IV Assemblea del Cammino sinodale: uno scisma consumato (2)

15 Settembre 2022
Fonte: fsspx.news

Da giovedì 8 settembre a sabato 10 settembre 2022 si è svolta a Francoforte la quarta e penultima assemblea del Cammino sinodale tedesco, occasione per misurare la determinazione di parte della Chiesa di Germania ad andare al termine di un processo che tende allo scisma.

Nella prima giornata si è verificato un colpo di scena, con il rigetto del testo sulla morale sessuale, grazie al rifiuto di 21 vescovi che hanno votato contro il testo, e in rappresentanza di una minoranza di blocco, come riportato dall'articolo precedente.

Un concerto di lamentazioni
Dopo il rigetto del testo, le cui proposte sono una più scandalosa dell'altra, il secondo giorno, venerdì 9 settembre, si è alzato un concerto di polemiche per lamentare tale rifiuto. Diversi vescovi hanno espresso la loro delusione.

Così, il vescovo di Hildesheim, mons. Heiner Wilmer, ha riconosciuto che questa è una battuta d'arresto per i progetti di riforma della Chiesa. "Ho votato a favore del documento di base sulla riforma della dottrina sessuale cattolica e sono molto turbato dal fatto che non sia stata raggiunta la maggioranza dei due terzi dei vescovi", ha affermato.

Condivide la delusione di molti cattolici per il fallimento del testo durante la votazione di giovedì sera. La riforma della dottrina sessuale della Chiesa è e rimane secondo lui un tema essenziale. "Il rifiuto del documento di base da parte di una minoranza di vescovi non cambia nulla", continua, e assicura che continuerà a impegnarsi per un rinnovamento della morale sessuale cattolica.

Una suora benedettina è arrivata a parlare di "autoscomunica" dei vescovi interessati! Questo termine è stato fermamente respinto da uno di loro che è stato sostenuto da mons. Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca (Dbk) e copresidente del Cammino sinodale.

Adozione di un testo contrario alla dottrina e disciplina cattolica
In serata, dopo tante tensioni legate al voto negativo, l'assemblea ha ripreso la marcia verso il baratro. Un documento, proposto in seconda lettura, è stato adottato a larga maggioranza: il 92% dei delegati e l'83% dei vescovi lo hanno approvato.

Si tratta di un testo di "azione", quindi pratico. Intitolato "Rivalutazione dottrinale dell'omosessualità", si basa sul testo respinto il giorno prima, che pone un problema percepito da alcuni, ma ignorato dalla presidenza.

Composto da sole tre pagine, questo testo "raccomanda al Papa di procedere a un chiarimento e a una rivalutazione dell'omosessualità a livello magisteriale". Si afferma che "la sessualità tra persone dello stesso sesso, compresi gli atti sessuali, non è un peccato che separa da Dio e non dovrebbe essere giudicata come intrinsecamente sbagliata".

Concretamente, si chiede una revisione del catechismo, in particolare gli "atti omosessuali" devono essere rimossi dall'elenco dei "principali peccati contro la castità". Inoltre, "la Chiesa deve confessare di aver inflitto sofferenze alle persone e di aver violato la loro dignità con il suo insegnamento e la sua pratica in materia di omosessualità".

E poiché "l'omosessualità non è una malattia, le cosiddette 'terapie di conversione' vanno rifiutate". E, infine, "a nessuno dovrebbe essere impedito di assumere funzioni ecclesiastiche o di essere ordinato sacerdote, e nessuna persona al servizio della Chiesa dovrebbe subire svantaggi professionali perché orientata all'omosessualità".

La giustificazione addotta si basa sull'evoluzione delle mentalità e delle scienze umane. "La rivalutazione dell'omosessualità vissuta qui proposta si avvia su un percorso che cerca di costruire ponti tra la dottrina e la tradizione della Chiesa esistente e un ulteriore sviluppo". 

Modifiche alla politica di base del servizio della Chiesa
In Germania esistono Regolamenti di base per il servizio ecclesiastico nei rapporti di lavoro ecclesiastici, che regolano l'assunzione, il trattamento e il licenziamento del personale impiegato dalle istituzioni ecclesiastiche.

Tale regolamento prevede, oltre alle disposizioni in materia di qualità del lavoro, delle misure basate sulla vita morale del lavoratore. In particolare, prevede che una vita morale disordinata sia motivo di licenziamento. È ad abolire queste disposizioni che mira il testo adottato in seconda lettura dall'Assemblea del Cammino sinodale, oltre che dai vescovi.

In nome della dignità umana e dell'evoluzione dell'opinione pubblica, il regolamento non deve più consentire che "le decisioni a favore di una forma giuridica di convivenza siano considerate violazioni degli obblighi di lealtà e, di conseguenza, impedire l'assunzione al servizio della Chiesa o comportare la cessazione di un rapporto di lavoro in essere".

Inoltre, "una clausola di non discriminazione dovrebbe essere introdotta nel regolamento di base che vieta ai datori di lavoro della Chiesa di non assumere una persona a causa della loro identità sessuale o della scelta di una forma legale di unione, o di licenziare un lavoratore della Chiesa per questi motivi".

Sulla stessa linea vanno infine modificate le ordinanze concernenti la Missio canonica. Lo stesso vale per le modalità di concessione del Nihil obstat. Tuttavia, per quest'ultimo punto si precisa che, "per quanto concerne la Chiesa universale, devono essere modificati secondo la Chiesa universale".

In altre parole, il documento si oppone a qualsiasi sanzione o discriminazione nell'assunzione di divorziati risposati o di coppie omosessuali.

Testo base del Terzo Forum su "Le donne nei ministeri e nelle funzioni nella Chiesa"
La seconda giornata si è conclusa con l'adozione del testo fondamentale del Terzo Forum, sulla parità dei diritti delle donne nella Chiesa. Adottato in seconda lettura dal 92% dei delegati e dall'82% dei vescovi, il testo chiede l'uguaglianza delle donne in tutti gli incarichi di responsabilità e l'accesso ai ministeri ordinati.

Va notato, nell'introduzione, questo passaggio: "Bisogna che si formi in ogni tempo la forma istituzionale e ufficiale della Chiesa", che si oppone direttamente alla costituzione divina della Chiesa.

Il modo per raggiungere questo obiettivo è riportato di seguito: "Per questo, è essenziale riflettere sulle diverse posizioni teologiche nella prospettiva dell'uguaglianza di genere, entrare in stretto contatto con le scienze sociali, culturali e umane e riprendere in modo costruttivo le loro riflessioni teoria del genere". 

I redattori hanno anche cercato la loro ispirazione nella teologia e nella pratica degli Ortodossi, così come dei Riformati… senza dimenticare il famoso Sinodo di Würzburg. Contestano la tradizione della Chiesa e mettono in discussione le decisioni finali sull'esclusione delle donne dai ministeri ordinati.

L'Assemblea del Cammino sinodale si è così rassicurata: la rivoluzione avanza e lo scisma – per non dire eresia su alcuni punti – si consolida nei cuori e nelle disposizioni pratiche.

Continua…