Un rapporto di esperti avverte della minaccia jihadista

4 Maggio 2021
Fonte: fsspx.news

Aiuto alla Chiesa che soffre (ACS) ha appena pubblicato lo stato attuale delle persecuzioni religiose nel mondo: evidenzia la "crescita esponenziale" dei gruppi jihadisti, alcuni dei quali affiliati all'organizzazione dello Stato islamico (SI), soprattutto in Africa subsahariana e Africa orientale. I cristiani sono ancora una volta nel mirino.

 

"Negli ultimi due anni, i gruppi jihadisti hanno consolidato la loro presenza nell'Africa subsahariana: la regione è diventata un rifugio per più di una ventina di gruppi che operano attivamente - cooperando sempre più tra loro - in 14 Paesi; la maggior parte di questi gruppi sono affiliati all'ISIS o ad al-Qaeda", ha affermato Marcela Szymanski in questo rapporto pubblicato il 20 aprile 2021.

Per il ricercatore, "lo sviluppo di questi gruppi affiliati all'ISIS è avvenuto in un periodo di tempo estremamente breve, e lo schema è sempre lo stesso: le bande criminali locali iniziano attaccando sporadicamente e in modo casuale. Avvistati e stimolati dai predicatori salafiti, passano poi a una fase ideologica e operano in modo mirato."

La persecuzione basata sulla fede è particolarmente peggiorata in Nigeria, Mozambico, Burkina Faso, Camerun, Ciad, Mali, Repubblica Democratica del Congo e altri paesi africani, dove i cristiani sono facile preda degli islamisti radicali.

La dittatura marxista
Nell'Asia continentale, diversi paesi continuano a essere governati da dittature marxiste monopartitiche. La Cina, con una popolazione di 1,4 miliardi di abitanti, si distingue per l'istituzione di uno degli strumenti più invasivi ed efficaci al mondo di controllo statale della religione.

Combinando la sorveglianza di massa, un sistema di credito sociale che esamina e sanziona il comportamento individuale e brutali repressioni contro i gruppi etnici e religiosi sospettati di slealtà, il Partito Comunista Cinese (PCC) sta raggiungendo nuove vette quando si tratta di "soffocare la libertà religiosa''.

Inoltre, come rivela il rapporto sulla Cina, la situazione è diventata più brutale da quando Xi Jinping è stato eletto presidente della Cina nel 2013, come dimostra il massiccio internamento di oltre un milione di Uiguri, per lo più musulmani, e la loro sottomissione a programmi coercitivi di "deradicalizzazione" dal 2017.

La Corea del Nord, il Vietnam e il Laos sono altri regimi dell'Asia continentale basati su ideologie di stile marxista e meccanismi di controllo religioso simili. Come dimostra il rapporto sulla Corea del Nord, questo paese pratica una politica di sterminio della religione ancora più severa di quella del PCC.

Vietnam e Laos, nel frattempo, continuano ad attuare riforme modeste e progressive che garantiscono alle comunità religiose registrate dallo Stato maggiore libertà di possedere proprietà e perseguire attività religiose.

Thomas Heine-Geldern, presidente della sezione internazionale dell'ACS, deplora che "nonostante i richiami - per quanto importanti - dell'ONU, (…) ad oggi la risposta della comunità internazionale alla violenza e alle persecuzioni religiose in generale possa essere definita come troppo debole e troppo tardiva."

È più facile sventolare la minaccia climatica e perdersi in discussioni bizantine che affrontare pericoli più urgenti e minacciosi ...