L'eugenetica, ieri e oggi: il pensiero dei Greci (2)

18 Maggio 2020
Fonte: fsspx.news
Statua di Leonida I (-540 -480), re di Sparta

Solo il cattolicesimo ha la visione completa di questa domanda. La storia nota la comparsa di errori prima della Rivelazione e la loro ricomparsa quando la Chiesa viene combattuta e il suo insegnamento rifiutato da Stati e individui. È quindi istruttivo considerare queste idee all'opera nella storia dell'umanità.

Le preoccupazioni di ordine eugenetico vengono alla luce molto presto nella storia e prendono le due forme che abbiamo distinto: positivo e negativo. Questo articolo tratta dell'eugenetica positiva nell'antica Grecia: come migliorare la razza umana?

Questo aspetto è più una questione di teoria che di pratica: è visto soprattutto come un obiettivo da raggiungere in una società ideale. Ma era incarnato almeno in una società, quella di Sparta. Inoltre, il posto assegnatogli da filosofi come Aristotele e Platone mostra la sua importanza. Le preoccupazioni sono indicative della mentalità.

Legislazione spartana


A Sparta, norme rigide presiedevano alla procreazione dei bambini secondo le leggi imposte da Licurgo1. Senofonte dice della procreazione dei bambini: "Licurgo, ritenendo che il grande compito delle donne fosse la maternità, iniziò con lo stabilire gli esercizi fisici per le donne, così come per il sesso maschile (...) convinto che se i due sessi fossero stati vigorosi, avrebbero avuto una prole più robusta2".

Aggiunge altre condizioni come la continenza, considerata favorevole a una buona procreazione: una legge stabiliva che fosse un'onta per l'uomo di essere visto entrare da sua moglie. Inoltre "non permetteva più a nessuno di sposarsi nel momento che gli andava bene; ordinò di prendere una donna nel pieno del vigore, convinto che questa legge avrebbe contribuito alla procreazione di bellissimi bambini".

Inoltre, "voleva che quelli che dovevano essere cittadini non fossero generati da tutti gli uomini, ma solo da persone a modo"3. Lo scopo di queste leggi era di mantenere la purezza della razza. Il numero di cittadini era fissato a novemila. Era quindi necessario limitare rigorosamente le nascite, eliminando i bambini di costituzione più debole.

In questo sistema, non si nasceva Spartani, lo si diventava: il bambino doveva essere approvato alla nascita dagli anziani. Ciò significava che non apparteneva ai suoi genitori, ma alla città: "perché Licurgo innanzitutto non voleva che i bambini fossero proprietà degli individui, ma comuni alla società"4. E inoltre, la sua educazione era affidata esclusivamente ai maestri dall'età di sette anni.

Senofonte termina così la sua presentazione delle Costituzioni spartane: "Sulla procreazione dei bambini, Licurgo stabilì quindi regole contrarie a quelle degli altri. Riuscì a dare a Sparta uomini superiori per dimensioni e forza? Lascio la risposta a chiunque voglia giudicare"5.

La repubblica ideale di Platone


È ne Le Leggi e soprattutto ne La Repubblica,  che Platone6 espone il suo ideale di città. Questo filosofo ha affrontato a lungo la questione attuale.

Il principio stabilito fin dall'inizio è la stabilità del numero di cittadini: "per quanto riguarda il numero di unioni, rimetteremo la questione ai magistrati, in modo che mantengano il più possibile lo stesso numero di cittadini, tenendo conto di guerre, malattie e altri incidenti simili e che il nostro stato, per quanto possibile, non cresce, né si restringe"7. Qui si collega alla costituzione di Licurgo e a ciò che era la preoccupazione costante delle città greche; inoltre, porterà inevitabilmente a un calo delle nascite, come osservò Polibio 9 nel 148 a.C.: "Oggi, in tutta la Grecia, il tasso di natalità è sceso a un livello molto basso e la popolazione è diminuita considerevolmente, cosicché le città sono state svuotate e la terra rimane incolta, anche se non ci sono state lunghe guerre o epidemie"8.

È inoltre necessario garantire la sostenibilità delle classi così come sono stabilite: "deve essere l'élite degli uomini ad avere rapporti con l'elite delle donne e, al contrario, la feccia con la feccia; la progenie della prima ad essere allevata, non quella della seconda, se il gregge vuole mantenere la sua eccellente qualità".

È quindi necessario garantire i migliori progenitori possibili, che si ottengono con un sistema di ricompense: "ai giovani che si distingueranno in guerra o altrove concederemo onori e altri premi, in particolare il permesso di vedere più spesso le donne; allo stesso tempo sarà un buon pretesto per avere da loro il maggior numero possibile di bambini"9.

È quindi un'eugenetica per il progresso sociale, la promozione di una procreazione da parte dei soggetti più capaci, che si trova in alcune leggi contemporanee.

Per capire questa prescrizione, bisogna sapere che Platone raccomanda la comunità delle donne. Ma aggiunge che gli uomini migliori saranno in grado di procreare più degli altri.

Un'altra prescrizione si sforza di rendere più facile la maternità per le donne dei guardiani (la casta superiore) alleggerendone l'incarico con l'aiuto di nutrici e governanti10.

L'età in cui le unioni feconde saranno autorizzate è regolata: "La donna porterà figli allo Stato dal suo ventesimo anno al quarantesimo, e l'uomo, dopo aver trascorso il tempo del suo ardore più ardente nella corsa, procreerà per la città fino a cinquantacinque anni", perché "i bambini devono essere generati da persone nel pieno del vigore11".

