Un nuovo priorato a Tokyo

12 Gennaio 2021
Fonte: fsspx.news

Dopo 27 anni di apostolato in Giappone, la Fraternità Sacerdotale San Pio X ha finalmente potuto aprire un priorato a Tokyo.

 

 

Dalla sua ordinazione sacerdotale nel giugno 1993, padre Onoda non ha smesso di fare il pendolare tra le Filippine e il Giappone, per esercitare il suo apostolato nel suo Paese di origine.

Inizialmente l'apertura del priorato era prevista per lo scorso settembre, ma una certa epidemia ha sconvolto molti piani in tutto il mondo.

Il 2 gennaio 2021, primo sabato del mese, è stato finalmente inaugurato il nuovo priorato, eretto sotto il patrocinio della Stella del mattino, titolo attribuito alla Beata Vergine nelle litanie di Loreto.

Possa il Cuore Immacolato di Maria riversare le sue grazie sul popolo giapponese. Possa lei convertire quelle anime che siedono nelle tenebre, ma che, una volta convertite, hanno saputo portare frutti così belli. Si pensi ai cristiani nascosti, che nella regione di Nagasaki hanno mantenuto la fede cattolica per oltre 200 anni, senza sacerdoti.

Si pensi ancora alla bella figura di Paul Nagai, che ha scritto pagine così intrise di spirito cristiano, in mezzo alle rovine di Nagasaki dopo l'esplosione della bomba.

Possa la Stella del Mattino spianare così la strada al Sole della Giustizia nel Paese del Sol Levante!

Ecco un bellissimo testo di Paul Nagaï, medico convertito, che ha avuto modo di curare padre Massimiliano Kolbe durante i due anni che quest'ultimo ha trascorso in Giappone. Questo testo profondamente cattolico mostra i frutti che la grazia può produrre in un'anima scelta.

Urakami, la vittima prescelta 

Il 23 novembre 1945 fu celebrata una messa da requiem davanti alla cattedrale devastata di Urakami, il distretto cattolico di Nagasaki. Il dottor Paul Nagai scrisse per l'occasione un testo, che sarebbe stato letto davanti a tutti i fedeli.

"Il 9 agosto 1945, alle dieci e mezza del mattino, il Consiglio supremo di guerra si riunì presso la sede imperiale per decidere se arrendersi o meno. È stato quindi proprio nel momento di questa decisione per la pace o per la continuazione della guerra che la bomba atomica è esplosa, alle 11:02, nel nostro quartiere di Urakami. In un istante, 8.000 cristiani furono chiamati a Dio e la nostra cattedrale fu data alle fiamme.

"Il 15 agosto l'Editto Imperiale pose fine ai combattimenti e il primo barlume di pace ricominciò a risplendere nel mondo. In quel giorno la Chiesa celebrava l'Assunzione della Vergine Maria, a cui era dedicata la nostra Cattedrale. Questa coincidenza non era forse dovuta al delicato lavoro della volontà di Dio?

"Abbiamo sentito che questa seconda bomba atomica, dopo Hiroshima, era destinata a un'altra città. Le nuvole spesse rendevano impossibile questo obiettivo, quindi l'equipaggio americano cambiò piano all'ultimo momento e si diresse verso il loro obiettivo secondario: Nagasaki.

"L'obiettivo doveva essere a nord delle fabbriche di munizioni, ma il vento ha fatto esplodere la bomba sulla cattedrale. Quindi sappiamo che la cattedrale non è stata presa di mira dai piloti americani. Ma è la Provvidenza di Dio che scelse Urakami.

"Non c'è una misteriosa connessione tra la fine della guerra e la distruzione di Urakami? Urakami non sarebbe stata la vittima prescelta, l'olocausto offerto sull'altare del sacrificio in espiazione per tutti i peccati di questa seconda guerra mondiale? (...)

"Perché dobbiamo continuare un'esistenza di sofferenza? Adesso vediamo l'enormità delle nostre colpe e capiamo che se rimaniamo vivi oggi, è perché abbiamo ancora molta strada da fare per diventare a nostra volta un'offerta degna. (...)

"Beati quelli che piangono perché saranno consolati. È fedelmente e fino alla fine che saliremo su questo sentiero disseminato di dolori. Seguendolo, affamati, assetati, disprezzati, frustati, sappiamo di essere aiutati da Colui che in cima al Calvario ha portato la sua Croce: Gesù Cristo.

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, benedetto sia il nome del Signore. Siamo grati che Nagasaki sia stata scelta per questo sacrificio grazie al quale la pace e la libertà sono state restituite al mondo. Possano le anime di tutti i nostri morti riposare in pace nell'amore di Dio."