Mons. Lefebvre a Fatima

13 Maggio 2020
Fonte: fsspx.news

ll 22 agosto 1987, mons. Lefebvre, insieme a numerosi sacerdoti e 2000 fedeli, andò in pellegrinaggio a Fatima. Durante la messa solenne, l'arcivescovo consacrò la Russia al Cuore Immacolato di Maria e pronunciò una magnifica omelia, dimostrando la sua devozione mariana e la sua fiducia in Colei che vince su tutte le eresie.

Ringraziamo il buon Dio e la Santissima Vergine Maria per esserci potuti riunire oggi, in questa festa del suo Cuore Immacolato, per cantare le sue lodi, per provare per qualche istante, per qualche giorno, a vivere secondo la nostra fede. Perché infatti, se la Vergine Maria è voluta venire su questa terra del Portogallo, a Fatima, se è voluta apparire a questi bambini per dare loro un messaggio per il mondo, è perché voleva che le nostre anime si elevassero verso il cielo.

Perché queste apparizioni della Santissima Vergine Maria a Fatima?


E così proviamo, miei cari fratelli, a reimmeggerci in quell'atmosfera, in quell'atmosfera in cui questi pastorelli, e anche le persone che venivano ad affiancarli ogni 13 del mese di quell'anno 1917, fino a ottobre quando uno straordinario miracolo ebbe luogo. Proprio qui, si dice, questo miracolo fu visto per quaranta chilometri intorno a Fatima, quindi se fossimo stati presenti in questo giorno del 13 ottobre 1917, avremmo visto questo straordinario fenomeno del sole che danza, spargendo raggi di tutti colori, inondando la regione con i suoi magnifici colori.

E questo per tre volte dieci minuti! Infine, il sole che scende, come dal cielo, per avvicinarsi ai fedeli presenti, per manifestare la verità dell'apparizione della Santissima Vergine Maria a questi bambini di Fatima. Ancora una volta chiediamoci, perché questa apparizione della Santissima Vergine Maria? È perché le nostre anime siano salvate, è perché un giorno le nostre anime si uniscano a lei in cielo. In delle visioni straordinarie, ella ha mostrato a questi bambini di Fatima l'intera realtà della nostra fede. In effetti, i bambini l'ammiravano e l'ammiravano tanto da essere come in estasi, deliziati, rapiti, non sapendo come esprimere la bellezza della Beata Vergine Maria. Non importa quanto si fosse cercato di dare loro dei confronti, nessun paragone poteva essere fatto con bellezza della Vergine Maria che avevano visto.

E inoltre non è stata solo la Vergine Maria a comparire. Ha voluto mostrare loro qualcosa dal cielo: San Giuseppe che portava il Signore in braccio e benediceva il mondo. Ha voluto anche presentarsi sotto l'immagine di Nostra Signora del Monte Carmelo, di Nostra Signora dei Dolori e in generale si presentava come Nostra Signora del Rosario. È perché voleva instillare nei bambini la necessità del rosario, la necessità di soffrire con Nostro Signore Gesù Cristo, Nostra Signora dei Dolori. Quindi ha voluto esprimere i suoi sentimenti interiori per comunicarli a quei bambini e qbambini, a loro volta, hanno comunicato questi sentimenti a tutti coloro che avrebbero avuto l'opportunità di ascoltare il loro messaggio. Infine, fu anche l'arcangelo San Michele a presentarsi a loro.

La Madonna ha anche parlato con loro delle anime del purgatorio, quando Lucia le domandava dove fosse una certa anima, dove fosse una certa persona che era morta: è in paradiso, in purgatorio? A volte diceva loro: "No, quest'anima non è ancora in paradiso, è in purgatorio". Volle anche mostrare loro la realtà dell'inferno. È quindi proprio qui, in queste regioni, che la Santissima Vergine ha voluto mostrare cos'era l'inferno a quei bambini inorriditi, al fine di incoraggiarli a fare penitenza, al fine di incoraggiarli a pregare per salvare le anime, dimostrando così che il Cuore Immacolato di Maria è interamente rivolto verso la gloria del suo divino Figlio e verso la salvezza delle anime. Salvare le anime, farle andare in paradiso. È tutto il nostro catechismo che, in un certo senso, questi bambini hanno visto in immagini e questo per grazia della Santissima Vergine Maria.

