La crisi della Chiesa in Germania: parlano i numeri

29 Giugno 2022
Fonte: fsspx.news
Cattedrale di Colonia

I numeri della Chiesa in Germania per l'anno 2021, espressi il 27 giugno, mostra la profondità della disgregazione del tessuto ecclesiale in questo Paese. Ma mostra anche che, nonostante le promesse del Cammino sinodale e le posizioni assunte contrarie alla dottrina della Chiesa, la situazione sta solo peggiorando.

Un catastrofico bilancio post-Covid
Le statistiche per l'anno 2020 erano state catastrofiche, ma riflettevano, secondo Mons. Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca, il forte impatto della pandemia sulla vita delle comunità: un evidente calo di matrimoni, battesimi, prima comunioni e cresime.

I dati per il 2021 mostrano qualche recupero: il doppio dei matrimoni e delle cresime e la metà dei battesimi. Ma se confrontiamo con gli anni prima della pandemia, il conto non è ottimale. La media degli anni 2020 e 2021 è molto inferiore ai dati del 2019.

Un numero devastante di abbandoni
Va ricordato che in Germania i fedeli sono ufficialmente iscritti presso lo Stato, a causa della tassa religiosa. Infatti, parte delle imposte sul reddito di ogni cattolico viene devoluta alla Chiesa. La disiscrizione è considerata un "abbandono della Chiesa".

L'anno 2021 ha registrato 359.338 partenze dalla Chiesa, 138.000 in più rispetto all'anno precedente. Già dieci anni fa, l'uscita dalla Chiesa di 138.000 sarebbe stata considerata preoccupante; nel 2010, anno in cui è stata rivelata l'entità degli abusi, 181.000 persone avevano lasciato la Chiesa. Se aggiungiamo i decessi, si arriva a un totale di quasi 550.000 cattolici in meno rispetto all'anno precedente.

La tabella è simile agli anni precedenti. Le conclusioni tratte dai dati del 2019 possono essere applicate in maniera identica all'anno in corso: le diocesi i cui vescovi sono particolarmente esposti nei dibattiti sulle riforme, siano esse conservatrici o progressiste, sono così vicine tra loro nelle statistiche che non se ne trae alcuna conclusione.

I pastori conservatori non conservano particolarmente bene il loro gregge, né i vescovi progressisti riescono a trattenere i fedeli. Inoltre, le statistiche protestanti sono parallele nelle tendenze. È l'istituzione che non conta più: a prescindere dalle differenziazioni e dai dibattiti interni.

Mons. Bätzing ha reagito dichiarando che "il rinnovamento che portiamo con il Cammino sinodale non è chiaramente ancora arrivato qui, a contatto con i credenti". La riforma che propone assomiglia a una modernizzazione di ripiego, che apparirà sempre insufficiente. Anche dove le decisioni stanno iniziando ad essere attuate, il malcontento persiste.

La crisi sempre rinnovata degli abusi
Indagini e studi continuano nelle varie diocesi, portando ogni volta alle stesse accuse, e agli stessi interrogativi generali. Il Cammino sinodale non aiuta in alcun modo, anzi. Dà l'impressione che la riforma sia stata discussa per 50 anni, senza risultati. L'ottimismo dei principali protagonisti del sinodo, clero e laici, non è condiviso.

Cifre da record, caduta libera, tracollo, implosione: i superlativi usati ogni anno per descrivere i nuovi numeri si sprecano. Le metafore non servono, bastano le cifre: nel 2018 il numero di uscite è stato il secondo più alto finora. Nel 2019 il più alto. Nel 2020, ancora una volta il secondo più alto. Nel 2021 di nuovo il più alto, in attesa del prossimo.

Ovviamente il Cammino sinodale non è una panacea, e finirà per mettere fine a una Chiesa morente.