Stati Uniti: la Corte Suprema annulla “Roe vs Wade”

25 Giugno 2022
Fonte: fsspx.news
Roe vs Wade: "ribaltata" o "cancellata"

Con una decisione storica, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la sentenza Roe vs. Wade del 1973 che aveva consentito all'aborto di diffondersi in tutto il paese, prevenendo leggi restrittive e consentendo l'adozione di leggi che autorizzassero l'aborto fino a 24 settimane di gravidanza.

Con questa decisione, presa a maggioranza di 6 giudici contro 3, la Corte Suprema ha così posto fine a quasi mezzo secolo di aborto autorizzato dalla giurisprudenza in tutto il Paese.

Panoramica sulla sentenza Roe vs Wade
FSSPX.Attualità ha dedicato tre articoli alla storia di questa famosa sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti e all'annuncio della nuova sentenza pubblicata questo venerdì, 24 giugno 2022, nella festa del Sacro Cuore di Gesù, il che non è certo un caso.

Roe, ribaltando una legge del Texas contro il reato di aborto il 22 maggio 1973, aveva reso legale l'aborto in tutti gli Stati Uniti. Nel 1992, la sentenza Casey ha modificato Roe, rendendo la giurisprudenza ancora più permissiva.

Lo scorso maggio, il quotidiano Politico ha fatto trapelare una bozza dell'attesa sentenza Dobbs vs Jackson Women’s Health Organization, rivelando l'imminente annullamento della giurisprudenza sull'aborto. Questa rivelazione ha provocato un vero e proprio terremoto, negli Stati Uniti e in molti paesi, sfociando in una protesta generale contro l'abolizione del "diritto" all'aborto.

La nuova situazione creata da Dobbs
La sentenza Dobbs è la più importante decisione della Corte Suprema dai tempi di Roe. Non solo ribalta quest'ultima, ma anche Casey v. Planned Parenthood, che aveva confermato Roe.

La sentenza chiarisce che "l'aborto è una profonda questione morale. La Costituzione non vieta ai cittadini di ogni stato di regolamentare o vietare l'aborto. Roe e Casey si sono arrogati tale autorità". Ecco perché, decidono i giudici, "ora invertiamo queste decisioni e restituiamo questa autorità al popolo e ai suoi rappresentanti eletti".

La sentenza è stata scritta dal giudice Samuel Alito. I giudici Clarence Thomas, Neil M. Gorsuch, Brett M. Kavanaugh e Amy Coney Barrett l'hanno approvata. Il giudice John Roberts ha espresso un parere concordante. I giudici Stephen Breyer, Sonia Sotomayor ed Elena Kagan hanno espresso parere contrario.

La decisione non vieta né criminalizza l'aborto, né riconosce il diritto costituzionale alla vita del nascituro, ma rimuove le barriere legali, create e rigorosamente applicate dalla magistratura federale, che da decenni impediscono agli Stati di limitare o vietare severamente la uccisione di bambini non ancora nati.

Inaugura così una nuova era della politica sull'aborto negli Stati Uniti, con il campo di battaglia che ora si sposta alle legislature statali. Questi organismi sono ora liberi di discutere e regolamentare l'aborto come meglio credono.

La decisione è una vittoria per la Chiesa cattolica e il movimento pro-vita negli Stati Uniti, che hanno lavorato diligentemente per far ribaltare Roe dalla storica decisione del 19 gennaio 1973.

Reazioni episcopali
"L'America è stata fondata sulla verità che tutti gli uomini e le donne sono creati uguali, con i diritti alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità dati da Dio", hanno affermato mons. Jose H. Gomez di Los Angeles e mons. William E. Lori di Baltimora in una dichiarazione congiunta.

"Questa verità è stata gravemente negata dalla sentenza Roe v. Wade della Corte Suprema, che ha legalizzato e normalizzato l'uccisione di vite umane innocenti", continuano i Vescovi. "Ringraziamo Dio che la Corte abbia ribaltato questa decisione". Mons. Gomez è presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti (USCCB) e mons. Lori è presidente del Comitato per le attività per la vita dell'USCCB.

"La decisione è il frutto delle preghiere, dei sacrifici e degli appelli di innumerevoli americani di ogni ceto sociale. In questi lunghi anni, milioni di nostri concittadini hanno lavorato per educare e mostrare l'ingiustizia dell'aborto; offrire assistenza e consulenza alle donne e lavorare per alternative all'aborto, comprese l'adozione, l'affidamento e le politiche pubbliche a sostegno delle famiglie", continua la dichiarazione.

"Condividiamo la loro gioia oggi e gli siamo grati. Il loro lavoro per la causa della vita riflette tutto ciò che c'è di buono nella nostra democrazia e il movimento pro-vita merita di essere annoverato tra i grandi movimenti per il cambiamento sociale e per i diritti civili nella storia della nostra nazione."

La decisione è in linea con il progetto trapelato
L'esito del caso Dobbs non è stato molto sorprendente, poiché il lodo finale ha una forte somiglianza con la bozza redatta da Alito a febbraio e che era trapelata il 2 maggio.

Nella causa Roe vs. Wade, la Corte aveva stabilito che gli stati non potevano vietare l'aborto prima della vitalità, che la Corte aveva stabilito tra le 24 e le 28 settimane di gravidanza.

Quasi 20 anni dopo, la corte ha confermato Roe in Planned Parenthood vs Casey. La sentenza del 1992 affermava che mentre gli stati potevano regolamentare gli aborti pre-vivibilità, non potevano applicare un "onere indebito", definito dalla Corte come "un ostacolo sostanziale sulla strada per una donna che cerca di abortire un feto non vitale".

La legge sull'età gestazionale del Mississippi, oggetto del caso Dobbs, ha contestato direttamente entrambe le sentenze perché proibisce l'aborto dopo 15 settimane, ben prima del punto di vitalità.

"Roe ovviamente aveva torto dall'inizio. Il suo ragionamento era eccezionalmente debole e la decisione ebbe conseguenze dannose. E lungi dal portare a una soluzione nazionale della questione dell'aborto, Roe e Casey hanno infiammato il dibattito e approfondito la divisione", afferma l'avviso.

Inutile descrivere le reazioni di gioia dei pro-vita, né gli insulti dei pro-aborto che gridano contro la revoca del "diritto" all'aborto, un diritto che, tra l'altro, non è mai esistito. Joe Biden si è particolarmente distinto affermando che "la salute e la vita delle donne sono in pericolo".

Il che è una falsità che rivela che il Presidente degli Stati Uniti o non sa nulla del sistema sanitario del suo paese o considera i medici americani particolarmente incompetenti.

Le leggi "trigger".
In diversi stati, come il Missouri e il South Dakota, le leggi che proibiscono o limitano severamente l'aborto sono già in vigore attraverso la legislazione "trigger". Queste leggi, già varate, ma che sarebbero state respinte dalla giurisprudenza messa in atto da Roe, sono entrate automaticamente in vigore non appena l'ostacolo è stato rimosso.

Più della metà degli stati del paese dovrebbe mettere in atto leggi restrittive sull'aborto.