Tempi difficili per i cattolici di Hong Kong

20 Marzo 2020
Fonte: fsspx.news
Xia Baolong.

Al fine di arginare la crisi istituzionale che scuote la regione dal giugno 2019, il capo di stato cinese ha appena nominato un uomo dalle sue guardie del corpo alla testa dell'Ufficio Affari di Hong Kong e Macao, Xia Baolong, devoto comunista noto anche per essere un distruttore di chiese.


 

Xi Jingping ne è consapevole: l'epidemia di Covid-19 - il nome dato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità al coronavirus - costituisce "un test importante per il sistema cinese e la sua capacità di governo". Per rispondere a questa prova, il presidente cinese ha deciso di usare le maniere forti: una campagna di pulizia, come solo i regimi marxisti sanno fare, è stata lanciata a febbraio.

Dopo aver licenziato i segretari generali del Partito Comunista della provincia di Hubei e della sua capitale, Wuhan - ognuno dopo aver fatto come si deve le sue autocritiche alla televisione di stato - è il capo dell'Ufficio Affari di Hong Kong e Macao che viene ora rimosso dall'ufficio.

Rappresentante della Cina continentale nella regione autonoma, il posto di Capo ufficio è altamente strategico per mantenere la presa di Pechino sul posto: inoltre, Xi Jinping ha nominato uno dei suoi fidati per questo incarico, Xia Baolong.

Una nomina che probabilmente non rassicurerà i cattolici di Hong Kong: nel 2014 Xia Baolong si era distinto nella provincia di Zhejiang, distruggendo più di mille croci e attaccando diverse centinaia chiese.

 "Sono fortunato a far parte dell'esercito di ferro dello Zhejiang", ha detto il nuovo uomo forte di Hong Kong nel 2017, assumendo pienamente una politica anticristiana, completamente nello spirito del suo maestro Xi Jinping.

Un segnale preoccupante per i cattolici di Hong Kong che non ne avevano affatto bisogno in questo momento: il cardinale arcivescovo dell'ex colonia britannica ha chiuso le chiese e sospeso le celebrazioni dal 15 febbraio, al fine di arginare l'epidemia di Covid-19.

Un virus che, per molti cinesi, non è peggio del "cancro" incarnato dal Partito Comunista.