La diversità insidia le Guardie Svizzere

21 Settembre 2021
Fonte: fsspx.news

L'ideologia di genere avrà la meglio sulle tradizioni della Guardia Svizzera Pontificia, istituzione vecchia di quasi mezzo millennio? Ciò è possibile se si considera la disposizione della nuova caserma destinata all'acquartieramento di coloro che sono chiamati a vegliare, notte e giorno, sulla persona del successore di Pietro.

L'edificio dovrebbe essere inaugurato nel 2027. Quest'anno ricorrerà il 500° anniversario del sacrificio delle 189 guardie che proteggerono eroicamente la fuga di papa Clemente VII verso Castel Sant'Angelo. Il progetto ha attirato l'attenzione dei giornalisti di SonntagsZeitung.

La futura caserma, con un finanziamento stimato in 50 milioni di franchi svizzeri o 46 milioni di euro, comprende un'ala progettata con camere singole e bagni privati.

"Fin dall'inizio, è stato importante per noi che il nuovo edificio offrisse uno spazio che potesse essere utilizzato dalle donne", ammette Jean-Pierre Roth, ex direttore della Banca nazionale svizzera, ora a capo della Fondazione per la ristrutturazione del caserma.

Un'iniziativa accolta dal presidente della Fondazione della Guardia Svizzera, Ruth Metzler-Arnold, che precisa che "non appena le donne saranno ammesse, aumenterà anche il potenziale di reclutamento della Guardia". Un progetto che sembra aver superato la fase dell'ipotesi.

Per giustificare una possibile rivoluzione nel corpo d'élite svizzero, si sostiene che sia difficile rinnovare la forza lavoro: una trentina di nuove guardie entrano in servizio ogni anno, a fronte di altrettante partenze. Tre anni fa, papa Francesco ha deciso di aumentare il numero delle truppe da 110 a 135 soldati, a causa dei crescenti rischi per la sicurezza.

L'apertura alle donne, secondo i promotori del progetto, faciliterebbe il reclutamento che richiede che il candidato sia cattolico, di nazionalità svizzera, senza precedenti penali, di aver completato la scuola di reclutamento e di essere in buone condizioni fisiche e mentali.

Un argomento di poco peso quando si conoscono le Guardie Svizzere che non hanno mai avuto molte difficoltà, nel corso della loro storia, a trovare reclute motivate provenienti dalla Confederazione Svizzera...

Spetta però al Sommo Pontefice la decisione finale di ampliare il corpo della Guardia Svizzera Pontificia: un membro della sala stampa della Santa Sede in viaggio con Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia, ha dichiarato il 12 settembre di non essere a conoscenza del progetto, mentre un'altra fonte ha risposto: "vedremo".

Avranno corso un po' troppo? In ogni caso, l'imbarazzo è tale oltretevere che è stato chiesto un chiarimento: "Mi è stato chiesto del progetto di ristrutturazione della caserma e ho detto che il progetto di costruzione prevedeva la possibilità di integrarvi le donne visto che alla fine ci saranno stanze singole", si difende Jean-Pierre Roth il 13 settembre.

Ha aggiunto: "Se il Vaticano decidesse di farlo, allora non ci sarebbero problemi. Ma questo non significa che ci sarà presto!", insiste, rammaricandosi che la stampa abbia "creato confusione".

Secondo lui, quando il Segretario di Stato ha studiato il progetto, non ha commentato questo punto. Quello che manca è il nocciolo della questione: il Vaticano non è pronto a investire nel progetto; sta alla fondazione trovare donatori generosi, secondo Il Messagero del 14 settembre.

Insomma, tutto resta aperto. Interrogato da SonntagsZeitung, un ufficiale della Guardia Svizzera ha suggerito che era "concepibile" aprire la Guardia femminile in futuro.

In questa vaghezza che sa di fine del pontificato, non osiamo immaginare la perplessità che deve regnare all'interno di un corpo d'élite la cui fama e professionalità sono ben consolidate.