Mons. Cordileone istituisce una messa tridentina mensile nella sua cattedrale

6 Agosto 2021
Fonte: FSSPX Spirituality
Mons. Salvatore Cordileone

Mons. Salvatore Cordileone ha autorizzato una messa mensile nel rito tradizionale presso la Cattedrale di Santa Maria Assunta a San Francisco. Ha recitato personalmente le preghiere con i fedeli, in riparazione degli abusi commessi contro la Santa Eucaristia.

La decisione di tenere una messa mensile di rito tridentino nella cattedrale precede il motu proprio di papa Francesco del 16 luglio, Traditionis custodes, che pone drastiche restrizioni all'uso della messa tradizionale.

Ma è in risposta a questo atto papale che il vescovo Cordileone ha annunciato che avrebbe autorizzato la continuazione della messa tradizionale nella sua diocesi, conformemente a quanto precisa il motu proprio: i vescovi hanno l'autorità per prendere tali decisioni.

La messa mensile sarà celebrata il primo mercoledì del mese alle 15:00. Maggie Gallagher, Direttrice Esecutiva dell'Istituto Benedetto XVI per il Culto Sacro e la Musica Divina, se n'è rallegrata: "È un'ora propizia per questa Messa, che ricorda il momento in cui Nostro Signore Gesù Cristo è morto per salvarci dal peccato e dalla morte", ha detto.

La prima messa è stata celebrata mercoledì 4 agosto, festa di san Domenico, in rito domenicano.

Mons. Cordileone ha detto alla CNA il 16 luglio che "la messa è un miracolo in tutte le sue forme: Cristo viene a noi nella carne sotto le spoglie del pane e del vino. Ciò che conta è l'unità sotto Cristo. Pertanto, la Messa tradizionale in latino continuerà ad essere disponibile qui nell'Arcidiocesi di San Francisco e sarà fornita in risposta ai legittimi bisogni e desideri dei fedeli."

Pregare per i vescovi
Mons. Cordileone si è impegnato personalmente nella preghiera con i fedeli per rimediare agli abusi commessi contro il Santissimo Sacramento dell'Altare.

Si è inoltre impegnato a continuare questa preghiera con i suoi diocesani, fino "ai lavori della Conferenza episcopale degli Stati Uniti (USCCB) alla fine di quest'anno."

Va ricordato che Mons. Cordileone è stato un ardente difensore della redazione di un documento contenente un chiaro insegnamento sull'Eucaristia da parte dell'USCCB.

In una dichiarazione fornita alla CNA a maggio, Mons. Cordileone si è detto "profondamente rattristato dalla crescente acrimonia pubblica tra i vescovi."

Ha aggiunto: "Coloro che non vogliono pubblicare un documento sulla coerenza eucaristica dovrebbero essere preparati a discutere la questione in modo obiettivo ed equo con i loro fratelli vescovi, piuttosto che tentare di far deragliare il processo."

Dopo la discussione, l'USCCB ha votato a giugno per adottare diverse misure, tra cui la stesura di un documento didattico sull'Eucaristia.