L'Associazione Patriottica dei Cattolici Cinesi (4)

11 Agosto 2022
Fonte: fsspx.news
I padri Laszlo Ladanyi e Léon Trivière

Questi articoli intendono presentare una realtà molto particolare, che gioca un ruolo determinante nella vita dei cattolici cinesi, sia arruolandoli sotto la bandiera del Partito Comunista Cinese (PCC), sia ricacciandoli nelle catacombe. L'articolo è pubblicato sul sito web delle Missioni Estere di Parigi. Questa presentazione consentirà al lettore non informato di comprendere la posta in gioco dell'accordo sino-vaticano, che dovrebbe essere rinnovato per la seconda volta in ottobre.

A quarant'anni dalla fondazione dell'Associazione Patriottica dei Cattolici Cinesi, è possibile fare una lettura più completa degli eventi che hanno segnato quest'epoca e decifrare il disegno e gli obiettivi che si erano posti i vertici del PCC e che intendevano raggiungere attraverso la sua creazione.

Fonti di informazione
Il primo decennio dell'esperienza comunista rivela le premesse e le cause degli eventi a venire. La documentazione è impressionante, ma non è né precisa né seriamente documentata. Le informazioni venivano spesso dedotte o presunte, con il flusso di notizie posto sotto il fermo controllo del Governo.

Lettere e stampati hanno avuto grandi difficoltà di circolazione; all'interno era un'operazione da scoraggiare a tutti i costi; all'esterno, filtravano poche notizie. La diaspora cinese è stata la fonte di informazioni più costante per quasi 30 anni.

All'interno della Repubblica popolare cinese le fonti ufficiali sono abbondanti e "affidabili". I dispacci dell'Agenzia Chine Nouvelle sono stati quasi sempre basati sui fatti. Il polso della situazione era fornito dagli articoli apparsi sul Quotidiano del popolo e su altre testate di regime e da un'abbondante produzione di opuscoli che attaccavano preferenzialmente il Papa.

All'esterno, nonostante le difficoltà dei primi anni della rivoluzione, anche le informazioni, la loro classificazione e la loro lettura erano importanti e costituivano una massa imponente.

Nel 1948, il mensile China Missionary Bulletin (CMB), pubblicato a Shanghai, forniva informazioni su varie diocesi. Pubblicato a Hong Kong dal giugno 1949, divenne il Missions Bullettin nel 1954. Nel 1961 il titolo cambiò in Asia, ma alla fine dell'anno cessò di essere pubblicato. La sezione Mission Chronicle era diventata inutile: non si poteva più parlare di missioni specifiche sulla Cina continentale.

Un'altra fonte di informazioni molto preziose, costanti e accurate su ciò che stava accadendo ai cattolici nell'impero di Mao Zedong era il Bulletin de la Société des Missions Etrangères de Paris (BMEP). Dal gennaio 1953 scriveva su questa rivista un missionario francese espulso da Chengdu (Sichuan), pochi mesi prima.

La firma di P. Léon Trivière diventerà garanzia di una documentazione precisa, in particolare dal luglio 1957, con la collana intitolata L’Eglise catholique en Chine continentale. Quando concluderà questa serie, nel febbraio 1961, P. Trivière avrà scritto più di 500 pagine dense di informazioni uniche, e molti articoli apparsi altrove.

Alla fine di agosto 1953 iniziò a Hong Kong la pubblicazione di China News Analysis. Nei suoi appuntamenti settimanali e poi quindicinali, P. Lazlo Ladany, S.J., ha portato informazioni sulla realtà cinese. Dedicandosi soprattutto all'osservazione delle trasformazioni socio-politiche della Repubblica Popolare, P. Ladany non ha mancato di informare i lettori sul campo religioso.

A Saigon, nel Vietnam del Sud, negli anni '60, un testimone eccezionale scrisse regolarmente articoli sulla Chiesa in Cina negli anni '50, raccolti in un volume pubblicato nell'ottobre 1966 con il titolo Zhongguo Dalu Tianzhujiao Zhenxiang. Era Tomaso Zhang, fratello del vescovo Vito Zhang, vescovo di Xinyang (Henan). Questo libro è sparito quasi subito dalle librerie, acquistato da chi non voleva che "i panni sporchi della Chiesa cinese" venissero lavati in pubblico.

Tomaso aveva partecipato, a Pechino, nel 1957, all'interminabile incontro da cui era nata l'Associazione Patriottica; ha potuto quindi rivelare dettagli a volte sconcertanti. Tomaso Zhang è stato l'unico testimone di questi eventi uscito dai confini della Repubblica popolare cinese.

Tra le pubblicazioni successive e di valore per le informazioni fornite, va citata la controversa opera di Louis Wei Tsingsing, Le Saint-Siège et la Chine [La Santa Seda e la Cina], pubblicata a Parigi nel 1968 (Edizioni A. Allois).

Negli anni '80, essendo tornata accessibile la Cina, apparvero molti dettagli allora sconosciuti, raccontati dai partecipanti a questa assemblea, figure di spicco della Chiesa dell'epoca: alcuni finirono in carcere o nei campi di lavoro per decenni, altri si fecero avanti grazie a questi eventi. Hanno rivelato molte cose.

Il resto dell'articolo intende ripercorrere brevemente le vicende di questi primi anni di convivenza tra il nuovo regime e la Chiesa cattolica dell'epoca, facendo "parlare" chi li ha vissuti in prima linea e la cui testimonianza è stata confermata dagli eventi che seguirono.

La prima fondazione dell'Associazione Patriottica: la concezione religiosa dei rivoluzionari
La politica religiosa intrapresa dal Partito Comunista non è nata attorno a un tavolo. I suoi leader, sebbene disincantati dalla religione in generale e dai riti e dalle celebrazioni in particolare, erano comunque cresciuti in un ambiente che li aveva resi familiari con i modalità particolari in cui il buddismo e il taoismo svolgevano la loro parte.

I capi rivoluzionari erano cresciuti in una società in cui il senso religioso aveva un posto riconosciuto. Ma poiché essi stessi erano , in un certo senso, prodotti di questo ambiente socio-religioso, conoscevano benissimo i suoi difetti e la sua incapacità di condurre il Paese oltre la crisi e il crollo delle istituzioni, verso la modernità.

Nel fervore di quegli anni caratterizzati dall'ansia e dalla ricerca di metodi per trasformare la Cina, la religione (qualunque fosse) era considerata responsabile dei problemi del Paese, proprio perché era sempre stata parte del sistema ed era uno dei principali fattori che portano al crollo delle istituzioni civili.

Tuttavia, i leader rivoluzionari, nonostante il loro atteggiamento fondamentalmente ostile nei confronti della religione, conservarono di essa e del suo rapporto con il potere politico l'immagine tradizionale fornita dal buddismo e dal taoismo nel contesto cinese. I loro successivi interventi porteranno l'impronta dell'unico ambiente che era loro familiare e che conoscevano bene.

Continua