, il rappresentante autorizzato del Sommo Pontefice"1. L'adagio "sacerdos alter Christus", "il sacerdote è un altro Cristo" manifesta questa fede della Chiesa.

La grandezza della dignità sacerdotale


I periodi di tiepidezza nella Chiesa hanno coinciso con il ridimensionamento del sacerdozio, specialmente agli occhi del sacerdote stesso, mentre i periodi di fervore sono stati favoriti, col riconoscimento di tutti, e del sacerdote in primo luogo, della grandezza di dignità sacerdotale. Basta percorrere la storia della Chiesa. È facile intuire che i riformatori e i fondatori di ordini hanno posto grande enfasi su questo punto.

Il sacerdote è grande per la sua somiglianza con Cristo. Ciò è particolarmente evidente su tre punti.

1) Il sacerdote è scelto da Dio: "Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi" (Gv 15, 16), dice il Cristo al sacerdote attraverso i suoi Apostoli. San Paolo fa eco a questo detto: "Nessuno può pretendere di assumere la dignità sacerdotale; vi si deve essere chiamati da Dio come Aaronne" (Eb 5: 4). Cristo stesso non si elevò al sommo pontificato, ma lo ricevette da colui che gli disse: "Tu sei mio Figlio ... sacerdote in eterno, secondo l'ordine di Melchisedek" ( Lui 5, 5-6).

Questa scelta si manifesta con le grazie date da  Dio nell'infanzia, poi nell'adolescenza, che incoraggiano il giovane a presentarsi un giorno davanti a Dio e rispondere alla voce del vescovo, il solo che può giudicare l'origine divina di questa chiamata. Ogni vocazione è diversa, ma tutte provengono da Dio,  solo Lui può chiedere questa sublime partecipazione al sacerdozio di Cristo.

2) Il sacerdote è anche investito del potere di Cristo. È divinamente costituito per provvedere ai bisogni religiosi del popolo: "è stabilito per gli uomini per quanto riguarda il culto di Dio" (Eb 5: 1). Il sacerdote detiene il posto di Cristo, secondo la bellissima formula di San Cipriano. E il potere con cui è investito non è una semplice delegazione: Cristo opera davvero attraverso il suo ministero.

Il sacerdote è quindi responsabile dei doni sacri: sacra dans, che dà le cose sacre. Da un lato, offre al Padre Gesù sacrificato sacramentalmente, il dono perfetto che la Chiesa della terra ha ricevuto per presentarlo davanti al trono celeste. D'altra parte, comunica agli uomini i frutti della redenzione: grazie e perdono divino. Questo è il piano divino che espone San Paolo: "siamo visti come servitori di Cristo e dispensatori dei misteri di Dio" (1 Cor 4, 1).

È così grande la sua identificazione con il Sommo Pontefice, che alla Messa il sacerdote non dice: "Questo è il corpo, il sangue di Cristo"; bensì: "Questo è il mio corpo", "Questo è il mio sangue". Allo stesso modo, al confessionale dice nel suo nome la formula sacramentale: "Ti assolvo". Perché il sacerdote ha il privilegio di parlare veramente nel nome di Cristo. Il sacerdozio è quindi la più grande somiglianza che l'uomo possa avere con il Verbo incarnato, nell'ordine oggettivo. Ciò non impedisce che, nell'ordine della grazia, un'anima possa avere una maggiore somiglianza con Dio, come la Vergine Maria.

3) Infine, proprio come Cristo è Dio e uomo, il sacerdote porta in sé un elemento divino e un elemento umano. Mantiene una vita umana agli occhi di tutti, ma nasconde un potere sovrumano, che appartiene solo a Dio. Si diffonde e comunica tutto di Gesù Cristo.

 


 

  • 1. San Cirillo d'Alessandria, L'adorazione nello Spirito Santo

Il sacerdote è chiamato alla santità


La dignità sacerdotale è così alta che sfugge al sacerdote stesso. Il Santo Curato d'Ars lo ha detto nei suoi catechismi: "Dopo Dio, il prete è tutto ... Il prete capirà sé stesso solo in paradiso". Questa alta dignità sacerdotale comporta un grave obbligo di santità.

Secondo San Tommaso d'Aquino, tre ragioni ricordano costantemente al sacerdote il suo dovere di lottare per la santità: il suo potere sul corpo e sul sangue del Figlio di Dio; la sua funzione di dispensatore di grazia, che non può adempiere senza esserne santificato; l'esempio che deve dare al popolo cristiano: deve realizzare ciò che predica agli altri.

Così Blanc de Saint-Bonnet ha scritto: "Il clero santo rende il popolo virtuoso, il clero virtuoso rende il popolo onesto, il clero onesto rende il popolo empio". Dom Chautard, in L'Ame de tout apostolat, prende questa formula senza approvarla assolutamente, ma ricorda Sant'Alfonso de Liguori: "La buona morale e la salvezza dei popoli dipendono da buoni pastori. Se a capo di una parrocchia c'è un buon parroco, vedremo presto fiorire la devozione, frequentare i sacramenti, la preghiera mentale in onore. Da qui il proverbio: Tale pastore, tale parrocchia, secondo la parola dell'Ecclesiastico (10, 2), 'Come è il capo della città, così sono gli abitanti' ".

Il venerabile padre Libermann, fondatore della Congregazione dello Spirito Santo e del Sacro Cuore di Maria, disse ai suoi sacerdoti: "Un sacerdote che non è un santo è un mostro nell'ordine della grazia".

L'invito più urgente a questa santità viene dalla Chiesa stessa durante la cerimonia dell'ordinazione sacerdotale. In una sentenza solenne, il pontefice esorta i futuri sacerdoti a riempirsi dello spirito sacerdotale. In particolare dice loro: "Siate consapevoli del passo che state compiendo; e percorrete nella vostra vita quello che farete all'altare. Voi vi rinnoverete ogni giorno il mistero della morte del Signore".

È all'imitazione del dono totale di Cristo a suo Padre per la salvezza dell'umanità che viene chiamato il sacerdote. Questa è la perfezione per il sacerdote e questa vocazione è più che angelica. Il pontificale specifica inoltre due virtù delle quali il sacerdote si deve rivestire più in particolare: giustizia e castità. Giustizia verso Dio e le anime e castità perfetta per essere liberi di assimilarsi pienamente a Cristo.