Le contraddizioni di Mons. Bätzing

14 Maggio 2021
Fonte: fsspx.news
Mons. Georg Bätzing

In un'intervista esclusiva all'agenzia Aci Stampa, mons. Georg Bäntzig, vescovo di Limburg e presidente della Conferenza episcopale tedesca, spiega l'iter del Cammino sinodale. Cerca di mostrare la sua necessità e inoffensività per placare il pubblico italiano.

 

Il compito è ben svolto da colui che ora ha la direzione del pericoloso cammino che si sta compiendo al di là del Reno, ma non può nascondere le difficoltà, e un occhio attento e informato può ben presto discernere le contraddizioni e i non detti che sorgono nel testo.

I non detti
Rispondendo alla domanda sulla genesi, sulle finalità e sui mezzi che il Cammino sinodale utilizza o intende utilizzare, il prelato tedesco sorvola su alcuni elementi senza soffermarsi. Ma dietro questa linguaggio diplomatico, il lettore informato sa molto bene cosa si nasconde.

Così, quando Mons. Bätzing spiega la genesi del percorso sinodale, riferendosi allo studio MHG1 sugli abusi nella Chiesa di Germania, osserva che questo ha sollevato interrogativi che "portano ad un esame più approfondito dei fattori sistemici che hanno favorito gli abusi". Non specifica che questi "fattori sistemici" sono elementi strutturali della Chiesa cattolica ... che quindi necessitano di essere riformati.

Sulla natura del Cammino sinodale, il vescovo di Limburg specifica che "dal punto di vista formale, in termini di diritto canonico, il cammino sinodale non è un sinodo, ma un formato sui generis". Non afferma che questa forma è stata scelta per evitare di seguire le norme del Diritto e che la Conferenza episcopale tedesca è stata riprendere su questo argomento. Ma quella ha insistito su questa strada, concedendosi di rispondere seccamente alla Curia che non aveva capito niente.

Poco più avanti, il presidente della Conferenza episcopale tedesca ci dà un'affermazione molto generale: "La fede può crescere e approfondirsi se ci liberiamo dalle paure e dalle chiusure mentali, se poniamo domande e cerchiamo come la Chiesa oggi possa essere lì per persone."

Ma cosa sono queste paure e chiusure mentali? Nel leggere i progetti nelle schede del Cammino sinodale, queste consistono in gran parte nella dottrina tradizionale della Chiesa. Così, in modo caratteristico, Mons. Bätzing afferma che "il cammino sinodale si impegna a discutere [la benedizione delle coppie omosessuali o divorziate risposate] in un contesto ampio che considera anche la necessità, la possibilità e i limiti dello sviluppo del Magistero della Chiesa."

E, ciliegina sulla torta, aggiunge: "Le prospettive presentate dalla Congregazione per la Dottrina della Fede troveranno posto in questi dibattiti. Il che significa che è solo un punto di discussione tra i tanti. CVD.

Contraddizioni
Mons. Bätzing afferma più volte che lui e la Chiesa di Germania sono fedeli alla Chiesa universale, ma regolarmente mette in discussione elementi indiscutibili della dottrina cattolica, direttamente o indirettamente, il che costituisce una vera contraddizione.

Un primo esempio appare con la questione del sacerdozio riservato agli uomini. Il Vescovo di Limburg afferma innanzitutto: "Per me è importante parlare con onestà degli argomenti della Chiesa che spiegano perché solo gli uomini hanno accesso al ministero sacramentale."

Ma aggiunge subito: "Mi rendo anche conto che questi argomenti sono sempre meno convincenti e che in teologia sono stati sviluppati argomenti per l'apertura del ministero sacramentale anche alle donne". In altre parole, le obiezioni mosse da intelligenze che non comprendono più la verità, o che utilizzano argomenti distorti, devono essere prese in considerazione di fronte alla dottrina ancora affermata dalla Chiesa.

