Le consacrazioni del 1988 e l'accusa di scisma

15 Maggio 2022
Fonte: fsspx.news

Il primo articolo si è concentrato sul considerare le basi della condanna pronunciata dal motu proprio Ecclesia Dei, che consiste in un'errata concezione della Tradizione, concepita come vivente. In questa seconda parte ci si domanda se le consacrazioni del 1988 sono state intrinsecamente sbagliate, perché hanno minato un elemento essenziale della fede cattolica, l'unità.

Nella seconda intervista, dalla sezione "teologia", pubblicata nella pagina del 27 aprile 2022 del sito Claves.org, padre de Blignières indica quello che, secondo lui, è "il criterio per valutare le consacrazioni del 1988". I sacerdoti e i fedeli che non hanno voluto seguire Mons. Lefebvre non hanno agito in virtù di un'errata concezione dell'obbedienza, né in modo puramente tattico o in vista di ottenere qualche vantaggio.

Quello che sarebbe stato e sarebbe in causa "è un giudizio di base sulla comunione gerarchica come elemento essenziale della fede e della struttura della Chiesa cattolica". Infatti, la consacrazione episcopale compiuta contro la volontà del Papa sarebbe "un atto intrinsecamente cattivo perché lede un elemento della fede cattolica".

Questo elemento prevede che per essere, non solo validamente, ma legittimamente consacrato, un vescovo debba ricevere la consacrazione episcopale "nell'ambito della comunione gerarchica tra tutti i vescovi cattolici", il cui garante è il vescovo di Roma, successore di Pietro. In tal modo, la consacrazione episcopale, ricevuta senza l'istituzione pontificia, costituisce "un gravissimo attacco all'unità stessa della Chiesa".

2. Padre de Blignières fa qui riferimento all'Enciclica Ad apostolorum Principis di Pio XII nonché al numero 4 del Motu proprio Ecclesia Dei afflicta. Tuttavia, nessuno di questi due testi citati è rilevante per valutare le consacrazioni del 30 giugno 1988.

3. Il testo che ci metterebbe sulla strada giusta è quello che padre de Blignières non cita: è il numero 3 del Motu proprio Ecclesia Dei afflicta. Contrariamente a quanto afferma il fondatore della Fraternità Saint-Vincent-Ferrier, in una scorciatoia troppo semplicistica, la consacrazione di un vescovo compiuta senza mandato pontificio e fatta contro l'esplicita volontà del Sommo Pontefice, non costituisce di per sé "un atto di natura scismatica".

Piuttosto, il Motu Proprio di Giovanni Paolo II esordisce affermando che una tale consacrazione "è di per sé una disobbedienza contro il Romano Pontefice" [1]. Ora, la disobbedienza è qualcosa di completamente diverso dallo scisma. Per questo consacrare un vescovo senza mandato pontificio e fare uno scisma sono due atti sostanzialmente diversi.

Il primo può essere l'occasione del secondo, ma non necessariamente. Fare uno scisma è infatti rifiutare in linea di principio l'autorità suprema del Papa, e questo avviene nella persona che pretende di dare un potere che solo il Papa (e non un semplice vescovo) può dare, cioè il potere di governare nella Chiesa.

Consacrare un vescovo senza mandato pontificio è disobbedire al Papa comunicando un potere che qualsiasi vescovo può conferire, il potere di santificare nella Chiesa, ma solo con il consenso del Papa.

4. Il vescovo, infatti, è vescovo perché riceve e detiene due poteri diversi: il potere d'ordine, ovvero il potere di santificare mediante l'esercizio valido dei sacramenti; il potere di giurisdizione, ovvero il potere di governare emanando leggi.

Il vescovo riceve la potestà di santificare mediante la sua consacrazione e riceve la potestà di governare mediante la missione canonica, tramite la quale il Sommo Pontefice gli comunica tale potestà di governo [3].

