IV Assemblea del Cammino sinodale: uno scisma consumato (1)

13 Settembre 2022
Fonte: fsspx.news
Dove andrà il Cammino sinodale tedesco?

Da giovedì 8 settembre a sabato 10 settembre 2022 si è svolta a Francoforte la quarta e penultima assemblea del Cammino sinodale tedesco, occasione per misurare la determinazione di parte della Chiesa di Germania ad andare al termine di un processo che tende allo scisma.

Il Cammino sinodale si presenta sempre più come una marcia forzata, con un obiettivo chiaramente dichiarato: ottenere il massimo delle riforme nel poco tempo che resta del processo.

Anche i partecipanti se ne lamentano: sta andando troppo veloce. Nella lista, quattordici testi da esaminare in tre giorni, molti dei quali di diverse decine di pagine. Tempo di intervento limitato a 1 minuto a persona! Per non parlare di alcuni scheletri nell'armadio, come la recente intervista della co-presidente. Irme Stetter-Karp, favorevole all'aborto legale.

In lista dunque: nove testi "di base", oltre a cinque testi "d'azione", il primo più dottrinale, il secondo relativo a risoluzioni pratiche, dove si tratta, tra l'altro, della creazione di consigli sinodali, dell'eventuale apertura del celibato obbligatorio per i sacerdoti o della rivalutazione dottrinale dell'omosessualità.

E l'obiettivo a lungo termine è chiaro per la vicepresidente dell'Associazione delle donne cattoliche in Germania, Agnes Wuckelt: la prossima assemblea sinodale è molto importante per le donne perché "si metteranno poi in moto i passi decisivi" per proposte di cambiamento che "scuoteranno la comunità ecclesiale nel mondo". 

Quanto a mons. Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca, e uno dei copresidenti del Cammino sinodale, ha affermato in apertura di questa quarta assemblea, di aver sentito "una pressione infinitamente grande a favore del cambiamento" dalla base della Chiesa. Per questo i risultati del Cammino sinodale devono essere portati al "tavolo della Chiesa universale".

Una dichiarazione scandalosa di mons. Helmut Dieser sostenuta dall'assemblea
Il vescovo di Aquisgrana, Helmut Dieser, ha affermato di non aver ricevuto critiche dai suoi colleghi vescovi per aver affermato che l'omosessualità era voluta da Dio. "Molti di loro sostengono questa posizione", ha detto giovedì a margine dell'assemblea plenaria.

Ha aggiunto: "Con i nostri testi, sottoponiamo qui un voto al magistero della Chiesa (…) perché ne risulti un'evoluzione del catechismo e della concezione della Chiesa sull'omosessualità. Ha sottolineato che le persone gay sono tanto desiderate da Dio quanto le persone eterosessuali".

La vicepresidente del comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK), Birgit Mock, affidandosi alle discipline umanistiche, ha ricordato che secondo il catechismo le persone di orientamento omosessuale sono tenute a non vivere la propria sessualità: il catechismo deve quindi essere riformato.

Irme Stetter-Karp difende le sue affermazioni sull'aborto
L'assemblea plenaria del Cammino sinodale ha discusso giovedì le dichiarazioni della co-presidente del Sinodo, Irme Stetter-Karp, sull'aborto. Il presidente della ZdK aveva chiesto, in un articolo di stampa, che ci fosse "un'offerta diffusa" di aborti, anche nelle zone rurali.

Prima dell'assemblea sinodale, Stetter-Karp ha dichiarato di essere impegnata per la protezione della vita e per il paragrafo 218 del codice penale tedesco relativo all'aborto. Mons. Bätzing, ha preso le distanze dalle dichiarazioni della presidente laica sul tema "l'offerta generalizzata". C'è qui un disaccordo insolubile tra la posizione dei vescovi e le dichiarazioni della signora Stetter-Karp.

