Matrimonio omosessuale: il grattacapo anglicano

21 Gennaio 2023
Fonte: fsspx.news
Justin Welby

In Inghilterra, dopo cinque anni di consultazioni e dibattiti, a volte accesi, la Chiesa anglicana ha deciso di respingere la proposta di consentire ai ministri religiosi di sposare coppie omosessuali. Una decisione contestata internamente, e che allarga il divario con gli anglicani di Scozia che hanno preso una posizione contraria nel maggio 2022.

In Inghilterra e Galles il matrimonio omosessuale è legale dal 2013, ma finora la gerarchia anglicana ha optato per lo status quo, a rischio di alienarsi la parte più liberale del suo clero e dei suoi seguaci.

Inoltre, nell'agosto 2022, Justin Welby – "Arcivescovo" di Canterbury e, come tale, Primate d'Inghilterra – ha riconosciuto "profonde differenze in molte aree" all'interno della confessione anglicana, e ha ammesso di aver affrontato numerose critiche per aver difeso una decisione sinodale del 1998 che respingeva il matrimonio sessuale.

Per evitare l'implosione, il capo degli anglicani aveva però assicurato ai colleghi, riuniti a Lambeth l'estate scorsa, che non avrebbe punito i religiosi che avrebbero celebrato unioni tra persone dello stesso sesso.

Una posizione minata nel novembre 2022 dal reverendo Steven Croft, capo degli anglicani di Oxford, uno dei religiosi più anziani del regno che chiedeva il riconoscimento "dell'acuto dolore e dell'angoscia delle persone LGBT che vivono all'interno della Chiesa anglicana".

Per non dividere la "comunione" - di facciata - che riunisce in modo eterogeneo quello che lui ammette di costituire un "complesso gruppo di chiese", Justin Welby ha preferito agire a monte del sinodo, e non sottomettere al voto dell'alto clero anglicano la questione della celebrazione religiosa delle unioni omosessuali.

Quello che è certo è che il divario nell'anglicanesimo non ha finito di allargarsi tra Scozia e Inghilterra: il 23 maggio 2022, una stragrande maggioranza dei membri del sinodo della Chiesa di Scozia – la più grande fede del Regno Unito – ha votato a favore di "matrimonio per tutti".

In Inghilterra gli anglicani costituiscono circa il 20% della popolazione e, di questi, meno del 9% dichiara di praticare la propria religione.

Allo stesso tempo, il numero dei ritorni all'unità cattolica tende ad aumentare: così padre Gavin Ashenden, ex cappellano della Regina – che è stato ordinato sacerdote cattolico nel 2019 – spiega la sua conversione con il fatto che l'anglicanesimo avrebbe "capitolato" aggiornandosi al "marxismo 2.0", che ha portato a "ordinare" donne "vescovi" o ad accettare omosessuali nel clero.

"Solo la Chiesa cattolica ha la (necessaria) forza magisteriale per non cedere alla cultura imperante", spiega. Il vero ecumenismo così come lo ha praticato la Chiesa fino agli anni Cinquanta sembrerebbe dunque avere ancora un futuro...