Myanmar: villaggio cattolico nuovamente attaccato dall'esercito

13 Giugno 2022
Fonte: fsspx.news

Le case civili in uno storico villaggio cattolico sono state bruciate dalle truppe della giunta in Myanmar per la seconda volta in un mese. Il 7 giugno, più di due terzi di circa 500 case sono state distrutte dagli incendi scoppiati durante un'incursione militare nel villaggio di Chan Thar, nella regione prevalentemente buddista di Sagaing.

Non è ancora chiaro se la secolare Chiesa dell'Assunta, il convento e la casa del parroco siano stati danneggiati o meno.

Le truppe hanno colpito con il fuoco dell'artiglieria prima di entrare nel villaggio, quindi hanno appiccato il fuoco alle case, una dopo l'altra. Nessun altro villaggio vicino è stato attaccato, ha detto una fonte locale. "Abbiamo visto gli abitanti dei villaggi piangere mentre le loro case andavano in fumo", ha aggiunto una fonte.

Dal gennaio 2022, la maggior parte degli abitanti del villaggio era già fuggita dalle proprie case verso aree più sicure, compresi i locali annessi alle chiese e le case dei loro parenti a Mandalay e in altre città.

La giunta sta prendendo di mira tre storici villaggi cattolici nel cuore buddista dei Bamar di Sagaing per affrontare la crescente resistenza contro il governo militare da parte delle Forze di difesa popolare che si ritiene abbiano sede lì.

Chaung Yoe, Monhla e Chan Thar, che fanno parte dell'arcidiocesi di Mandalay, sono conosciuti come villaggi Bayingyi perché i loro abitanti affermano di discendere da avventurieri portoghesi che vi arrivarono nel XVI e XVII secolo. I villaggi diedero molti vescovi, sacerdoti, religiose e frati.

L'ultimo attacco di artiglieria, seguito da un incendio doloso, è avvenuto quasi tre settimane dopo che almeno 320 delle 350 case erano state bruciate a Chaung Yoe in un raid militare del 20 maggio.

Il villaggio è stato attaccato più volte da truppe che hanno ucciso due persone, picchiato altre tre, distrutto statue e saccheggiato le proprietà in un raid del 10 gennaio.

L'offensiva della giunta nella regione di Sagaing continua con il fuoco dell'artiglieria, attacchi aerei e l'incendio di case in diversi villaggi. I telefoni cellulari e le linee Internet sono state tagliate in alcuni distretti.

Almeno 18.900 case sono state bruciate in tutto il paese dal colpo di stato del febbraio 2021, e la regione di Sagaing è la più colpita, con 3.840 case distrutte, secondo l'ultimo rapporto di Research Myanmar.

Il conflitto in corso, in particolare nelle roccaforti cristiane come gli stati di Kayah, Chin, Karen e Kachin, ha portato ad attacchi e incursioni a chiese e conventi. Anche sacerdoti e pastori sono stati uccisi o arrestati.

Più di 1.900 persone, tra cui più di 100 bambini, sono state uccise e più di 13.000 persone sono state arrestate dal colpo di stato.