Il vescovo di Parigi si scaglia contro la comunione sulla lingua

20 Novembre 2020
Fonte: fsspx.news

Il 17 novembre 2020, mons. Michel Aupetit ha riportato il risultato dell'incontro del giorno prima tra il governo francese e rappresentanti delle religioni, a Radio-Notre-Dame. In questa occasione, è stato particolarmente virulento contro la comunione sulla lingua.

 

 

L'incontro si è tenuto lunedì 16 novembre, in applicazione della decisione del Consiglio di Stato del 7 dello stesso mese, tra il Primo Ministro e il Ministro dell'Interno, da un lato, e rappresentanti delle religioni, dall'altro. I cattolici erano rappresentati da mons. Eric de Moulins-Beaufort.

Il comunicato stampa diffuso lo stesso giorno dalla Conferenza episcopale francese (CEF) indica che la ripresa del culto non potrà avvenire minimo prima del 1° e che per questa ripresa saranno messi in atto rigorosi protocolli sanitari.

Dopo aver citato questi elementi, il Vescovo di Parigi continua: "Colgo l'occasione per dire che tutte le persone che vogliono fare di testa loro...sono loro che ci hanno pesato". Continua: "Il ministero dell'Interno, il giorno del Consiglio di Stato, aveva portato dei video che mostravano chein  certe parrocchie, (...) si comunicava sulla lingua, uh ... perché era così che bisognava fare la Comunione secondo la Messa di sempre."

Spiega su questo argomento: "Vediamo che le persone non conoscono bene la storia: è stato nel VI secolo che abbiamo iniziato a ricevere la comunione sulla lingua". E osserva che il Consiglio di Stato avrebbe chiarito: "Vedete, non siete in grado di gestire la vostra gente. Quindi ora dobbiamo essere seri."

Distorta deresponsabilizzazione


Va detto senza mezzi termini: i vescovi di Francia non sono stati all'altezza del compito. Rimasti passivi durante il primo confinamento, hanno voluto fare una sessione di recupero per il secondo. Ma non hanno avuto successo e il loro incontro con il Governo non ha fruttato quasi nulla.

Ciò non sorprende, poiché i vescovi, invece di mostrarsi pastori e vigili difensori dei diritti della Chiesa, hanno voluto, da qualche tempo, giocare la partita della laicità. Da allora hanno raccolto ciò che hanno seminato. Ma mons. Aupetit non trova niente di meglio che incolpare coloro che hanno distribuito la Comunione sulla lingua per questo fallimento. In quanto a meschinità, è difficile fare di peggio.

E prima una precisazione. In un articolo su Le Figaro pubblicato il 16 novembre, dal titolo "Con la Chiesa, si cambia tono, nessuna concessione", il giornalista Guillaume Tabard riporta questa informazione: i famosi video erano due, e sono stati ripresi dopo la fine del confinamento. No comment...

Una caricatura dell'archeologismo


Con il termine archeologismo designiamo l'errore dove tutto ciò che è primitivo nella liturgia - nel senso di primo/originale - è migliore e deve essere ripreso se è scomparso. Questo errore è stato fortemente condannato da Papa Pio XII, soprattutto nell'enciclica Mediator Dei (1947).

Così, Papa Pio XII condanna "l'audacia assolutamente sconsiderata di coloro che deliberatamente (...) ravvivano riti obsoleti, in disaccordo con le leggi e le rubriche ora in vigore". Pio XII cita così l'uso della "lingua volgare" nella celebrazione della messa.

Il Papa aggiunge che bisogna ugualmente giudicare "gli sforzi di alcuni per rimettere in uso vecchi riti e cerimonie". La ragione che dà è che questi riti estinti non possono, per la loro sola antichità, essere considerati più adatti e migliori. Inoltre, i riti più recenti "sono degni di essere onorati e osservati poiché sono nati sotto l'ispirazione dello Spirito Santo". È la condanna dell'archeologismo che sarà di gran moda al Concilio e dopo.

