Pakistan: otto anni nel braccio della morte per “blasfemia”

12 Agosto 2022
Fonte: fsspx.news
Shafgat Emmanuel e Shagufta

Shagufta e Shafqat Emmanuel, una coppia cattolica che viveva a Mian Channu, una cittadina a 250 km a sud di Lahore, in Pakistan, sono stati arrestati con false accuse di blasfemia nel luglio 2013. Dopo otto anni nel braccio della morte, separati l'una dall'altro e i loro quattro figli, sono stati finalmente rilasciati il ​​3 giugno 2021 dall'Alta Corte di Lahore. Finalmente libero, Shagufta testimonia davanti all'ACN.

"Sono nata in una famiglia cristiana molto forte. Frequentavo regolarmente la messa e ricevevo la comunione, e ho sempre voluto andare al catechismo e recitare il rosario. Mio padre e mia madre hanno insegnato a me e ai miei sei fratelli ad essere forti nella nostra fede e ad essere pronti per qualsiasi tipo di sacrificio o persecuzione."

"La maggior parte delle famiglie nel nostro villaggio erano musulmane, ma c'era anche un buon numero di cristiani. I rapporti con i musulmani erano molto cordiali. Ricordo di aver giocato con ragazze musulmane e di esserci fatte visita, scambiando saluti e dolcetti a Natale e alla fine della celebrazione del Ramadan. Anche i miei fratelli avevano ottimi amici musulmani. Non ricordo risse o liti in nome della religione."

"Pochi anni dopo aver sposato Shafqat Emmanuel, ci siamo trasferiti a Gojra dove mio marito aveva trovato lavoro. Tragicamente, è stato paralizzato da un proiettile vagante mentre cercava di sedare una rissa circa 12 anni fa. La vita è stata dura dopo, ma siamo stati fortunati a trovare lavoro alla St John's High School, Gojra. Dopo l'orario di scuola, mio ​​marito riparava i cellulari per guadagnare qualche soldo in più per le spese familiari."

Un SMS sconvolge le loro vite
"Poi, un giorno di luglio 2013, siamo stati presi dal terrore quando diversi furgoni della polizia con dozzine di agenti di polizia si sono fermati a casa nostra. Hanno fatto irruzione e hanno arrestato me e mio marito con l'accusa di blasfemia per un messaggio offensivo su Maometto inviato tramite la scheda SIM del nostro cellulare."

"Il telefono, che era stato registrato a mio nome, è stato utilizzato anche da mio marito. Il messaggio incriminante era scritto in inglese, una lingua che né io né mio marito parliamo o leggiamo. Siamo stati presi in custodia per una notte e il giorno dopo siamo stati trasferiti in prigione. In prigione siamo stati torturati. La polizia ha detto a mio marito che se non avesse confessato mi avrebbero violentata davanti a lui, quindi ha confessato, anche se eravamo entrambi innocenti."

"Siamo rimasti in prigione per otto mesi prima che un giudice ci giudicasse colpevoli e ci condannasse a morte. Al nostro avvocato non è stato permesso di finire la sua difesa e nessuno di noi è stato ascoltato. Sono svenuta quando ho sentito la sentenza di morte. La sentenza è stata un duro colpo per noi e per la nostra famiglia e ha sconvolto l'intera comunità cristiana in Pakistan e altrove."

I loro figli minacciati
"Shafqat è stato trasferito nella prigione di Faisalabad, mentre io sono stata rinchiusa nel braccio della morte a Multan. Siamo stati nel braccio della morte per otto lunghi anni. Potete immaginare quanto sia stato difficile per i miei figli; a quel tempo i miei figli avevano 13, 10 e 7 anni e mia figlia aveva solo 5 anni."

"Dovevano spostarsi costantemente trascorrendo il loro tempo a nascondersi dai fondamentalisti musulmani che minacciavano di attaccarli. Potevano visitarmi solo ogni cinque o sei mesi, per 20-30 minuti. Piangevo ogni giorno per non essere con i miei figli. La mia vita era terribile e continuavo a pensare che un giorno io e mio marito saremmo impiccati."

"Nonostante questo terribile incubo, non ho mai perso la speranza o la fede. Ho pregato ogni giorno, senza fermarmi. Ho letto la Bibbia e cantato salmi e inni in urdu e punjabi, e questo mi ha confortato. Poiché mio marito ed io eravamo innocenti, non ho mai perso la fede o la speranza che il mio Signore Gesù Cristo, che ha vinto la morte ed è risorto il terzo giorno, ci avrebbe liberato e mi avrebbe preservato dalla morte."

Ingiunzione alla conversione
"Più volte mi è stato detto che se mi fossi convertita all'Islam, la mia condanna a morte sarebbe stata commutata in ergastolo e alla fine sarei stata rilasciata. Ho sempre detto di no. Il Signore, Gesù Cristo risorto, è la mia vita e il mio Salvatore. Gesù Cristo ha sacrificato la sua vita per me nonostante i miei peccati. Non cambierò mai la mia religione e non mi convertirò mai all'Islam. Preferirei essere impiccata che rinnegare Gesù Cristo."

"Poi venne l'intervento divino e si levarono voci molto forti contro il nostro processo iniquo e la nostra condanna, al Parlamento europeo, nelle organizzazioni per i diritti umani nel mondo, nonché nella Chiesa cattolica e Aiuto alla Chiesa che soffre.

"Abbiamo pregato per la nostra liberazione e ci è stato offerto supporto morale e spirituale. Mio marito ed io saremo sempre grati a tutti coloro che ci hanno supportato. Grazie! Dio vi benedica tutti!"

"Per un certo periodo Asia Bibi, anch'essa condannata a morte con false accuse di blasfemia, è stata la mia vicina nel braccio della morte a Multan. Ogni volta che ci incontravamo, pregavamo insieme, ci confortavamo a vicenda e rinnovavamo la nostra fede incrollabile in Gesù Cristo. A Natale abbiamo condiviso un dolce con altri prigionieri, musulmani e cristiani."

Asia Bibi liberata
"Quando ho saputo che Asia era stata liberata, il mio cuore si è riempito di gioia ed ero convinta che un giorno sarei stata liberata anche io. Alla fine è successo e io e mio marito siamo stati rilasciati. Sfortunatamente, come Asia Bibi, Shafqat ed io, non potevamo rimanere in Pakistan con la nostra famiglia."

"Siamo stati costretti a cercare asilo altrove e a trasferirci in un altro Paese perché fanatici ed estremisti musulmani erano determinati ad ucciderci se fossimo rimasti in Pakistan. Detto questo, siamo molto felici che un paese europeo ci abbia concesso asilo e che ora la nostra famiglia sia riunita. Siamo al sicuro qui e siamo liberi di praticare la nostra religione."

"Spero e prego che queste false accuse di blasfemia, che spesso vengono fatte per regolare i conti personali, finiscano in Pakistan e che coloro che sono riconosciuti colpevoli di false accuse siano puniti.

"Gloria e lode al mio Signore vivente Gesù Cristo, e al mio Dio misericordioso, che è un Dio di giustizia."