Kazakistan: il Papa va a un Congresso delle Religioni (2)

21 Settembre 2022
Fonte: fsspx.news
Papa Francesco salutato da Ahmed el-Tayeb, Grande Imam di al-Azhar, firmatario del Documento sulla Fratellanza Umana

Il 14 e 15 settembre si è svolto a Nur Sultan, capitale del Kazakistan, il VII Congresso dei Leader Spirituali delle Religioni Mondiali e Tradizionali, alla presenza di Papa Francesco, che aveva insistito per fare il viaggio. Il primo articolo ha descritto questo evento e l'impossibilità per un cattolico di parteciparvi.

Si è già detto quanto sia stata povera la Dichiarazione finale, ma soprattutto non ha segnato un vero consenso, rimanendo in generale su punti che, concretamente, non sono accolti allo stesso modo dai vari partecipanti.

C'è un punto particolare che vale la pena sottolineare, poiché ripete e aggrava il Documento sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi.

Retrospettiva sul Documento sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi
Il suo titolo completo è Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, firmato dalla Santa Sede e dall'Università Al-Azhar, e successivamente adottato dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) il 21 dicembre 2020.

È stato oggetto di numerosi articoli sul sito FSSPX.Attualità. Ma una delle proposte che aveva suscitato più proteste era la seguente: "Il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani".

Questo è un grave errore – eresia – e una bestemmia: attribuire false religioni alla sapienza divina è attribuire errore e male a Dio.

Dopo essere stato avvertito due volte, in particolare da mons. Athanasius Schneider, il Papa ha finito per dire, due volte, che si trattava della "volontà permissiva" di Dio.

Bisogna spiegare: secondo la teologia, Dio vuole il bene, e tutto ciò che è buono viene da questa volontà di Dio, ma Egli "permette" il male. Così, tutto ciò che è male è solo permesso da Dio, che non vuole mai il male.

Questa spiegazione non è stata del tutto soddisfacente, e ha inoltre appena subito una grave smentita.

La dichiarazione dei partecipanti al Congresso dei leader religiosi
Va notato che, nel suo preambolo, i partecipanti al congresso "rispettano la ricchezza della diversità religiosa e culturale". Se la ricchezza culturale non pone difficoltà, la ricchezza religiosa ne pone una seria. Perché l'unica "ricchezza" religiosa è il nostro Sommo Sacerdote, Gesù Cristo e la Chiesa da lui fondata. Non c'è altro. Questo fa luce su quanto segue.

Si noti inoltre che c'è una differenza tra il testo letto davanti ai delegati, e il testo stampato, come spiegato da InfoCatolica.

La versione letta è la seguente: "Rileviamo che il pluralismo in termini di differenze di religione, colore della pelle, genere, razza e lingua sono espressioni della saggezza della volontà di Dio nella creazione. Pertanto, qualsiasi tentativo di coercizione verso una particolare dottrina religiosa è inaccettabile". Che è una copia del documento di Abu Dhabi.

Il testo stampato invece dice: "Rileviamo che il pluralismo in termini di differenze di colore della pelle, sesso, razza, lingua e cultura sono espressioni della sapienza di Dio nella creazione. La diversità religiosa è permessa da Dio e quindi qualsiasi coercizione verso una particolare religione e dottrina religiosa è inaccettabile". 

Un errore aggravato
Rispetto al documento di Abu Dhabi, l'errore è diventato ancora più grave.

In primo luogo, c'è una logica incongruenza nel passare dalle differenze "di colore della pelle, sesso, razza, ecc. alla religione. Questo è chiamato l'errore della falsa conseguenza. La conclusione non è contenuta nelle premesse.

Un secondo punto è che il termine inglese usato per "sesso" è "gender". Un termine che può essere tradotto come tale, ma che può benissimo, soprattutto nel contesto attuale, essere tradotto come "genere", nel senso attuale. Questo dà un significato molto speciale al testo.

Ma la cosa più grave è dire che "la diversità religiosa è permessa da Dio e, quindi, ogni coercizione verso una particolare religione e dottrina religiosa è inaccettabile".

Innanzitutto perché la "diversità religiosa" comprende l'unica vera religione, la religione cattolica. Ci sono diverse possibilità da considerare.

– O, ed è quello che sembra essere il pensiero dei redattori, il termine "permesso" è da prendere per "ricercato", il che è gravemente errato.

– O vuole dire effettivamente "permesso", ma va notato che il cattolicesimo è incluso in questa diversità. Non gli viene in alcun modo assegnato un posto speciale. E poiché "permesso" si riferisce al male, il cattolicesimo è considerato come cattivo.

– Infine, anche qualora non venisse incluso nemmeno il cattolicesimo, che sembra del tutto irrilevante, resta il fatto che, poiché "permesso" designa un male, è profondamente erroneo dire che questo non può essere combattuto.

Anche se a volte bisogna rinunciare a combatterlo, questo può avvenire solo nel caso di un'attenta tolleranza, per evitare un male più grande. Ma in nessun caso gli può essere concesso un diritto all'immunità che è dovuto solo al bene.

Quindi, in qualunque modo il testo possa essere inteso, è profondamente imperfetto. Ed è stato adottato e firmato da papa Francesco.

Ma potrebbe essere altrimenti in un tale Congresso? Inesorabilmente, questo dialogo interreligioso porta alla creazione di un'unica religione mondiale, che non ha più nulla a che vedere con la Chiesa cattolica fondata da Gesù Cristo, il vero Figlio di Dio.