Un risultato inaspettato del Sinodo sulla sinodalità

24 Maggio 2022
Fonte: fsspx.news
Cattedrale di Saint-Pierre a Vannes

Le buone notizie sul sinodo mondiale in preparazione nelle diocesi, il sinodo sulla sinodalità, non sono certo numerose. Non è quindi privo di interesse notare questo risultato riportato nella diocesi di Vannes dal sito Riposte catholique.

La diocesi di Vannes, nel dipartimento del Morbihan, in Bretagna, ha pubblicato il suo rapporto dopo la chiusura della fase diocesana del Sinodo dei Vescovi. Precisa che c'è un divario generazionale: i giovani vogliono una liturgia migliore e più chiarezza dottrinale; c'è poi una generazione andata persa: le persone tra i 40 ei 60 anni non hanno partecipato a questa fase.

Il rapporto rileva quindi "la forte esistenza di un divario generazionale nella nostra diocesi. Abbiamo individuato un ostacolo nelle risposte alle sintesi preparatorie: le aspettative delle diverse generazioni non sono le stesse".

"Le generazioni più anziane tendono a criticare la Chiesa, i suoi riti, la sua santità, il suo sacerdozio o il suo abito clericale, mentre le generazioni più giovani chiedono più trascendenza, chiarezza dottrinale e visibilità dal clero."

"Tra gli altri esempi, abbiamo la liturgia, dove i pensionati pensano di poter attrarre i giovani escludendo il sacro o la lingua latina, mentre i giovani liceali ci hanno raccontato il loro desiderio di poter scegliere tra la Messa in latino e la Messa in francese."

Se ci basiamo su questo rapporto, le persone nate tra il 1962 e il 1982 rappresentano una generazione andata persa: in altre parole, la generazione del Concilio, quella che ha subito il peso della crisi generata da questa "terza guerra mondiale" come ha descritto mons. Marcel Lefebvre.

Le persone nate prima del 1962, che hanno partecipato al Concilio, che lo hanno vissuto, sono le più critiche nei confronti della Chiesa, e sono pronte a liberarsi del sacro e della dottrina senza alcuno scrupolo. Senza offesa per i relatori, non si tratta più di una generazione perduta, ma di una generazione sacrificata.

I più giovani, coloro che soffrono di questa situazione, e che aspirano a una vita cristiana più autentica, rappresentano, si spera, l'inizio di un ritorno alla vera fede e al sacro, quello che può riempire la sete dell'essere umano.

Un altro dato è incoraggiante anche secondo il testo della relazione: "L'uso dell'abito clericale o il posto delle donne sembrano questioni importanti per i nostri anziani, ma la risposta dei giovani partecipanti - bambini, studenti, lavoratori - è che a loro non importa".

"Le donne sono molto presenti nella Chiesa: sacrestane, animatrici, catechiste, coriste, organiste, casalinghe, fioriste. 'Soffriamo nella Chiesa dello schiacciamento di tutte queste donne', ha scritto una partecipante. Gli anziani, molti dei quali hanno partecipato al sinodo, pensano alla Chiesa di domani per i giovani senza comprenderne appieno i bisogni e le aspettative."

"Questa situazione anacronistica è preoccupante. Purtroppo nelle nostre assemblee i giovani e gli anziani si mescolano a fatica e quindi non si scambiano i punti di vista, probabilmente perché è percepibile l'assenza di una generazione tra loro (i 40-60enni sono raramente o per niente presenti )."

Il che mostra che questa generazione sacrificata è così intrisa dell'influenza del mondo che può considerare la Chiesa solo sotto un prisma distorto. È in qualche modo incoraggiante vedere i giovani essere meno sensibili ad esso e comprendere istintivamente alcune deformazioni.

Infine, il rapporto riconosce che la Chiesa, nella diocesi, "è divenuta proprietà degli anziani" che "temono di essere cacciati dai nuovi arrivati", in particolare dalle giovani famiglie: la generazione rivoluzionaria vuole gelosamente conservare il potere di perpetuare uno sconvolgimento contestato dalla generazione emergente. Che si tratti di clericalismo?