L'ordinazione dei vescovi non è, in quanto tale, sacramentalmente o ritualmente parlando, l'atto in cui si comunica il potere di governare. Tale potere è comunicato nella misura esatta in cui il vescovo consacrato riceve dal Papa – cioè oltre alla sua consacrazione, che gli conferisce solo il potere di santificare – la missione canonica.

Ordinariamente e il più delle volte, il vescovo consacrato riceve contemporaneamente i due poteri, il potere di ordine e il potere di giurisdizione. Ma può anche accadere che un vescovo sia consacrato senza ricevere il potere di governare. Tali sono i vescovi titolari [4] o ad honores consecrati.

E infatti si vede chiaramente che esistono anche al di fuori della Chiesa (ad esempio tra gli scismatici) vescovi validamente consacrati, che quindi hanno davvero il potere d'ordine, ricevuto con la consacrazione, ma che non hanno ricevuto dal Papa il potere di governare, poiché la setta di appartenenza non riconosce l'autorità del Papa, voluta da Cristo per la sua Chiesa [5].

Questi vescovi non sono solo disobbedienti, sono anche scismatici in quanto il vescovo che li consacra si arroga l'autorità del Papa per donargli il potere di governo che solo il Papa può dare.

È il caso dei vescovi scismatici consacrati nella Chiesa patriottica dello Stato comunista in Cina, citati nell'Enciclica di Pio XII, Ad apostolorum Principis del 29 giugno 1958 [6]:

I "vescovi non nominati né confermati dalla Santa Sede, e anzi scelti e consacrati contro le esplicite disposizioni di essa, non possono godere di alcun potere né di magistero né di giurisdizione; perché la giurisdizione viene ai vescovi unicamente attraverso il romano pontefice. […]"

"E gli atti della potestà di ordine, posti da tali ecclesiastici , anche se validi - supposto che sia stata valida la consacrazione loro conferita - sono gravemente illeciti, cioè peccaminosi e sacrileghi"

5. Ora, è chiaro – perché lo disse esplicitamente nell'omelia del 30 giugno 1988 – che Mons. Lefebvre non aveva la volontà di conferire il potere di governare ai vescovi da lui consacrati, così da arrogarsi la stessa autorità del Papa, cosa che sarebbe stata uno scisma.

"Non siamo scismatici", ha detto. "Se è stata pronunciata la scomunica contro i vescovi cinesi che si sono separati da Roma e che si sono sottomessi al governo cinese, si capisce bene perché il Papa li abbia scomunicati. Ma per noi non è affatto questione di separarci da Roma e di sottometterci a un qualunque potere estraneo a Roma, e di costituire una specie di Chiesa parallela come hanno fatto, per esempio, i vescovi di Palmar de Troya in Spagna, i quali hanno nominato un papa e hanno costituito un collegio di cardinali."

"Per noi non si tratta affatto di cose simili. Lungi da noi questi pensieri miserabili di allontanarci da Roma". Nelle intenzioni di Mons. Lefebvre, le consacrazioni da lui compiute a Ecône, anche senza mandato pontificio, non davano né più né meno che il potere d'ordine e in nessun modo il potere di giurisdizione. Pertanto, non possono rappresentare un atto di natura scismatica, e costituiscono, al massimo, disobbedienza.

6. L'atto, tuttavia, costituisce disobbedienza se e solo se si oppone al comando legittimamente voluto dal superiore. Quindi non ci sarà disobbedienza in due casi.

O perché chi comanda non è il superiore e in questo caso chi consacra vescovi senza mandato pontificio si giustifica dicendo che Giovanni Paolo II non è papa, che è la tesi del sedevacantismo, adottata ad esempio già da padre Guérard des Laurier.

O perché chi comanda, pur essendo superiore, non esprime un comando legittimo, proprio per il fatto che questo comando umano si oppone al comandamento di Dio, che gli è superiore [7].

