India: una statua del Cristo semina discordia

15 Gennaio 2020
Fonte: fsspx.news

Vicino a Bangalore, nell'India meridionale, i fedeli cattolici sperimentano i limiti della libertà religiosa: l'opera intrapresa per costruire una statua di Cristo su terreni appartenenti alla Chiesa per più di un secolo è stata interrotta, per il fatto che la collina appartiene ... alle divinità indù!

 

Kanakapura è una piccola città dell'India con 55.000 abitanti, situata a 55 km a sud di Bangalore, nello stato del Karnataka, famosa per le sue fabbriche di seta e le cave di granito.

È in questo luogo, sulla terra che appartiene alla Chiesa dal 1906 - uno dei frutti dell'apostolato dei missionari francesi -, che i fedeli cattolici hanno formato il progetto di erigere una statua di Cristo, che, con i suoi trenta metri di altezza, doveva essere la più alta del paese: abbastanza da far infuriare i seguaci di Vishnu ...

Eppure, un indù, D.K. Shivakumar, membro del partito Indian National Rally (INC) - partito moderato - ha sostenuto il progetto, onorando con la sua presenza la posa della prima pietra della statua, il 25 dicembre 2019 Natale: un bel simbolo.

Ma in Karnataka, come in molti altri stati dell'India, è un partito nazionalista, il Bharatiya Janata Party (BJP), che governa, con un programma semplice ma efficace: sradicare la presenza cristiana nella regione, al fine di per ripristinare la religione indù nella sua purezza originale.

Di conseguenza, il lavoro è stato rapidamente interrotto dalle milizie che hanno criticato i cattolici per aver eretto la statua di un dio straniero su una collina sacra, dedicata alle divinità nazionali indù.

"Gli stessi membri dell'INC che si sono opposti alla costruzione di un tempio dedicato al nostro dio Rama ora vogliono costruire con fondi pubblici una statua di Gesù, il dio nato in Vaticano", ha reagito, in un messaggio vendicativo, uno dei ministri del Karnataka nel BJP, K.S. Eshwarappa.

Mons. Peter Machado di Bangalore ha chiesto il 5 gennaio 2020 l'arbitrato del Primo Ministro di Stato, B.S. Yediyurappa, anch'egli membro del BJP. Apparentemente invano, poiché pochi giorni dopo, l'8 gennaio, il quotidiano The News Minute ha riferito che il governo del Karnataka aveva rilevato numerose irregolarità nel progetto, che ora viene rinviato sine die.

Lo stato del Karnataka è noto per la sua violenza contro i cristiani: chiese, scuole o semplici case di fedeli vengono regolarmente prese di mira dai fondamentalisti indù. Nell'agosto 2019, in particolare, diverse decine di cattolici sono stati attaccati durante un pellegrinaggio mariano alla Basilica di Nostra Signora di Velankanni.