Ritroviamo l'obiettivo del matrimonio come era praticato a Sparta: procreare per lo Stato12. E quanto segue mostra quanto in Platone, questa funzione sia soprattutto sociale. "Se un uomo al di sopra o al di sotto di questa età interferisce nella procreazione per lo Stato, dichiareremo che ha peccato contro la religione e la giustizia, dando allo stato un bambino la cui concezione surrettizia  non sarà stata accompagnata dai sacrifici e dalle preghiere che i sacerdoti e le sacerdotesse e l'intero corpo dello Stato faranno ad ogni matrimonio, così che dagli uomini d'élite nascano figli persino migliori e da uomini utili al paese bambini che siano ancora più utili, ma che, al contrario, saranno un'opera di oscurità e terribile libertinismo"13.

 



 

  • 1. Personaggio semileggendario, vissuto probabilmente intorno al IX secolo a.C.
  • 2. Xénophon, République des Lacédémoniens, traduction de Pierre Chambry, Paris, I, 3, p. 477-478.
  • 3. Plutarque, La vie des hommes illustres, traduction de Jacques Amyot, La Pléiade, Lycurgue, XXX, p. 106.
  • 4. Ib.
  • 5. Senofonte, op. cit., I, 10, p. 479.
  • 6. Celeberrimo filosofo greco, che visse dal 429 al 348 a.C.
  • 7. Traduzione dal francese di: Platon, La République, tiré des Œuvres complètes, texte traduit par Chambry, Société d’édition Les Belles Lettres, 1949, t. VII, 1ère partie, p. 66, V, 460 a
  • 8. Polibio, Historiae, libro XXXVII, 4, 4-6.
  • 9. Ib., p. 66, 460 b.
  • 10. Ib., p. 67, 460 d.
  • 11. Ib., p. 67, 460 e et d.
  • 12. « Vai Acrotatos, unisciti a Khilonis e produci due soli figli per Sparta ».
  • 13. Platone, op. cit., p. 67-68, 461 a.
Statua di Aristotele a Stagira, in Grecia

La politica di Aristotele


Anche questo allievo di Platone1, che ha saputo superare il suo maestro, ha affrontato la questione.

Il punto di partenza è sempre lo stesso: "È assurdo (...) astenersi dal decidere il numero di cittadini. (...) È più consigliabile imporre restrizioni sulla procreazione piuttosto che assegnare un limite alla proprietà, per garantire che le nascite non superino una certa cifra. Questo tetto massimo sarebbe fissato in base alle possibilità di mortalità nei bambini nati e sterilità nelle altre coppie. La libertà di procreazione, come esiste nella maggior parte degli stati, è una causa infallibile di miseria per i cittadini e la miseria genera sedizione e criminalità. Fidone di Corinto, uno dei più antichi legislatori, era dell'opinione che il numero di famiglie e cittadini dovesse rimanere invariato"2.

È quindi per ragioni economiche e politiche che Aristotele propone di limitare rigorosamente la popolazione. "Ciò che segue dall'esame dei fatti è che è difficile e forse impossibile per uno stato con una popolazione troppo grande essere governato da buone leggi"3.  Pertanto, oltre un certo numero di abitanti, la città diventa ingovernabile ed è quindi necessario prevenire questo incidente limitando le nascite. Questo numero varia in base alle città.

Nella città aristotelica, i matrimoni sono regolati, sempre con l'obiettivo di ottenere i migliori discendenti possibili. "Poiché il legislatore ha il dovere di considerare come assicurare ai bambini4 che un corpo cresca in perfette condizioni, la sua prima attenzione riguarderà l'unione dei sessi, per stabilire a quale età è opportuno che le coppie mantengano relazioni coniugali, e quali qualità5 siano richieste a loro"6. Segue una serie di ragioni per le quali è necessario legiferare in questa materia, tanto dal punto di vista sociale, economico e politico, quanto dal punto di vista biologico ed eugenico. Aristotele conclude: "Questo è il motivo per cui è consigliabile fissare il matrimonio delle ragazze all'età di diciotto anni e quello degli uomini a trentasette anni7".

Dopo l'età, tratta delle qualità fisiche e morali: "il problema di sapere quali disposizioni fisiche nei genitori saranno particolarmente favorevoli alla loro prole, deve essere oggetto di un esame più attento"8. Queste qualità sono un corpo allenato con moderazione e in vari lavori, nonché calma della mente durante l'intera gravidanza per la madre.

Infine, in Aristotele come in Platone, la maternità è considerata un servizio pubblico: "dobbiamo anche fissare il periodo durante il quale è opportuno che continuino a servire lo Stato per quanto riguarda la procreazione".

L'eugenetica positiva dei Greci punta soprattutto sulla qualità delle nascite, ma anche sulla loro quantità; questo secondo obiettivo è realizzato dall'eugenetica negativa, perché è più facile da distruggere. La civiltà greca non è stata l'unica a praticare questo tipo di selezione. Si trova in alcune dinastie egiziane o inca, al fine di preservare la purezza della stirpe.

  • 1. Nato nel 384 a.C, fu allievo di Platone e precettore di Alessandro Magno. Morì nel 322.
  • 2. Aristote, La Politique, traduction par Tricot, Librairie philosophique J. Vrin, 1982, pp. 110-111, livre II, c. 6, 1265 a 37 et 1265 b 6-15
  • 3. Ib., p. 484, livre VII, c. 4, 1326 a 25-29.
  • 4. Ad esclusione di quelli abbandonati [nota del traduttore]
  • 5. Del corpo e dello spirito [nota del traduttore]
  • 6. Aristotele, op. cit., p. 536-537, livre VII, c. 16, 1334 b 27-32.
  • 7. Ib., p. 539, 1335 a 28-29.
  • 8. Ib., p. 541, 1335 b 3-4.