Il priorato della Nigeria festeggia il suo decimo anniversario

7 Dicembre 2022
Fonte: fsspx.news

Fondato domenica 26 agosto 2012, il Priorato della Nigeria ha celebrato il suo decimo anniversario: un'occasione per cerimonie di ringraziamento e rinnovate preghiere per i benefattori da cui la missione è così dipendente. Dieci anni di fedele sostegno da parte dei fedeli in Europa e in America.

In dieci anni, il ministero si è sviluppato bene, e in modo progressivo, il che è garanzia di qualità e serietà. I sacerdoti servono sette centri di messa, oltre al priorato.

Il più importante è quello di Lagos, la New York dell'Africa occidentale. Se il priorato accoglie regolarmente la domenica poco più di 250 fedeli, la comunità di Lagos non è da meno con una presenza di 220 fedeli.

È dal resto di questa comunità che la missione riceve il frutto più prezioso del suo apostolato: le vocazioni sacerdotali. Due suoi giovani fedeli sono già nei nostri seminari mentre altri due si stanno preparando in priorato per raggiungerli.

La capitale federale, Abuja, riceve una visita settimanale ma in circostanze difficili. La missione non è proprietaria della cappella che è troppo piccola per essere sistemata più di quanto non lo sia già.

Inoltre Abuja si trova nella parte musulmana della Nigeria, dove la pressione sociale e l'insicurezza rendono difficile la vita dei cattolici. Tuttavia, la nostra piccola comunità di 80 fedeli si sta sviluppando bene.

Anche le città di Onitsha, Port-Harcourt e Oji River sono visitate dai sacerdoti. La prima ogni domenica, le altre alternativamente. Abbiamo circa 250 fedeli in tutto.

A Port-Harcourt la comunità dei fedeli riunisce una sessantina di persone giovani e veramente convinte. Questi giovani genitori stanno attualmente costruendo una chiesa, con le risorse molto limitate a disposizione dei nigeriani.

Per compensare la mancanza di fondi, impiegano il loro tempo libero per svolgere i lavori a loro accessibili, scavando le fondamenta, modellando i blocchi di calcestruzzo, ecc. Questi fedeli meritano davvero aiuto per i loro sacrifici e la loro generosità in questo progetto.

Infine, ci sono i viaggi irregolari, di esplorazione si direbbe, ad Accra in Ghana (di lingua inglese) e a Cotonou nel Benin (di lingua francese). Attorno a un piccolo nucleo di fedeli convinti, si unisce, in occasione di ogni visita, un numero molto irregolare di curiosi.

L'evento più importante di quest'ultimo anno è il trasloco nel nuovo edificio, costruito soprattutto grazie alle donazioni dei fedeli in Svizzera, ma anche di tanti altri. I sacerdoti sono quindi stabiliti in una casa a tre piani con cappella, luoghi comunitari, camere da letto e tre aule.

Ma i progetti rimangono numerosi: la chiesa di Port-Harcourt e la sistemazione del terzo piano del priorato, per i pre-seminaristi e i pre-postulanti.

Possiamo assicurarvi che i sacerdoti, i preseminaristi e i fedeli del Priorato offrono quotidianamente i loro rosari per i loro benefattori. Grazie per qualsiasi aiuto spirituale o materiale!

Sotto, il numero 16 di SOS Africa.

3_sosafrica_16-newsletter_nov_2022-web.pdf