La bomba atomica è immorale?

11 Gennaio 2020
Fonte: fsspx.news

Il 24 novembre 2019, presso il Memoriale della Pace di Hiroshima, Papa Francesco si è espresso come segue: «Desidero ribadire con convinzione che l'uso dell'energia atomica per scopi militari è oggi più che mai un crimine non solo contro l'uomo e la sua dignità, ma anche contro ogni possibilità di futuro nella nostra casa comune. L'uso dell'energia atomica a scopi militari è immorale, così come il possesso di armi atomiche» (nota 1). Due giorni dopo, sull'aereo che lo riportava da Tokyo a Roma, Papa Francesco ha risposto a un giornalista: «L'uso di armi nucleari è immorale, questo deve andare nel Catechismo della Chiesa Cattolica, e non solo l'uso, anche il possesso, perché l'incidente di uno in possesso, o la pazzia di qualche governante, la pazzia di uno può distruggere l'umanità» (nota 2).

 

Cosa dovremmo pensare di tali affermazioni? Già nel 1965, durante le discussioni sulla costituzione Gaudium et spes del Concilio Vaticano II, i teologi hanno dibattuto. Alcuni volevano che la Chiesa vietasse del tutto l'uso dell'energia nucleare militare. Altri, al contrario, vedevano la bomba atomica come mezzo di autodifesa (nota 3). Alla fine, il Concilio non ha risolto il dibattito. Nel 1982, Papa Giovanni Paolo II credeva di poter affermare: «Nelle condizioni attuali, una dissuasione basata sull'equilibrio, non certo come fine a se stesso, ma come passo sulla via del progressivo disarmo, può ancora essere giudicato moralmente accettabile» (nota 4). Tuttavia, questa posizione non è stata sufficiente per calmare le controversie all'interno della Chiesa. Nel dicembre 1982, tra i vescovi degli Stati Uniti d'America, le differenze erano evidenti. Alcuni, come l'arcivescovo di Chicago, volevano qualificare il nucleare militare come immorale. Altri, come l'arcivescovo di New Orleans, hanno offerto un apprezzamento più sfumato, menzionando «il fatto che abbiamo il dovere di difendere l'Europa occidentale e che ciascuna delle nazioni che la compongono desidera la presenza delle nostre armi nucleari in Europa per scacciare un'aggressione sovietica» (nota 5).

 

Come applicare i principi della morale cattolica su questo argomento?

 

Analizziamo innanzitutto i due argomenti avanzati dal Papa: la bomba atomica è immorale perché contraria alla dignità della persona umana e alla protezione del nostro pianeta. Per un cattolico, questi ragionamenti sono molto fragili e inconcludenti. Sono ispirati da una filosofia dubbia e potrebbero portare al divieto morale della guerra stessa. Sant'Agostino, al contrario, ha dimostrato che l'immoralità non sta nell'uccidere, ma nell'ingiustizia: «Cosa c'è da biasimare nella guerra? Uccidere uomini che moriranno un giorno per soggiogare quelli che vivranno in pace più tardi? Criticare la guerra per cose del genere sarebbe pusillanime, non religioso. Il desiderio di nuocere, la crudeltà nella vendetta, lo spirito inquieto e implacabile, la brutalità nella ribellione, la passione nel dominare, questi sono i motivi per criticare la guerra (nota 6). Nello stesso spirito, Papa Pio XII, nel 1948, denunciò il falso pacifismo. Ha condannato «l'atteggiamento di coloro che detestano la guerra a causa dei suoi orrori e atrocità, la sua distruzione e le sue conseguenze, ma non anche a causa della sua ingiustizia. Questo sentimento crea la fortuna dell'aggressore» (nota 7).

Quindi mettiamo da parte i falsi argomenti di dignità umana ed ecologia. Nella teologia morale, è innanzitutto la legge naturale e divina che deve guidarci. Ora cosa prescrive?

 

Secondo il quinto comandamento di Dio, non è mai permesso uccidere direttamente una persona innocente. È intrinsecamente sbagliato. È un peccato mortale contro la giustizia. Pertanto, anche in una guerra giusta, uccidere un gran numero di civili per fare pressione e costringere il nemico ad arrendersi è un metodo gravemente immorale. Tuttavia, se si tratta di uccidere indirettamente un uomo innocente, la domanda è più sottile. È consentito nelle seguenti condizioni:

 

Che la morte dell'innocente non sia voluta, ma solo prevista, permessa e tollerata (nota 8).

Che la morte degli innocenti non causi il bene desiderato. San Paolo afferma infatti che non è consentito fare del male per ottenere il bene (nota 9).

Ci sia una causa proporzionata (nota 10).

