L'Associazione Patriottica dei Cattolici Cinesi (6)

15 Agosto 2022
Fonte: fsspx.news
Sun Yat-sen

Questi articoli intendono presentare una realtà molto particolare, che gioca un ruolo determinante nella vita dei cattolici cinesi, sia arruolandoli sotto la bandiera del Partito Comunista Cinese (PCC), sia ricacciandoli nelle catacombe. L'articolo è pubblicato sul sito web delle Missioni Estere di Parigi. Questa presentazione consentirà al lettore non informato di comprendere la posta in gioco dell'accordo sino-vaticano, che dovrebbe essere rinnovato per la seconda volta in ottobre.

A quarant'anni dalla fondazione dell'Associazione Patriottica dei Cattolici Cinesi, è possibile decifrare lo scopo e gli obiettivi che i leader del PCC si erano prefissati e che speravano di raggiungere attraverso la sua creazione.

I] Il Partito Comunista Cinese (continua)
2. Comunismo: un nuovo tipo di fede

Nella prima metà del 20° secolo, la Cina è stata scossa da terribili sconvolgimenti politici e sociali. La dinastia Qing entrò indebolita nel nuovo secolo, principalmente a causa dell'incapacità delle sue istituzioni di adattarsi alla modernità; la sua storia si concluderà in modo drammatico nel 1911, con la caduta definitiva dell'Impero.

Il regime repubblicano non ebbe molta più fortuna nel migliorare la sorte delle istituzioni e dei cittadini. Il fronte politico si dissolse rapidamente in un mosaico di "signori della guerra", veri padroni di appezzamenti di territorio. L'esplosione politica interna si confrontò contemporaneamente con il rafforzamento del vicinissimo giappone, che rapidamente invase il territorio cinese.

La tregua temporanea per fronteggiare il nemico comune crollò molto prima del crollo del Giappone: la fazione al potere, il Kuomintang, incapace di affrontare in modo coordinato e intelligente i gravi problemi del Paese, decadde irreparabilmente. Ciò permise all'opposizione di organizzarsi sulla base del malcontento che permeava la vita delle persone.

Queste, mal informate sugli eventi, ignare dei giochi di potere ma "perdenti" ogni volta in tutte le partite giocate da coloro che pretendevano di dominare il campo politico, erano soprattutto desiderose di sopravvivere e di ottenere condizioni di vita dignitose. Alla fine degli anni Quaranta, pochi cinesi ricordavano un periodo di relativa pace e tranquillità.

La "vittoria" sul nemico comune si rivelò incapace di soddisfare le aspirazioni del popolo. La grande contentezza di vedere lo straniero (Giappone e nazioni occidentali) fuori dai confini nazionali fu sostituita da una preoccupazione: la ricerca di qualcosa che potesse "trascendere gli interessi divergenti, esigere una devozione nazionale indivisa e che potesse offrire un'azione capace di catalizzare l'attenzione". Era un bisogno dell'individuo e della nazione.

Ma questo centro di attrazione "non poteva svilupparsi all'interno delle religioni teistiche tradizionali che non erano più in grado di guidare gli individui e la nazione". Queste non servivano più al popolo per eludere le calamità che gli erano capitate e che non potevano comprendere; non servivano alla classe intellettuale per fornirle motivazioni e linee d'azione.

Ciò che il padre della patria, Sun Yat-sen, aveva proclamato si era rivelato vero: "La Cina ha urgente bisogno di un'ideologia. Un'ideologia ispirerebbe la fede e la fede genererebbe la forza; una forza collettiva, così essenziale in un momento di crisi nazionale". Per lui bastava l'ideologia dei suoi "Tre principi" definiti a Canton nel 1924 (nazionalismo, democrazia e benessere per il popolo).

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, il Partito Comunista si presentò alla nazione come l'erede più autentico di Sun Yat-sen. Le sue credenziali erano costituite dalla vittoria sugli eserciti nazionalisti del vecchio governo e dalla ferma volontà di affrontare le due principali aspirazioni della nazione cinese: il progresso materiale e il ripristino dell'orgoglio nazionale attraverso la riconquista del rispetto sulla scena internazionale.

Dal secolo precedente, la debolezza politica del Paese e lo stato di arretratezza materiale del popolo erano state costantemente additate come le ragioni principali dell'inferiorità della Cina nel mondo moderno. Il Partito uscito vittorioso dalla rivoluzione si poneva l'obiettivo di ridare forza e benessere alla Cina e ai cinesi.

3. Politica di partito nei confronti delle religioni teistiche

"La posizione del comunismo rispetto alle religioni teistiche è quella di una credenza che incontra un'altra credenza". C. K. Yang continua: "Poiché una fede è sempre radicale, il rapporto tra fedi diverse implica un'esclusione reciproca. Tra corpi che si escludono a vicenda non può esserci tolleranza reciproca, solo conflitto".

Dai tempi pre-rivoluzionari ai più recenti pronunciamenti ufficiali, il regime di Pechino ha sempre affermato che le religioni teistiche sono il prodotto dell'ignoranza e dell'incapacità di comprendere il mondo in cui viviamo. Con il progresso della rivoluzione, l'espansione della scienza e la liberazione politica delle masse, le religioni sono inevitabilmente destinate a diventare spazzatura storica.

Questa stessa concezione appare immutata nei primi scritti di uno dei fondatori del Partito Comunista Cinese, Chen Duxiu (1879-1942), fino ai documenti pubblicati dopo la svolta di Deng Xiaoping. Considerazioni pragmatiche che scoraggiano l'eliminazione della religione con la forza.

Ma queste non l'hanno impedita del tutto, soprattutto, ma non esclusivamente, durante "gli anni della grande catastrofe", come un documento (1981) del Comitato Centrale del Partito chiama la "Grande rivoluzione culturale proletaria" (1966-1976). Ma qualsiasi religione in Cina che tenti di resistere o ponga un ostacolo al Partito sarà violentemente repressa.

Nel 1960 CK Yang scrisse che "l'unica religione organizzata dalla quale il regime comunista cinese si sente minacciato è il cristianesimo, e più in particolare la Chiesa cattolica, a causa dei suoi legami con le potenze occidentali". Alla fine del secolo, questa affermazione appare retrospettivamente in tutta la sua tragica verità.

In ogni caso, la politica di tolleranza unita alla politica di subordinazione non significa certo la rinuncia al progetto a lungo termine di eliminazione non violenta delle religioni teistiche. Lo afferma a chiare lettere il documento n. 19/82. Lo strumento privilegiato è il monopolio dell'educazione dei giovani, appannaggio del regime.