Cosa c'è nel libro del cardinale Müller?

Fonte: FSSPX Attualità

In un libro-intervista pubblicato in italiano da Solferino, il 27 gennaio 2023, intitolato In buona fede, scritto a quattro mani con la giornalista del quotidiano italiano Il Messaggero Franca Giansoldati, il cardinale Gerhard Ludwig Müller, già prefetto di la Congregazione per la dottrina della fede, critica il modo in cui papa Francesco affronta alcuni temi delicati, ed è preoccupato per la "confusione dottrinale" che regna intorno al sinodo sulla sinodalità.

L'agenzia romana I.Media ripresa da cath.ch il 29 gennaio, cita diversi estratti del libro. Innanzitutto il cardinale Müller nega di essere un "avversario" di Francesco: "Chi fa critiche costruttive è accusato […] di essere un nemico di Francesco". 

Tuttavia, "se ci sono cose da segnalare per migliorare la situazione generale, l'unico modo è parlare chiaro", dice, prendendo l'esempio di santa Caterina da Siena che ebbe "parole durissime contro i papi, ma mai contro il papato".

Certo, l'ex prefetto della Congregazione della Fede riviene sul suo brutale licenziamento avvenuto il 30 giugno 2017, come un "fulmine a cielo sereno", ma le sue critiche più aspre prendono di mira i più stretti consiglieri del Papa. Deplora l'esistenza di un "cerchio magico che gravita attorno a Santa Marta, formato da persone [...] non preparate dal punto di vista teologico".

Ritiene che in Vaticano "sembra che ormai le informazioni circolino in modo parallelo, da una parte sono attivi i canali istituzionali purtroppo sempre meno consultati dal pontefice, e dall’altra quelli personali utilizzati persino per le nomine dei vescovi o dei cardinali". 

Il cardinale Müller indica il caso di mons. Gustavo Zanchetta, "controverso, perché godeva di uno status privilegiato di amico del Papa". Quest'ultimo, condannato per abusi ai danni di seminaristi nel suo Paese, era stato impiegato per diversi anni dal Papa nella banca vaticana.

Più in generale, il porporato tedesco denuncia il trattamento di favore riservato ai sacerdoti italiani condannati per abusi. Questi, afferma, beneficiano dell'intercessione di "amici influenti" a Santa Marta che "i chierici di nazionalità polacca, americana o di altra nazionalità non hanno", e che sono condannati dalla giustizia della Chiesa.

Autoritarismo e clientelismo
Non è certo, ci sembra, che questa influenza ufficiosa sia all'origine di tutte le disgrazie e le decisioni arbitrarie che il cardinale Müller denuncia.

Dice così di non comprendere l'intervento del Papa nella diocesi di Tolone: ​​il Papa ha vietato a mons. Dominique Rey di ordinare quattro futuri sacerdoti "perché appartenevano alla categoria dei conservatori".

Pur riconoscendo di non sapere se ci siano altri problemi dietro questa vicenda, ritiene che il Papa abbia usurpato le prerogative del vescovo in carica. Anche la diocesi di Tolone sarà oggetto di una visita canonica nei prossimi mesi.

Il cardinale Müller cita anche il caso di un vescovo del centro Italia che sarebbe stato "licenziato" perché aveva espresso il suo disaccordo con "alcune misure anti-covid" prese dal Governo. "Il Papa non avrebbe dovuto poterlo mettere sotto accusa", insiste, ricordando che può farlo solo se il vescovo mette a rischio la fede cattolica o l'unità della Chiesa.

Infine, il presule tedesco deplora la sostituzione, per ragioni ideologiche, di mons. Livio Melina alla guida del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia. Quest'ultimo è stato sostituito da mons. Vincenzo Paglia "che non ha competenze specifiche in questo campo", un affronto – secondo lui – al principio della "libertà accademica".

Fallimento della riforma della Curia
Quanto alla riforma della Curia romana, l'ex prefetto è molto severo contro la nuova costituzione apostolica Prædicate Evangelium. Secondo lui, questa riforma ridurrebbe la Curia romana "a una corporazione che lavora per fornire assistenza ai 'clienti', le conferenze episcopali".

Sottolinea anche il paradosso dell'annunciato "decentramento", visto che al contrario "si sono rafforzate le maglie dell'accentramento". Attribuisce il "difetto di fabbrica" di questa riforma al "sentimento antiromano" del conclave che ha eletto papa Francesco nel 2013. La riforma, sostiene, sarebbe stata chiesta dai "cardinali latinoamericani" che intendono "costruire una Chiesa a loro immagine".

Al tempo stesso, rileva che l'Annuario pontificio ora cita "Vicario di Cristo e successore di Pietro" come titoli "storici" (e quindi più effettivi) del Papa, segno per lui di "una forma latente di negazione del fondamento petrino del papato".

Deplora, inoltre, una Curia dove "i controlli esterni, le verifiche" prendono il sopravvendo sull'aspetto spirituale. Sul tema dell'evangelizzazione, si allarma per la mancata reazione alla scristianizzazione in Europa, considerando che il "nichilismo strisciante" che sta colpendo oggi il Vecchio Continente ne mette in pericolo la sopravvivenza.