È quest'ultima condizione che potrebbe non essere soddisfatta in caso di bomba atomica. Ad esempio, se, bombardando una grande base militare nemica, si uccidesse indirettamente e inconsapevolmente due o tre civili, ci sarebbe una causa proporzionata. Ma se, per uccidere cinque soldati nemici, si corresse il rischio di causare la morte di centinaia di civili, la causa non sarebbe proporzionata. Tuttavia, la bomba atomica è estremamente letale. Il suo utilizzo sarà lecito solo se il danno causato ai civili siano molto limitati. È per questo motivo che è difficile giustificare i bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki nell'agosto 1945.

 

Ma dovremmo concludere che la bomba atomica in sé è immorale? Certamente no. La moralità di un'arma non deriva dalla sua natura ma dall'uso che gli uomini ne fanno. Ad esempio, la dinamite non è di per sé, moralmente, né buona né cattiva. D'altra parte, l'uso della dinamite da parte degli esseri umani sarà necessariamente positivo o negativo. Lo stesso vale per la bomba atomica. È vero che quest'ultima è molto più devastante. Ma non è l'efficacia di un'arma a renderla cattiva. È evidente che un'azione di guerra mira sempre ad essere efficace (nota 11).

 

La difficoltà sta negli effetti distruttivi di questa bomba: sono terribili e difficili da controllare. Tuttavia, non è impossibile immaginare una situazione in cui le vittime innocenti di armi nucleari sarebbero poche. Questi sono casi in cui l'obiettivo militare del nemico è chiaramente isolato. Ad esempio, se una potente base militare nemica si trova nel mezzo di un deserto, o su un'isola scarsamente popolata nell'Oceano Pacifico, allora, se la guerra è giusta, l'uso di una bomba atomica potrebbe essere permesso moralmente, purché la potenza della bomba sia proporzionata, per quanto possibile, alle dimensioni del bersaglio. Questa bomba potrebbe anche essere legittimamente sganciata su uno squadrone in mare lontano dalla costa. Bisogna tuttavia riconoscere che una situazione del genere non è frequente e che di conseguenza, il più delle volte, l'uso della bomba atomica non è giustificato, a causa della mancanza di proporzioni tra la morte di molte persone innocenti e il risultato militare desiderato.

 

Questo è il motivo per cui Papa Pio XII, con la consueta precisione, si espresse così nel 1954: «La guerra totale moderna, in particolare la guerra A.B.C. (atomica, biologica, chimica), è permessa in linea di principio? Non ci possono essere dubbi, soprattutto a causa degli orrori e delle immense sofferenze causate dalla guerra moderna, che scatenarla senza giusta causa (cioè senza essere imposta da un'evidente ingiustizia ed estremamente grave, ovvero inevitabile), costituisce un'offesa degna delle più severe sanzioni nazionali e internazionali. In linea di principio non si può nemmeno porre la questione della legittimità della guerra atomica, chimica e batteriologica, tranne nel caso in cui si debba ritenere essenziale difendersi nelle condizioni indicate. Anche in questo caso, tuttavia, è necessario compiere ogni sforzo per evitarla attraverso accordi internazionali o per porre limiti abbastanza chiari e stretti al suo utilizzo in modo che i suoi effetti, tuttavia, rimangano limitati strettamente ai requisiti della difesa. Quando l'implementazione di questo mezzo porta a una tale estensione del male che sfugge completamente al controllo umano, il suo uso deve essere respinto come immorale. Qui non è più una difesa contro l'ingiustizia e la necessaria salvaguardia dei beni legittimi, ma il completo annientamento di tutta la vita umana nel raggio d'azione. Ciò non è consentito in alcun modo» (nota 12).

 

Purtroppo, siamo quindi obbligati a notare ancora una volta che la teologia di Papa Francesco è difettosa. Il nucleare militare non è intrinsecamente immorale. È vero, tuttavia, che le condizioni da soddisfare affinché sia ​​equa sono tali che, in termini pratici, l'uso della bomba atomica sarebbe moralmente consentito molto raramente. Ma questa conclusione è sufficiente per rendere legittimo il possesso di armi nucleari.

 

Note

 

1. L'Osservatore romano per martedì 3 dicembre 2019, edizione francese, pagina 8.

 

2. Ibid. pagina 16.

 

3. ROBERTO DE MATTEI, Vaticano II. Una storia mai scritta, pagina 318.

 

4. Messaggio di Papa Giovanni Paolo II per la seconda sessione straordinaria dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul disarmo il 7 giugno 1982.

 

5. Intervento di MGR HANNAN, La documentazione cattolica, 16 gennaio 1983.

 

6. SANT'AGOSTINO, Contra Faustum, cap. 74.

 

7.Radiomessage au monde del 24 dicembre 1948.

 

8. Somma teologica, IIa IIæ Q.64 art. 6.

 

9. Rom. III, 8.

 

10. Somma teologica, IIa IIæ Q.64 art.7 in corp.

 

11. Ciò è ben spiegato da PADRE LABOURDETTE nel suo Grand cours de théologie morale, Volume X (La Carità), pagina 349. 12. Discorso di Papa Pio XII all'ottava assemblea della World Medical Association, 30 Settembre 1954.

 

Don Bernard de Lacoste Lareymondie