Tuttavia, come abbiamo mostrato nel precedente articolo, in questo caso, il comando con cui Giovanni Paolo II ha detto a Mons. Lefebvre di non procedere con le consacrazioni episcopali previste si oppone alla volontà di Dio che è di assicurare la sopravvivenza della Tradizione nella Chiesa, grazie al sacerdozio, sopravvivenza gravemente compromessa dalla falsa idea di Tradizione, "contraddittoria e incompleta", imposta e diffusa dalle autorità romane, compreso lo stesso Giovanni Paolo II.

La consacrazione del 30 giugno 1988 non costituisce quindi né un atto scismatico e neppure un atto di disobbedienza.

7. È stata l'operazione di sopravvivenza della Tradizione, come ha spiegato molto bene Mons. Lefebvre: "Oggi, in questa giornata, si compie l’operazione sopravvivenza, e se io avessi concluso quella operazione con Roma, proseguendo negli accordi che avevamo firmato e proseguendo con la messa in pratica di questi accordi, avrei compiuto l’operazione suicidio."

"Allora, non v’è scelta, sono obbligato, noi dobbiamo sopravvivere. Ed è per questo che oggi, consacrando questi vescovi, sono convinto di continuare, di far vivere la Tradizione, cioè la Chiesa cattolica."

8. Padre de Blignières commette dunque qui un doppio errore. No, non è vero che una consacrazione contro la volontà del Papa è intrinsecamente cattiva, perché lede un elemento della fede cattolica: tutto dipende dalla volontà, legittima o meno, del Papa. No, non è nemmeno vero che "le consacrazioni del 1988 hanno costituito un gravissimo attacco all'unità stessa della Chiesa".

(Continua)

Don Jean-Michel Gleize.

 

[1] "In semetipso talis actus fuit inoboedientia adversus Romanum Pontificem."

[2] Gaetano, Commento alla Summa Theologica, 2a2ae, questione 39, articolo 1, n° VII; vedere il numero di aprile 2018 del Courrier de Rome.

[3] Questo è l'insegnamento di san Tommaso nella Summa Theologica, 2a2ae, questione 39, articolo 3, corpus. Questo è anche l'insegnamento di altri autori, ad esempio Louis Billot, "De episcopatu, thesis 32, § 1" in De sacramentis, t. 2, pag. 315; Charles Journet, La Chiesa del Verbo Incarnato, volume 1: "La gerarchia apostolica", Desclée de Brouwer, 1955, p. 34-35 e 637-640. Al tempo del Concilio Vaticano II, i padri membri del Coetus si sono rifatti a questa dottrina, per denunciare gli errori presenti nello schema della futura costituzione sulla Chiesa. Cfr. negli Acta synodalia concilii Vaticani secundi, vol II, pars I, le osservazioni scritte di Dom Jean Prou ​​(p. 557-559) al termine della 2a sessione del Concilio (1963) e vol. III, pars I, quelle del cardinale Browne (pp. 629-630) e quelle di Mons. Carli (pp. 660-661) sullo schema De Ecclesia, al termine della 3a sessione del Concilio (estate 1964).

[4] Anticamente erano chiamati vescovi in ​​partibus infidelium, denominazione abrogata con decreto della Sacra Congregazione di Propaganda del 27 febbraio 1882. L'appellativo di "titolare" deriva dal fatto che ricevono il titolo di ex diocesi, abitate ora principalmente da infedeli o scismatici. Cfr. F. Claeys-Bouuaert, "Vescovi" nel Dizionario di diritto canonico di Raoul Naz, t. V, col 574.

[5] Louis Billot, "De episcopatu, tesi 32, § 1" in De sacramentis, t. 2, pag. 317.

[6] AAS, vol. L, pag. 601 e mq. La traduzione francese si trova nei Documenti Pontifici di Sua Santità Pio XII, Edizioni Saint-Augustin, Saint Maurice (Svizzera), vol. dell'anno 1958, p. 327-338.

[7] San Tommaso d'Aquino, Summa Theologica, 2a2ae, questione 104, articolo 5.