Maria Ausiliatrice del Gubel: la Vergine protettrice della fede

20 Giugno 2022
Fonte: fsspx.news
Scène de la bataille du Gubel, représentée au plafond de la chapelle du Couvent

La storia della Chiesa è costellata di interventi celesti volti a proteggere la fede e gli stati cattolici. L'intervento della Beata Vergine durante la battaglia del Gubel – nel canton Zugo, in Svizzera – ne è un bell'esempio.

Circostanze storiche: l'espansione della Riforma in Svizzera

Dopo la nascita della Riforma, predicata da Martin Lutero, l'eresia protestante si diffuse in vari paesi attraverso la predicazione dei riformatori che cercarono di catturare la benevolenza del potere secolare, come in Germania o in Svizzera.

Ulrich Zwingli (1484-1531) svolse questo ruolo a Zurigo. Era Leutpriestertum (prete del popolo) del Grossmünster di Zurigo dalla fine del 1518. La sua dottrina eretica si opponeva all'intero patrimonio della fede. Rifiutò il comandamento del digiuno, poi il celibato dei sacerdoti; respinse l'autorità ecclesiastica e fece riconoscere ufficialmente la sua dottrina dal Gran Consiglio di Zurigo.

Fece abolire le messe e le immagini pie, per poi ottenere l'abolizione dei conventi. Tentò poi di estendere il protestantesimo agli altri cantoni. Nel 1529 Zurigo dichiarò guerra ai cantoni cattolici di Lucerna, Uri, Svitto, Untervaldo e Zugo, uniti nell'Alleanza cristiana.

La battaglia del Gubel

Nel maggio 1531 il cantone di Berna, unito a Zurigo, impose ai cantoni cattolici un blocco del grano, causandone una penuria. Ma i cattolici furono per la prima volta confortati dall'apparizione della Vergine Maria sul Wesemlin a Lucerna, il giorno della festa di Pentecoste del 1531.

Il 9 ottobre 1531 l'Alleanza Cristiana scese in campo. L'11 ottobre 1531, la Vergine Maria apparve per la prima volta per incoraggiare il partito cattolico. Il capitano di Uran Jauch guidò l'attacco vicino a Kappel. Zwingli e molti dei suoi seguaci morirono in battaglia.

Zurigo inviò quindi quelli che erano in grado di portare le armi. Questa banda saccheggiava i comuni cattolici e profanava le chiese. La sera del 23 ottobre si accampò davanti al Fürschwand.

Una nuova apparizione di Christian Relief venne a incoraggiare i difensori della fede. Guidati dal capitano Christian Iten, avanzarono fino al Gubel. Dopo aver pregato, attaccarono di notte un nemico di gran lunga superiore e lo sconfissero, infliggendo pesanti perdite.

Anche se la battaglia del Gubel non ha portato alla vittoria definitiva, fu di grande importanza per il proseguimento dei conflitti armati tra cattolici e riformati in Svizzera. Così, con questa vittoria, vaste aree della Confederazione furono preservate dal male protestante.

Chiesa e convento di Maria Hilf Gubel

La costruzione della cappella commemorativa iniziò nel 1555. Fu consacrata il 23 ottobre 1559 "a Dio Onnipotente, alla sua reverenda madre Maria, al santo vescovo Severino e a tutto l'esercito celeste a lode e gloria per la graziosa, miracolosa e coraggiosa vittoria ottenuta per la salvezza e la conservazione della vera fede cattolica e cristiana e dell'amato Paese".

Sul soffitto della cappella è rappresentato il miracoloso intervento della Vergine Maria durante la battaglia. L'immagine di Maria Ausiliatrice sull'altare maggiore è una libera copia dell'immagine di Maria Ausiliatrice di Innsbruck, dipinta da Lukas Cranach nel 1517.

Monastero di Maria Hilf Gubel

Il convento di Maria Hilf Gubel a Menzingen, nel canton Zugo, è stato fondato nel 1846 nei pressi della chiesa commemorativa di Maria Hilf. Nel 1851, vi si tenne la professione delle prime tre suore cappuccine, consacrate all'adorazione perpetua.

 

Il convento di Maria Hilf Gubel