La Chiesa cattolica perde milioni di fedeli in America Latina

24 Gennaio 2022
Fonte: fsspx.news
Il “Tempio di Salomone” a San Paolo

L'ultimo "barometro-latino" ha confermato che la Chiesa cattolica continua a perdere milioni di fedeli battezzati, la maggior parte dei quali si sta orientando verso il protestantesimo evangelico, soprattutto nella sua ala pentecostale. Il cattolicesimo non supera il 50% della popolazione in Uruguay e in tutto il Centro America, ad eccezione del Costa Rica. Sarà lo stesso quest'anno in Brasile.

Il continente americano di lingua spagnola e portoghese cessa di essere prevalentemente cattolico. Né i documenti, né i sinodi, né i piani pastorali con tutte le loro condizioni sembrano in grado di impedire a milioni di cattolici battezzati di unirsi alle comunità ecclesiali protestanti, specialmente quelle di confessione pentecostale.

Nel 1995, l'80% della popolazione latinoamericana si identificava come cattolica. Sono solo il 59% nel 2018. La percentuale di protestanti evangelici ora supera il 20% e il 65% di loro sono pentecostali.

Il caso emblematico del Brasile
"Il Vaticano sta perdendo il più grande Paese cattolico del mondo: è una perdita enorme e irreversibile", ha affermato José Eustáquio Diniz Alves, noto demografo brasiliano ed ex professore all'agenzia nazionale di statistica. Al ritmo attuale, stima che i cattolici rappresenteranno meno del 50% di tutti i brasiliani entro l'inizio di luglio.

Le ragioni di questo sviluppo sono complesse: i cambiamenti politici che hanno ridotto i vantaggi della Chiesa cattolica rispetto alle altre religioni e una maggiore secolarizzazione. Durante la pandemia, le chiese evangeliche sono state particolarmente efficaci nell'usare i social media per coinvolgere i loro seguaci.

I critici all'interno e all'esterno della Chiesa cattolica sottolineano anche la sua incapacità di soddisfare le esigenze religiose e sociali di molte persone, specialmente dei poveri. I latinoamericani descrivono la Chiesa cattolica come disconnessa dalla vita quotidiana dei suoi fedeli.

L'ascesa della teologia della liberazione, che ha visto i religiosi insistere sulla missione di giustizia sociale della Chiesa, spesso attingendo a idee marxiste, non è riuscita a contrastare il fascino delle religioni protestanti.

Questo declino dell'influenza del cattolicesimo ha notevoli conseguenze sociali e politiche. In paesi come il Brasile, le conversioni al pentecostalismo hanno rafforzato le opinioni socialmente conservatrici dalle favelas alle sale del Congresso, contribuendo a portare al potere il presidente di destra Jair Bolsonaro nel 2018.

Sebbene il presidente Bolsonaro si identifichi ancora come cattolico, si è fatto battezzare da un pastore pentecostale nel fiume Giordano nel 2016 in vista della preparazione per la sua campagna presidenziale. Pentecostali ed evangelici sono ben rappresentati nel suo gabinetto e costituiscono un terzo del congresso brasiliano. Sua moglie frequenta una chiesa evangelica.

Una mancanza di spiritualità e di spirito missionario
Secondo il Wall Street Journal, i motivi principali per cui tanti cattolici lasciano la Chiesa per altre comunità ecclesiali sono, secondo studi sociologici, che vi trovano "un maggiore legame personale con Dio" (81%) e un maggiore aiuto per i loro membri (60%).

Inoltre, i fedeli evangelici sono molto più praticanti dei cattolici, con la maggioranza dei protestanti (65%) che assiste al culto più di una volta alla settimana, mentre solo il 16% dei cattolici fa lo stesso per la messa.

P. Martín Lasarte, sacerdote uruguaiano presente al sinodo sull'Amazzonia, ritiene che il movimento di teologia della liberazione abbia spesso posto le questioni politiche e sociali al di sopra dell'esperienza religiosa. In questo caso, "manca il senso esistenziale della gioia di vivere il Vangelo, questo incontro personale che tante chiese pentecostali danno alla persona", ha detto.

Alcuni movimenti cattolici in America Latina hanno cercato di riconquistare la pecorella smarrita, imitando il pentecostalismo oppure attraverso un certo tradizionalismo.

Dagli anni '70, il cattolicesimo carismatico ha cercato di mantenere nei ranghi molti cattolici attratti dal pentecostalismo, con la guarigione per la fede e il parlare in lingue, combinati con pratiche cattoliche, inclusa la devozione alla Vergine Maria. Nel 2020, il 22,8% dei cattolici in America Latina era carismatico, secondo il World Christian Database.

Il cattolicesimo conservatore militante – più recente – enfatizza l'apologetica. Uno dei principali leader è padre Paulo Ricardo, che ha 1,5 milioni di follower su Facebook: ha condannato la teologia della liberazione come eresia e ha sostenuto con entusiasmo elementi dell'agenda di Bolsonaro, come l'allentamento nel possesso di armi.

Il potere finanziario degli evangelici
Decime e profitti di un impero economico gestito dalle Chiese evangeliche del Brasile – che include reti televisive e compagnie di crociera – hanno dato al movimento una forza finanziaria che gli consente di espandersi nelle periferie povere e di finanziare campagne politiche.

Nel centrocittà di São Paulo, una replica da 300 milioni di dollari del Tempio di Salomone testimonia l'ascesa fulminea dell'evangelicalismo. Costruito nel 2014 da una delle chiese neo-pentecostali più grandi e ricche del Brasile, la Chiesa Universale del Regno di Dio, il tempio può ospitare fino a 10.000 fedeli.

Molti pentecostali predicano la “teologia della prosperità” – meglio conosciuta negli Stati Uniti come il Prosperity Gospel – secondo la quale la grazia di Dio si riflette nella ricchezza materiale. Al Tempio di Salomone a São Paulo, uomini in giacca e cravatta si mettono regolarmente in fila all'altare con borse e lettori di carte di credito per ricevere le offerte, mentre il pastore promette ai suoi fedeli che se faranno generose donazioni diventeranno ricchi.

Sfortunatamente, sebbene abbia fatto il suo primo viaggio internazionale in Brasile nel luglio 2013 e da allora abbia visitato altri nove paesi della regione, papa Francesco chiaramente non sta conducendo una crociata per rivendicare la regione al cattolicesimo.