Spettacolare svolta degli eventi
Mentre il Cammino sembrava svolgersi tranquillamente, giovedì sera 8 settembre si è verificata una svolta più o meno inaspettata. Il primo testo votato, quello del IV° forum "Vivere relazioni di successo - Vivere l'amore nella sessualità e nella partnership" con un esplicito sottotitolo: "Linee di forza di una rinnovata etica sessuale", è stato respinto da una minoranza di blocco dell'episcopato.

Va ricordato che, per essere ratificato, un testo deve riunire la maggioranza dei due terzi dell'assemblea generale, nonché la stessa maggioranza dei vescovi. Tuttavia, l'82,8% dei delegati presenti ha votato a favore del testo, il 38,9% dei vescovi ha votato contro, e il testo è stato quindi respinto.

Alcuni vescovi hanno messo in guardia contro una rottura con la dottrina della Chiesa
Se ci si prende la briga di leggere questo documento di una trentina di pagine, questo basta a provare che la rottura con la dottrina della Chiesa è stata ampiamente raggiunta. Il testo accusa anzitutto la dottrina sessuale della Chiesa di aver "manifestamente favorito" atti intollerabili di violenza sessuale.

E il testo continua: "Chiediamo con tutto il cuore perdono a tutti coloro che hanno sofferto per le conseguenze dell'insegnamento sessuale della Chiesa. (…) Ci impegniamo a provvedere a un cambiamento nell'insegnamento e nella pratica della Chiesa in materia di sessualità umana, tenendo conto della conoscenza delle scienze umane". 

Dobbiamo forse ricordare che queste scienze umane sono soggette a molte ideologie e pregiudizi che portano a errori o pregiudizi, e che in nessun caso possono rappresentare una fonte di Rivelazione?

Le conclusioni del documento vengono di conseguenza: "Per ogni sessualità, la dignità delle persone interessate deve essere sempre rispettata come espressione dell'immagine di Dio. Il diritto all'autodeterminazione sessuale fa parte della dignità". E ancora: "Occorre rispettare ogni forma di identità e orientamento sessuale". 

Segue il rifiuto della moralità rivelata: "La sessualità omosessuale – realizzata anche negli atti sessuali – non è un peccato che separa da Dio e non va giudicata come cattiva di per sé. L'omosessualità non è un criterio di esclusione per l'accesso ai ministeri ordinati". Più avanti, il testo riconosce l'onanismo come una forma legittima di sessualità.

Il testo afferma poi che "anche le unioni tra persone dello stesso sesso (…) devono potersi considerare poste sotto la benedizione di Dio, espressamente concessa dalla Chiesa, e vivere di questa benedizione. Questo vale anche per le persone che entrano in una nuova unione dopo un matrimonio fallito". 

La cosa più sorprendente non è che 21 vescovi su 60 abbiano votato “contro”, ma che 33 di loro abbiano votato "a favore" di un testo del genere – altri 3 si sono astenuti e altri 3 non hanno votato.

L'inizio del caos
Le scene che sono seguite mostrano da un lato che la maggioranza non è pronta ad accettare ciò che pensa la minoranza: rabbia, delusione, diserzione, accuse di occultamento contro i vescovi avversari, critiche al sistema di voto, e così via; dall'altro, che si tratta di portare avanti la rivoluzione a tutti i costi.

Diversi vescovi hanno così mostrato la loro determinazione ad utilizzare il testo nelle loro diocesi, nonostante il suo rifiuto. Quanto a monsignor Bätzing, ha annunciato che presenterà ancora il testo non accettato al sinodo mondiale, e che lo sottoporrà anche alle sue autorità sinodali, nella diocesi di Limburgo. Alla fine ha deciso che i vescovi d'ora in poi si sottoporranno a un voto nominativo...

Alla fine di questo primo giorno, un piccolo barlume di speranza sembrava brillare. Ma in realtà lo scisma di buona parte dell'episcopato tedesco è già consumato nella loro intelligenza e nel loro cuore. Il seguito lo mostrerà.

 

Continua...