Quello che è successo nel 1917 è vero ancora oggi


Quindi proviamo a metterci in quello stato d'animo, anche noi, oggi, perché quello che è successo nel 1917 è vero ancora oggi, e forse anche più di allora a causa della situazione del mondo, persino peggiore di quanto non lo fosse nel 1917. La fede sta scomparendo, l'ateismo sta facendo progressi ovunque, e la stessa Santissima Vergine lo aveva annunciato, perché, sebbene abbia voluto mostrare una visione del paradiso, volle anche parlare della terra e disse a questi bambini: "Bisogna pregare, bisogna fare penitenza per fermare gli effetti dannosi di questo terribile errore che è il comunismo, che dominerà il mondo se  non si farà penitenza, se non si pregherà e se non si realizzerà la mia volontà", volontà che era di divulgare i segreti che la Beata Vergine Maria aveva dato a Lucia.

Ahimè, siamo costretti a constatare che questi segreti non sono stati rispettati, non sono stati divulgati, e l'errore del comunismo si sta diffondendo ovunque! Cerchiamo quindi, miei cari fratelli, di metterci in quell'atmosfera, in quelle disposizioni per condividere le convinzioni di questi bambini, per unirci al Cuore di Maria, in modo che i nostri cuori ardano dei desideri che erano nel Cuore del Santissima Vergine Maria e che ancora oggi sono lì, desideri del regno di suo Figlio. Cosa potrebbe desiderare se non vedere il suo divino Figlio regnare su tutto il mondo, sulle anime, sulle famiglie, sulle società, mentre regna in cielo? Ed è per questo che viene sulla terra, per supplicarci, ognuno di noi: "Gesù deve regnare su di voi", lei lo vuole, lo desidera e quindi ci dà i mezzi.

Il primo mezzo è la preghiera. "Bisogna pregare", la Beata Vergine continuava a ripetere questo a Lucia, perché Lucia le poneva ogni volta la domanda: "Signora", chiedeva, "cosa volete da me, cosa volete che faccia?" Che bella domanda! Come San Paolo sul cammino di Damasco a Nostro Signore: "Cosa vuoi che faccia?" Non può esserci disposizione migliore. È anche a la nostra disposizione? "Maria! Cosa vuoi che facciamo?" Così Maria diceva: "Dovete pregare, prendete il vostro rosario, recitate il rosario ogni giorno, per santificarvi e salvare anime, per salvare le anime dei peccatori". Lo ripeteva ogni volta che veniva. Li incoraggiò anche alla Santa Comunione, alla Santa Eucaristia, poiché ha persino permesso che un angelo venisse a dare la comunione a questi bambini. Maria può desiderare altro che darci suo Figlio, darci Gesù nei nostri cuori?

E allora perché questi segreti? Bene, la Santissima Vergine nel suo amore per noi, nella sua condiscendenza per noi che siamo poveri peccatori, voleva avvertirci, voleva annunciarci eventi futuri per consentirci di mantenere la nostra fede, di mantenere la grazia nelle nostre anime. Ecco perché è venuta, ecco perché ha dato i suoi segreti. E va detto, purtroppo non possiamo nasconderlo, la Vergine ci ha pensato. Se la Beata Vergine chiese a Lucia di divulgare il terzo segreto dal 1960 e che questo segreto fosse divulgato dal Papa, non fu senza motivo; è perché sapeva che dopo il 1960 degli eventi molto seri avrebbero dovuto attraversare la storia della Santa Chiesa, e lei voleva metterci in guardia e voleva avvertire le autorità della Chiesa per evitare queste disgrazie, al fine di impedire che la fede andasse persa e che le anime si perdessero.

