Polonia: i giovani di fronte alla sfida della secolarizzazione

23 Novembre 2022
Fonte: fsspx.news
Processione del Corpus Domini in una parrocchia polacca

Fulmine a cielo sereno sulle rive della Vistola: il futuro della cattolicissima Polonia si oscura con la pubblicazione delle ultime statistiche relative alla pratica religiosa dei giovani e alla frequenza delle lezioni di religione nelle scuole. La gerarchia cattolica non esita più a parlare di "devastante declino".

In Polonia, le lezioni di religione, cioè l'insegnamento della dottrina cristiana, con libri di testo e insegnanti scelti dalla gerarchia cattolica, sono parte integrante del sistema di istruzione pubblica.

Dal 2019 l'Ufficio per l'Istruzione di Varsavia, filiale del Ministero della Pubblica Istruzione, ha iniziato a raccogliere i dati relativi alla partecipazione a queste classi di catechismo: a quel tempo, è emerso che il 78% degli studenti delle scuole primarie e il 44% degli studenti delle scuole secondarie frequentavano queste classi. Nel 2021, le cifre sono scese rispettivamente al 72% e al 33%.

Ma nel 2022 il 67% degli studenti delle scuole primarie e il 29% delle secondarie hanno frequentato il catechismo. Un calo ancora maggiore se guardiamo al flusso tecnico e al flusso commerciale, dove solo il 23% degli studenti frequenta ancora le lezioni di dottrina: erano il doppio solo un anno fa...

Se la società polacca ha teso fino ad oggi a secolarizzarsi lentamente ma inesorabilmente, questo ritmo è andato accelerando da diversi anni, ben orchestrato dagli oppositori della Chiesa che hanno visto nei casi di abusi commessi da chierici, e nel rifiuto delle riforme progressiste, un vera manna dal cielo.

In un'intervista al quotidiano Gazeta Wyborcza, padre Rafal Kowalski, portavoce della Curia episcopale di Wroclaw, la terza città del Paese, ammette che l'immagine pubblica della Chiesa si è notevolmente deteriorata: "La Chiesa ora è vista come un'intollerante istituzione, legata al potere politico, danneggiata dagli scandali". 

E il sacerdote ha aggiunto: "Dopo la decisione della Corte costituzionale [di introdurre nel marmo della legge fondamentale del Paese, il divieto quasi totale dell'aborto], siamo stati sommersi da un'ondata di uscite dalla Chiesa e diserzioni dalle lezioni di catechismo a scuola". 

Inoltre, poco dopo la decisione degli alti magistrati, un sondaggio ha rivelato che solo il 9% dei giovani polacchi ha un'opinione positiva della Chiesa cattolica.

Per mons. Grzegorz Rys, arcivescovo di Lodz, non è più tempo di girarci intorno: "siamo di fronte a un'ondata di apostasia che si fa sempre più estesa", riconosce il presule.

Ci si può consolare dicendo che gli adulti sono ancora largamente legati al cattolicesimo, e che la maggioranza dei bambini piccoli, spinti dai genitori, segue ancora il catechismo: il 42% dei polacchi adulti afferma così di praticare la fede ogni domenica andando in chiesa . Anche se è degno di nota il fatto che le grandi città abbiano ormai una proporzione crescente di non praticanti...

Ma i presuli polacchi hanno capito che si tratta di una mascherata: il primate di Polonia, monsignor Wojciech Polak, ha lucidamente ammesso il "devastante declino" della pratica religiosa tra i giovani, che non fa ben sperare per il futuro della Chiesa nel Paese.