La comunione sulla mano è un esempio di tale archeologismo. Fu abbastanza presto - diciamo il VI secolo - sostituito dalla comunione sulla lingua. Questo uso è prevalso per molte ragioni e ha soppiantato completamente la comunione nella mano. Voler riportare in vita quest'ultimo è puro archeologismo, condannato da Pio XII. Questo mostra fino a che punto si pongono i nostri i vescovi. Parlano come storici, ma questa è liturgia.

Inoltre, ricordiamoci che né il Concilio Vaticano II né il Novus Ordo Missae di Paolo VI prevedevano che la Comunione fosse ricevuta in piedi e sulla mano. Consultati con una lettera del Consilium per l'Applicazione della Costituzione alla Liturgia del 29 ottobre 1968, quasi due terzi dei vescovi latini nel mondo si sono opposti all'introduzione di questa forma di comunione.

Fu su insistenza dei vescovi francesi che il 6 maggio 1969 fu finalmente concessa l'autorizzazione per la Francia, poi per gli altri paesi che ne facevano richiesta. Tuttavia, non soppiantava la comunione sulla lingua.

Pertanto, l'istruzione Redemptionis Sacramentum del 25 marzo 2004, afferma al n. 91 che "non è lecito, quindi, negare a un fedele la santa Comunione, per la semplice ragione, ad esempio, che egli vuole ricevere l’Eucaristia in ginocchio oppure in piedi". Si specifica al n° 92 che " ogni fedele abbia sempre il diritto di ricevere, a sua scelta, la santa Comunione in bocca."

La domanda sorge spontanea: chi fa i suoi "piccoli affari nel suo angolino"? I preti che rispettano i diritti dei fedeli o i vescovi francesi che vorrebbero toglierglieli?

 

Il vescovo Aupetit ha probabilmente dimenticato di essere un medico


Anche se questo è un argomento secondario, va ricordato che molti medici in vari paesi d'Europa hanno contestato che la comunione sulla lingua sia più pericolosa in tempi di Covid. Da maggio, in Italia, il professor Filippo Maria Boscia, presidente dell'Associazione dei Medici Cattolici afferma che "come medico, sono convinto che la comunione nella mano sia meno igienica e quindi meno sicura di comunione sulla lingua".

A giugno un gruppo di 21 medici austriaci ha inviato una lettera ai vescovi del loro Paese dove restavano sbalorditi: "dal punto di vista igienico non si capisce perché la comunione sulla lingua sia vietata in Austria". Il 17 settembre, è stata la volta di 27 medici tedeschi a operare lo stesso approccio con la Conferenza episcopale tedesca, sostenendo che "non c'erano ragioni mediche per vietare la Comunione sulla lingua".

Infine, il 7 ottobre, 65 medici e professori polacchi hanno pubblicato una lettera aperta su un quotidiano, in cui affermavano che il modo di ricevere la Comunione in piedi e in mano è più favorevole al contagio che a riceverla in ginocchio e sulla lingua.

I vescovi francesi sanno usare la loro autorità per imporla ai fedeli: così una volta dichiararono proibita la messa di san Pio V, in barba alla legge, e cacciarono i recalcitranti. È così che vogliono imporre la comunione nella mano a tutti i fedeli, sempre contro il loro diritto più legittimo.

Ma davanti all'autorità civile e politica, si sono mostrati incapaci di difendere i diritti della Santa Chiesa, così come la legge naturale. Se c'è un declino nell'influenza della Chiesa nella società, è alla loro riluttanza e alla loro perdita del senso apostolico che lo dobbiamo. Analizzare le cause del loro atteggiamento ci riporterebbe a considerare la crisi provocata dal Concilio Vaticano II.

Avendo gradualmente perso la loro vera identità cattolica, i vescovi allo stesso tempo hanno perso la loro rappresentatività agli occhi del governo. Che non si azzardino a dire adesso che è "colpa dei tradizionalisti".