Il sinodo tedesco e le diaconesse

21 Settembre 2020
Fonte: fsspx.news
Convento delle Suore Francescane di Waldbreitbach

Mentre la questione del diaconato femminile è recentemente riemersa, ora viene offerto un ciclo di formazione al di là del Reno alle donne che desiderano diventare "diaconesse", con la benedizione di una Chiesa di Germania persa nelle nebbie del suo "cantiere sinodale".

 

Nella Casa Madre delle Suore Francescane di Waldbreitbach (Renania-Palatinato) è appena apparso un sorprendente ciclo di corsi, chiamato "formazione per l'esercizio diaconale femminile".

Come suggerisce il nome, questo è un modulo per "diaconesse", che mira a preparare le donne per una funzione ministeriale che non è mai stata approvata dalla Chiesa romana fino ad ora, ma di cui Chiesa di Germania ha fatto il cavallo di battaglia del suo progetto sinodale.

"Come storica, so che i processi di rinnovamento e cambiamento richiedono tempo nella Chiesa", ammette la direttrice della rete associativa dietro questo corso, la tedesca Irmentraud Kobusch.

In un'intervista a katolisch.de del 10 settembre 2020, dichiara con disinvoltura: "Non posso dire quando, ma sono fermamente convinta che gli sforzi compiuti per aprire il diaconato alle donne finiranno per dare i loro frutti". In altre parole, la Chiesa ha torto, ma alla fine lo riconoscerà.

La formazione, programmata per durare tre anni, dovrebbe iniziare a breve: "Ci sono già sedici donne ai blocchi di partenza", esulta Irmentraud Kobusch, che aggiunge che il nuovo modulo dovrebbe consentire alle candidate "di acquisire competenze che potranno ricoprire molte funzioni nella Chiesa".

Il cardinale Rainer Woelki ha denunciato in un'intervista del 17 settembre all'agenzia di stampa Kna che "la questione dell'ordinazione delle donne è una discussione che non porterà a nulla. Infatti, questa questione è stata decisa dalla massima autorità magisteriale: Papa Giovanni Paolo II e Benedetto XVI; e Papa Francesco ha anche più volte sottolineato che la questione è stata decisa dall'autorità magistrale. (...) La discussione si svolge al di fuori dell'insegnamento della Chiesa".

Il nuovo presidente della conferenza episcopale, monsignor Georg Bätzing, si è affrettato a dire a sua volta che considerava "molto legittimo il diaconato delle donne".

Ciò che indubbiamente aiuta ad alimentare false speranze è la sorprendente decisione di Francesco di istituire una commissione per lo studio del diaconato femminile l'8 aprile. Mentre la precedente commissione aveva concluso in negativo, e si era detta contraria.

Dobbiamo ricordare l'insegnamento della Chiesa: l'impossibilità di ordinare le donne - sia al sacerdozio che al diaconato - appartiene alla sostanza del sacramento dell'Ordine. In altre parole, la Chiesa non ha il potere di cambiare questo fatto.