Il Tempio satanico: l'imbarazzante alleato di Joe Biden

5 Settembre 2020
Fonte: fsspx.news

Col pretesto della libertà religiosa, il "Tempio satanico" sta cercando di ottenere l'esenzione per i suoi membri dalle leggi che limitano l'aborto in alcuni stati americani. Il loro obiettivo: riportare la questione dell'aborto alla Corte Suprema.

 

"Il Tempio satanico è una religione che crede nella benevolenza e nell'empatia tra tutti, rifiuta l'autorità tirannica e sostiene il buon senso e la giustizia", ​​scrive con disarmante disinvoltura il giornalista David Cohen, sul sito di Informazioni su Rolling Stone, 24 agosto 2020.

Si ricorderà che i seguaci di questa setta si sono fatti conoscere al grande pubblico, quando sono riusciti a far introdurre nelle scuole della Florida libri satanisti da colorare, in risposta alla decisione di un giudice locale che aveva autorizzato la distribuzione delle Bibbie nelle scuole.

Rolling Stone, una rivista molto popolare tra i giovani americani, - nota per difendere le posizioni più libertarie - riporta qui la lotta per l'aborto guidata dal Tempio Satanico, un'associazione "confessionale" fondata nel 2013 da Lucien Greaves, al fine di lottare contro l'influenza dei cristiani conservatori negli Stati Uniti.

Secondo i suoi leader, questa "religione" si basa sul fatto che "il corpo è inviolabile, soggetto alla volontà individuale di ciascuno, con la conseguenza della possibilità di aborto senza limiti o restrizioni".

Da questa prospettiva errata, impedire di abortire a una donna che dichiara di appartenere al Tempio satanico sarebbe un ostacolo al sacrosanto Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che protegge la libertà religiosa.

"Per anni", spiega David Cohen, "il Tempio satanico ha lottato per estendere ai propri membri le nozioni di libertà religiosa che la Corte Suprema conservatrice applica ai cristiani, (...) al fine di esentarli da leggi restrittive sulla aborto".

Il sofisma- o meglio il semplicismo del ragionamento - finora non è stato considerato dai tribunali, ma gli adepti della setta credono di poter fare affidamento su una sentenza della Corte Suprema del 1990 - intitolata Employment Division vs Smith - per registrare l'aborto libero e gratuito come espressione del diritto alla libertà religiosa. A tal fine, il nome del futuro Presidente degli Stati Uniti sarà senza dubbio un fattore determinante.

Il Tempio satanico tenderà maggiormente verso il candidato democratico nelle elezioni presidenziali previste per novembre 2020? Si potrebbe pensare di sì, viste le posizioni liberali sostenute dal cattolico Joe Biden sull'aborto.

Inoltre, uno dei membri del suo team, Michelle Lujan Grisham - la seconda donna a servire come governatrice del New Mexico - non esita a pubblicare su Twitter il suo sostegno ufficiale per uno dei leader del Tempio Satanico, Greg Stevens.

La setta, però, potrebbe essere un alleato imbarazzante per un candidato democratico che rischia di alienare un po' di più il voto dei cattolici, già "scottato" dalla nomina di Kamala Harris a vicepresidente se dovesse vincere le elezioni presidenziali.

Uno dei portavoce di Joe Biden, Andrew Bates, ha rassicurato l'elettorato cattolico il 7 agosto su Fox News: "La fede di Joe è radicata nel suo cuore; l'ha vissuta con dignità per tutta la vita, ed è stata fonte di forza e conforto nei momenti di difficoltà."

Resta da vedere se questo sarà sufficiente per convincere gli elettori cattolici.