Le “giornate ecumeniche” di Francoforte hanno mantenuto tutte le loro promesse

20 Maggio 2021
Fonte: fsspx.news
Thomas Sternberg e Bettina Limperg

Con il Cammino sinodale in atto e la sfida all'autorità romana divenuta endemica, le terze "giornate ecumeniche" organizzate a Francoforte sul Meno, dal 13 al 16 maggio, hanno mantenuto le promesse di scostamenti pianificati, voluti e assunti.

La gestione della terza Ökumenischer Kirchentag (ÖKT), o giornate ecumeniche, era stata affidata a due laici: Thomas Sternberg, direttore del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK), e Bettina Limperg, battezzata protestante all'età di 33 anni, che è anche presidente del Tribunale federale dal 2014.

Sabato 15 maggio si sono svolte quattro celebrazioni contemporaneamente: Messa cattolica, Cena protestante, Vespri ortodossi e Cerimonia delle Chiese libere.

Va notato che il termine "protestante" designa la Chiesa evangelica di Germania che riunisce, a livello federale, le Chiese luterane, riformate e unite. Le Chiese libere non si identificano con la Chiesa evangelica.

Tutti sono stati invitati a "scoprire la ricchezza delle comunità evangeliche, libere, cattoliche e ortodosse". Spettava alla "coscienza di ogni visitatore" decidere a quale celebrazione avrebbe voluto partecipare. I quattro servizi sono stati anche trasmessi in diretta su Internet.

Tra disprezzo per l'autorità e communicatio in sacris
Il giorno prima dell'inaugurazione, Thomas Sternberg ha detto ai giornalisti che in Germania la coesistenza delle fedi era diventata evidente. Ha aggiunto che per molti questo include partecipare insieme alle funzioni religiose.

Anche il presidente della Chiesa protestante invitante di Hesse e Nassau (EKHN), Volker Jung, si è rallegrato "che con l'accettazione della partecipazione reciproca alla Cena e all'Eucaristia, il progresso ecumenico diventa visibile".

In termini di progresso, c'è stata prima una violazione di un divieto formale. Infatti, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha già rifiutato due volte la partecipazione dei cristiani cattolici e protestanti alla piena celebrazione liturgica dell'altra denominazione. Così come la possibilità che la decisione spetti alla coscienza di tutti. In altre parole, il rifiuto è stato totale.

Ma questo non ha impedito al decano della città, Johannes zu Eltz, di dare la Comunione alla Limperg. Ha detto di aspettarsi "un'apertura dell'ospitalità [eucaristica] anche oltre la giornata. La nostra decisione di coscienza sull'ammissione alla Cena e all'Eucaristia costituisce un'offerta permanente".

Inoltre, Sternberg ha partecipato alla cena protestante, e lì "ha preso la comunione", che rappresenta una "communicatio in sacris", vale a dire una partecipazione a un culto acattolico, per di più per una cerimonia che non ha nulla a che vedere con la messa. E probabilmente non è stato l'unico.

Tale partecipazione rende il colpevole sospetto di eresia, poiché potrebbe aderire alla dottrina protestante. Anche il nuovo codice di diritto canonico non riconosce tale possibilità per un cattolico.

Pertanto, il presidente Sternberg, così strettamente associato al Cammino sinodale, è davvero sospetto di eresia. Ma chi ne sarà sorpreso? Inoltre, il suo esempio è stato un peccato di scandalo nel senso più forte della parola. Scandalo che continuerà fino a quando non ritratterà.

La barca del Cammino Sinodale vaga nel mare del sincretismo, libera da ogni intralcio.