La venerazione delle statuette della Pachamama è stata oggettivamente un'idolatria

29 Ottobre 2019
Fonte: fsspx.news

Che il Vaticano lo accetti o no, il caso del "rito amazzonico" che si è svolto nei Giardini Vaticani il 4 ottobre alla presenza di Papa Francesco, e quello successivo delle "statuette" della Pachamama, è tutt'altro che chiuso. Richiedono almeno un chiarimento e un mea culpa.

Il Culto secondo la teologia cattolica

Il culto è una venerazione manifestata verso un essere a causa della propria eccellenza o della sua connessione con un essere degno di onore, ad esempio un'immagine che lo rappresenta. Nel primo caso - quello dell'eccellenza vera e propria - si tratta di culto assoluto; nel secondo, di culto relativo.

San Tommaso ricorda che l'onore è dovuto solo alla natura razionale (Somma teologica III, 25, 3-4). Con questo nome si comprende la persona in generale, e non solo la natura umana. E aggiunge questo secondo principio secondo cui non può esserci onore verso delle creature insensibili, o oggetti, se non in relazione alla natura razionale. Non si rende mai un culto a nature senzienti non umane - piante o animali - per evitare con attenzione qualsiasi pericolo di idolatria.

Solo una persona può ricevere un culto assoluto. Questo si divide in due specie. Rispetto a Dio, alle persone divine, a Gesù Cristo, vero Dio, si ha il culto d'adorazione o di latria. In effetti, solo Dio può essere adorato. Per coloro che sono pieni della gloria divina in cielo, gli angeli e i santi che contemplano il volto di Dio, si ha invece il culto di venerazione o di dulia. La Beata Vergine Maria, regina degli angeli e di tutti i santi, riceve questo culto nella sua pienezza, che si chiama iperdulia.

Il culto relativo viene dato agli oggetti nella misura in cui sono legati alla persona che riceve il culto assoluto, o a delle immagini, in quanto la rappresentano. Pertanto, le reliquie della vera croce ricevono un culto di latria relativo, che è diretto alla persona stessa di Gesù Cristo; lo stesso vale con le immagini che rappresentano il Cristo. I resti - chiamati reliquie - dei santi, ricevono un culto relativo di dulia, così come le immagini che li rappresentano.

Notiamo che i segni d'onore conferiti al clero nelle cerimonie liturgiche della Chiesa - inclinazione, genuflessione, incenso - sono un culto relativo del Cristo, che è sempre colui che compie la liturgia come unico grande sacerdote del Nuovo Testamento, e che il clero rappresenta.

Infine, l'adorazione, liturgica o no, si manifesta con gesti, atteggiamenti, posture, preghiere, che hanno lo scopo di manifestare il sentimento interiore: adorazione, sottomissione, onore dato, che costituiscono la parte principale dell'adorazione.

 

Che cos'è la Pachamama?

I popoli amerindi della catena andina, in particolare l'Aymara e il Quechua, sono stati immersi per migliaia di anni in credenze animiste e politeiste risalenti almeno al XII secolo a.C. Due divinità dominano la cosmogonia andina: Viracocha , una sorta di creatore e Inti, il Sole. Vi si aggiunge un'altra divinità molto importante, la Pachamama.

Questo termine deriva da Pacha o spazio-tempo, due nozioni che sono unite nella cosmologia andina e Mama, la madre. La Pachamama rappresenta quindi la Madre Terra, non solo il suolo o la terra da un punto di vista geologico, ma la terra che nutre e la natura nel suo insieme. È protettrice delle montagne, degli animali e dei viaggiatori. Per ottenere la sua protezione, bisogna fare offerte specifiche, durante i culti: foglie di coca, shisha (birra di mais), conchiglie. È comune sacrificare dei camelidi: alpaca, guanachi, lama o vigogne. Questo culto è rimasto molto vivo oggi nelle popolazioni che vivono ancora di agricoltura e allevamento.

Durante l'evangelizzazione dei paesi andini, le divinità indiane si mescolarono con i santi cristiani. Così, la Pachamama prese le caratteristiche della Vergine Maria e il dio Sole divenne il Cristo. Come sappiamo, il politeismo si riversa volontariamente nel sincretismo. Ci volle tutto l'ardore e la pazienza dei missionari per scongiurare questo pericolo, che non poteva sempre essere sradicato. Pensiamo al numero di secoli occorsi per sradicare il paganesimo in Europa.

 

Cosa rappresentano le famose statuette di discordia?

Non c'è dubbio su questo punto, e lo stesso Papa lo ha confermato all'inizio della 15ma Congregazione Generale del Sinodo, secondo i rapporti del sito web del Vaticano: queste statuette rappresentano la Pachamama. Il papa aggiunge che si trovavano nella chiesa della Transpontina «senza intenzioni idolatriche».

Questa interpretazione è decisamente inadeguata: che piaccia o no al Papa, la Pachamama è un idolo, un idolo del tutto attuale e non «antico», come cerca di relativizzare il sito Zenit.

Paolo Ruffini, prefetto del dicastero della comunicazione, cerca di spiegare la difficoltà: «Abbiamo già ripetuto più volte in questo luogo che queste statue rappresentavano la vita, la fertilità, la terra madre». In altre parole, delle astrazioni, dei concetti.

 

Nessuna spiegazione

Questa giustificazione non regge. Basti pensare alle cerimonie eseguite attorno a queste statuette, in presenza del Papa, per riconoscervi delle azioni religiose: una vera processione per portare questi oggetti in vari luoghi, una prostrazione con due ginocchia, un'installazione nel presbiterio e una veglia di preghiera. Se questi non sono gesti di culto, che cosa sono?

Inoltre, la Chiesa non ha mai venerato, in alcun modo, le astrazioni come il signor Ruffini le ritrae. E soprattutto non rappresentate da un'immagine o da una statua, nuda per di più. Se uno può rappresentare una virtù per un'immagine - quella che viene chiamata un'allegoria - non è affatto per renderle un culto. Al contrario, la Bibbia riserva ammonimenti divini contro rappresentazioni indebite, che rischiano sempre di essere una fonte di idolatria. La fertilità ad esempio, ritratta sotto i lineamenti di Astarte, è costantemente condannata nell'Antico Testamento. Questo è ancora il caso della Diana di Efeso nel Nuovo Testamento.

 

Conclusione

Resta il fatto che queste cerimonie erano oggettivamente idolatriche, indipendentemente dalle intenzioni dei partecipanti. Inoltre, hanno un marcato sapore sincretistico che può solo disturbare il senso di fede del popolo amazzonico che vive tra i veneratori della dea Pachamama.

Per quanto riguarda la Madre Terra, che rimanda alla Creazione, la sua adorazione è solo del grossolano paganesimo, condannato in tutte le pagine della Scrittura.

Ciò che resta alle autorità della Chiesa è fare un mea culpa necessario per questo peccato, che viola in modo particolarmente grave il primo comandamento. Questo è il peccato più grave che può essere commesso.

E per i veri fedeli, resta da espiare questa terribile colpa, come ci invita don Davide Pagliarani, superiore generale della Fraternità sacerdotale di San Pio X.