Morte del R.P. Marziac, fervente predicatore degli Esercizi di Sant'Ignazio (1)

14 Gennaio 2022
Fonte: fsspx.news
Cattedrale di Strasburgo

Alcune note autobiografiche.

Jean-Jacques Marziac è nato a Strasburgo il 2 luglio 1924, nella festa della Visitazione della SS Vergine Maria. Come ha detto lui stesso, tutte le grandi tappe della sua vita sono state segnate dalla Madonna. Fu battezzato il 3 agosto.

Il 24 maggio 1936, nella festa di Maria Ausiliatrice, fece la prima comunione al Collegio Saint-Clément, diretto dai padri gesuiti a Metz.

Fece la sua promessa scout, con uno dei suoi fratelli, il 17 agosto 1941. Questa promessa esercitò un'influenza su tutta la sua esistenza. Lo riconosceva lui stesso: "Il grande campo di rover/scout francesi a Puy-en-Velay nell'agosto del 1942 segnerà tutta la mia vita. Ero capogruppo e padre Doncoeur, gesuita, ci ha tenuto un sermone di almeno mezz'ora sul 'più bello, il più alto dei servizi, quello di donarsi a Dio come sacerdote'."

"Ci sono frasi che ricordo ancora oggi: 'Ponetevi questa domanda come San Paolo, patrono dei Rovers/Scout: Signore, cosa vuoi che faccia?' Fui scosso da questo sermone, e non sono stato il solo…"

L'anno successivo rispose all'appello del Maestro: "Fu durante il campo-scuola preparatorio per diventare capo truppa o capo clan, durante la Settimana Santa del 1943, che udii, non nelle mie orecchie, ma nel cuore il 'Vieni, seguimi', accompagnato da una consolazione interiore, durante la Via Crucis del Venerdì Santo."

"Sono entrato nel seminario per le vocazioni tardive delle Missioni africane nel settembre 1944 per terminare gli studi secondari, soprattutto di latino. Nel settembre del 1947 entrai nel Noviziato che, allora, durava due anni."

"Ho preso l'abito talare il 16 novembre 1947 nella solennità di san Pietro Claver, gesuita, grande convertitore degli africani lavoratori in America. Lo stesso giorno, monsignor Lefebvre fu intronizzato a Dakar. Non è un caso."

La scoperta degli Esercizi di Sant'Ignazio
Poi sono arrivati ​​i cinque anni di formazione presso il seminario delle Missioni Africane a Lione, e la scoperta decisiva degli Esercizi Spirituali di Sant'Ignazio. P. Marziac confessa con semplicità:

"Poiché ero un po' turbolento, ma senza avere un brutto carattere, e per di più insufficientemente metafisico, il mio direttore spirituale mi consigliò, quasi mi costrinse a fare un ritiro con i Padri di Chabeuil, come si diceva allora. Quel ritiro fu per me stravolgente! Per tre motivi:

1 – È successo a Les Mées nelle Basses-Alpes. Il 28 settembre 1951 eravamo 55 in ritiro, tra cui una quindicina di sacerdoti e seminaristi, ufficiali, insegnanti, contadini, tutte le professioni. Per tutti lo stesso magistrale insegnamento. Nessuna confessione per due giorni.

2 – Silenzio assoluto per tutto il ritiro, eccetto al pranzo del Figliol Prodigo dove ci sono state testimonianze di conversioni, illuminazioni eccezionali per molti, mentre in seminario c'era la ricreazione dopo i pasti…

3 – Durante i pasti si leggeva a tavola La regalità sociale di Nostro Signore Gesù Cristo di padre Théotime de Saint-Just. Fu una rivelazione per me, ancora troppo imbevuto di quella laicità ufficiale dello Stato, del suo liberalismo, e poco illuminato nei corsi del seminario..."

La crisi nella Chiesa
Durante i suoi anni di formazione, il giovane Jean-Jacques Marziac dovette affrontare la crisi dottrinale che già scuoteva la Chiesa: "I Padri di Chabeuil e gli uomini della Cité Catholique erano dei piantagrane un po' troppo attivi per la 'nuova teologia' che allora si insegnava nello scolasticato gesuita di Fourvière a Lione, soprattutto con padre Henri de Lubac.

"Io stesso ero seminarista al Seminario maggiore delle Missioni africane a Lione quando, il 12 agosto 1950, apparve l'enciclica Humani generis di Pio XII. Appena iniziato l'anno scolastico, a settembre, il maestro di dogma ci commentò l'enciclica chiarendo che era il padre di Lubac ad essere preso di mira, così come Maurice Blondel."

"Le opere di padre de Lubac erano vietate. C'era fermento in tutti i seminari di Francia. Inoltre, i seminaristi della Facoltà cattolica di Lione, ex partecipanti al ritiro di Chabeuil, avevano osato criticare apertamente le teorie della 'nouvelle theologie'."

"Ci fu allora un vero e proprio complotto contro i figli di padre Vallet e il movimento della Cité Catholique. […] Jean Ousset seguiva ogni anno gli Esercizi di Sant'Ignazio con i figli spirituali di padre Vallet, fu lui a fondare la Cité Catholique e la rivista Verbe. »

Quattro mesi dopo il suo suddiaconato, Jean-Jacques Marziac fece il suo secondo ritiro di Sant'Ignazio il 24 settembre 1953. Scriveva: "Questo ritiro mi ha confermato nella forza degli Esercizi e nel mio desiderio di diventare un santo missionario in mezzo delle difficoltà a venire…"

Tutte le sue esitazioni si dissiparono, soprattutto grazie alla "meditazione sui due stendardi", messa in pratica sul campo dal movimento della Cité Catholique.

L'11 febbraio 1954, festa di Nostra Signora di Lourdes, Jean-Jacques Marziac fu ordinato sacerdote. Ammette di aver conosciuto una "gioia tremenda ed elettrizzante". Annota con precisione che il 13 febbraio celebra la sua 2a messa a Notre-Dame de Fourvière; il 15 febbraio la sua 4a messa nel luogo del martirio di San Potino; il 16 febbraio la sua 5a messa presso la tomba del santo Curato d'Ars; il 25 luglio 1954, nella festa di San Giacomo, suo secondo patrono, una messa alla grotta di Lourdes.

Dal 16 agosto al 17 settembre 1954 fece il suo primo ritiro di trenta giorni a Chabeuil. Riconobbe con gratitudine: "Ero stato ordinato pochi mesi prima, è stato il miglior ritiro della mia vita... Alla fine, padre Barrielle, direttore dell'opera dei ritiri in Francia, mi ha regalato il 'Souvenir de famille', una grande stampa di 42 pagine. Vi è scritto tutto per predicare gli Esercizi di sant'Ignazio di 30 giorni e 5 giorni, secondo lo spirito e il metodo di padre Vallet. Ma quando padre Barrielle me lo mise in mano, aggiunse: 'Figlio! Voi andate in Africa… Ecco gli Esercizi che dovete predicare laggiù… Vi do questo incarico… Coraggio! Tenetemi informato…' Padre Barrielle è stato il mio direttore spirituale per 30 anni."

Continua...