Subito dopo, una nuova contraddizione: "Per questo cito spesso il diaconato femminile, perché vi vedo delle possibilità. Quanto al ministero sacerdotale, i papi a partire da Giovanni Paolo II hanno detto all'unisono che a questa domanda è già stata data una risposta."

Queste due affermazioni sono strettamente contraddittorie, almeno per chi conosce la loro teologia. Il motivo è il seguente. Il Concilio di Trento ha definito - cioè proclamato in via definitiva - che il sacerdozio è composto da più gradi, tre dei quali sono determinati: l'episcopato, il sacerdozio e il diaconato. Appartengono quindi con certezza al sacramento dell'ordine.

Quindi dire che i papi - con tutta la Tradizione - hanno affermato che il sacerdozio è riservato agli uomini, e allo stesso tempo che una parte essenziale di questo sacerdozio può essere conferita alle donne, è contraddittorio.

Infine, una terza contraddizione sull'aspetto vincolante del Cammino sinodale, che ha dato luogo a un passaggio d'armi tra il cardinale Reinhard Marx e la Curia romana. La risposta inizia con un'affermazione generale: "È assolutamente chiaro che ci sono questioni che possiamo discutere solo a livello della Chiesa universale."

Ma successivamente, Mons. Bätzing afferma che: "Tutti coloro che partecipano ufficialmente a questo cammino sinodale sono responsabili della natura vincolante delle sue conclusioni. L'attuazione vincolante sarà a carico della Santa Sede e/o del vescovo locale, a seconda dell'argomento."

Il Cammino sinodale, formato per la metà dei laici, ha quindi un carattere vincolante. È solo la messa in pratica, importante ma secondaria, che è affidata all'autorità competente. In un certo senso, la base ha votato e l'autorità deve attuare. Ciò è assolutamente contrario alla costituzione divina della Chiesa e frutto di un'intollerabile contraddizione.

La dittatura della coscienza individuale
Infine, è impossibile non notare questa preminenza della coscienza individuale nella riflessione o nell'azione del prelato tedesco. In questo caso si tratta della coscienza dei fedeli.

Così, per giustificare le proposte iconoclastiche - si direbbe scismatiche o addirittura eretiche - dei forum del cammino sinodale, Mons. Bätzing le giustifica: "È sulla base di queste questioni che le persone oggi giudicano di avere la sensazione appartenere o non appartenere alla Chiesa."

In altre parole, poiché oggi il mondo, i fedeli oi media ritengono che la distribuzione del potere nella Chiesa, il posto delle donne, il servizio sacerdotale o la sessualità [soggetti dei quattro forum] non siano conformi alle loro aspettative, dobbiamo riformare la costituzione divina della Chiesa e rifare tutto a immagine di concezioni "moderne" che sono tutt'altro che cattoliche.

Allo stesso modo, il prelato spiega che "in Germania e in altre parti della Chiesa universale si discute da tempo su come sviluppare il Magistero (...) sulla base del progresso della riflessione teologica e in uno spirito di apertura agli ultimi risultati delle scienze umane e alle situazioni di vita delle persone di oggi."

Quindi è la coscienza delle "persone di oggi" e delle "scienze umane" che può far avanzare la Rivelazione? Concezione che riduce la Rivelazione al sentimento comune.

Infine, riguardo all'ospitalità eucaristica, Mons. Bätzing spiega che "il dibattito in corso è su come affrontare le scelte di coscienza dei singoli credenti cattolici o evangelici. Personalmente, rispetto una tale decisione". Viene così confermato che la coscienza individuale ha la precedenza sulla legge della Chiesa.

 

 

  • 1. A seguito degli scandali morali che hanno scosso la Chiesa in Germania, un progetto di ricerca interdisciplinare è stato affidato a ricercatori delle università di Mannheim, Heidelberg e Gießen (da qui il suo soprannome di relazione "MHG").