Quindi siamo avvertiti, sappiamo che dopo il 1960, eventi seri attraverseranno la storia della Chiesa, e in particolare per quanto riguarda le guide della Chiesa. È probabilmente per questo, sfortunatamente, che i capi della Santa Chiesa non volevano divulgare il segreto. Pensavano che questa rivelazione non fosse opportuna. Grande mistero, miei cari fratelli, grande mistero. Quindi, vedete, se la Santissima Vergine Maria vuole che abbiamo nelle nostre anime tutte le disposizioni celesti, le disposizioni dell'amore del buon Dio, le disposizioni della preghiera, le disposizioni per unirci a Nostro Signore nella santa Eucaristia, le disposizioni per sacrificarci per i peccatori di questo mondo, ebbene chiediamole oggi questa grazia. (...)

La grazia di mantenere la fede


Eccoci qui radunati dinnanzi alla Vergine Maria di Fatima, avendo nel tuo cuore le disposizioni di quei bambini che hanno ricevuto la Santissima Vergine Maria e che l'hanno vista: chiedete, chiediamo alla Santissima Vergine Maria di sciogliere questo mistero, lasciatela venire in nostro soccorso. Il grande mistero di Roma, il grande mistero della situazione del papato di oggi. (...) Per noi che conserviamo preziosamente tutta la fede, per nulla al mondo vorremmo rimuovere uno iota, la più piccola parte della nostra fede, vogliamo mantenerla intatta, assolutamente intatta. Ed è perché vogliamo mantenere questa unità di fede che coloro che la stanno perdendo ci perseguitano. Questa è la vera situazione attuale in cui ci troviamo, una situazione misteriosa, probabilmente annunciata da Nostra Signora di Fatima, probabilmente nel suo terzo segreto: che coloro che vorranno rimanere cattolici, saranno perseguitati da coloro che, avendo autorità nella Chiesa, si sono allontanati dalla fede; deviando dalla fede, vorrebbero portarci con loro; e poiché li disobbediamo non volendo perdere la fede con loro, ci perseguitano. Ma Nostro Signore lo ha detto, lo ha predetto che ci sarebbero stati dei cattivi pastori e che non avremmo dovuto seguire i cattivi pastori, che avremmo dovuto seguire i buoni pastori. Questo è il mistero che stiamo vivendo oggi.

Quindi chiediamo alla Vergine Santissima di svelare questo mistero; è un martirio per voi, per noi, per tutti coloro che vivono in questo periodo, è un vero martirio morale, forse peggiore del martirio di sangue, vedere che quelli che dovrebbero predicare la fede cattolica, difendere la fede cattolica per l'unità della Chiesa, abbandonano questa fede cattolica e cercano di stare bene con il mondo, con principi moderni, con i principi di questa società che è guidata più da Satana che dal buon Dio. Quindi prendiamo qui la risoluzione, con la Santissima Vergine Maria, e chiediamo la grazia, miei cari fratelli, di mantenere la fede, di rimanere cattolici fino alla fine dei nostri giorni, di avere la grazia della perseveranza finale nella fede cattolica.

Perché tutti i martiri hanno versato il loro sangue? Per mantenere la fede. Dunque, se dobbiamo essere martiri, se non dobiamo essere martiri di sangue ma martiri nelle nostre anime, nei nostri cuori, nelle nostre menti, ebbene saremo martiri e saremo gli eredi di coloro che hanno hanno versato il loro sangue per non negare la loro fede. Questo è ciò che dobbiamo promettere alla Beata Vergine Maria e cercare di farlo capire da tutti coloro che ci circondano in modo che non perdano la fede, in modo che non perdano la loro anima. (…) E infine dobbiamo chiedere il rinnovamento della Santa Chiesa Cattolica, che la Chiesa ritrovi il suo splendore, che la Chiesa ritrovi la sua unità nella fede, che la Chiesa ritrovi le sue migliaia e migliaia di vocazioni ...

Mons. Marcel Lefebvre

Fatima, 22 agosto 1987