Ben lungi dall'essere un tradizionalista, il porporato non si oppone comunque ad alcuna riforma. Prevede anche la nomina di laici e donne a posti importanti della Curia. Cita in particolare quelle del segretario di Stato, del sostituto, del presidente del Governatorato della Città del Vaticano o anche dei nunzi.

Vicino alla teologia della liberazione
Il magistero di papa Francesco è criticato in modo più sfumato: il Documento sulla fratellanza umana [cofirmato con il Grande Imam di Al-Azhar, 4 febbraio 2019] manifesta ai suoi occhi una "buona intenzione", ma sembra anche a lui "elitario", il che gli fa dubitare di poter "penetrare nella massa dei fedeli musulmani". Sottolinea anche l'attualità della Laudato si' [24 maggio 2015], ma invita a difendere la vita umana dal suo inizio alla sua fine, tanto quanto la natura.

Sul piano economico e sociale, il cardinale tedesco, che ricorda la sua vicinanza alla teologia della liberazione del suo "caro amico" Gustavo Gutiérrez, deplora le conseguenze del "supercapitalismo" e difende la sovratassazione dei più ricchi.

Denuncia la tentazione antidemocratica che spinge i ricchi, accusandoli di incoraggiare un Big Reset – grande ripristino –, a controllare ancora di più le masse, soprattutto dopo la crisi pandemica. A differenza di Francesco, si dice contrario all'idea di un salario universale, ma giustifica la posizione del Papa con le situazioni di estrema povertà che esistono in America Latina.

Timori sulla sinodalità
A proposito di sinodalità, il teologo tedesco ritiene che il termine sinodo promosso dal Pontefice sia diventato "un termine generico". Vede nel suo impiego il segno che una "democratizzazione, una protestantizzazione de facto" sarebbe "in corso" nella Chiesa cattolica. Critica in particolare le proposte "teologicamente insostenibili" del Cammino sinodale tedesco aperto nel 2019, di fronte alle quali, secondo lui, la Santa Sede si è mostrata compiaciuta.

In Germania, a suo avviso, la Chiesa sta affrontando una situazione "molto peggiore di uno scisma" perché la Chiesa locale si sta volontariamente separando da Roma, abbandonando le fondamenta del cristianesimo. "Si tratta dunque di apostasia", assicura, attaccando in particolare la promozione dell'intercomunione che "cambia il senso dell'Eucaristia". Afferma che "il rischio è la fine del cristianesimo in Germania".

Inoltre, il cardinale Müller si rammarica dell'ambiguità di papa Francesco sulla questione dell'omosessualità o del suo "sostanziale silenzio" su quella dell'indissolubilità del matrimonio. Deplora anche le contraddizioni sull'aborto, soprattutto quando il Papa ha riconosciuto al presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il diritto di fare la comunione.

La questione liturgica
Il porporato tedesco denuncia gli "effetti negativi" del Traditionis custodes, contro la liberalizzazione della messa tridentina voluta da Benedetto XVI. Per lui dietro questa decisione ci sono i membri della Pontificia Università Benedettina Sant'Anselmo di Roma, "più ideologi che teologi", che hanno "manipolato" il Papa.

Ritenendo questa decisione non solo "ingiusta" ma "fonte di inutili tensioni", afferma che il problema principale resta la difesa del sacramento dell'Eucaristia, che a suo dire è sempre meno vissuto o compreso dai cristiani.

Sulla questione dell'ordinazione sacerdotale delle donne, il cardinale Müller si dice contrario, affermando che non c'è bisogno di parlarne. D'altra parte, riferisce di aver scritto diversi libri sulla possibilità del diaconato femminile, e si dice aperto alla discussione su questo punto.

Critiche alla diplomazia vaticana con la Cina
Il cardinale tedesco si dice particolarmente preoccupato per il pericolo rappresentato dalla Cina nella società odierna, paragonando Xi Jinping a Benito Mussolini, Adolf Hitler e Stalin. "Con il diavolo non si può scendere a patti", ha detto a proposito dell'accordo segreto firmato nel 2018 tra Santa Sede e Pechino sulla nomina dei vescovi.

Secondo lui, il Vaticano ha facilitato il lavoro della Cina, che vuole che i sacerdoti cinesi diventino agenti della sua propaganda. Afferma di aver consultato "una lettera inviata dal cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, che autorizzava i sacerdoti cinesi a firmare una carta che impone [dei] corsi di indottrinamento".

"La Chiesa cattolica cinese non deve diventare una sorta di chierichetto dello Stato", dice l'alto presule, riferendosi alle analoghe critiche mosse da Francesco al Patriarca Cirillo al quale ha rimproverato di aver benedetto la guerra di Vladimir Putin contro l'Ucraina.

Il porporato deplora il trattamento riservato dalla Santa Sede e dal Papa al cardinale Joseph Zen, grande oppositore di Pechino.

Si rammarica in particolare che il Vaticano non abbia preso una posizione chiara per difenderlo durante il suo arresto lo scorso maggio, e critica aspramente il silenzio della Santa Sede su Taiwan e Hong Kong. "Con i regimi illiberali [come quello di Pechino] la Chiesa non deve scendere a compromessi", insiste.

Denuncia del rapporto CIASE
Interrogato sulla crisi degli abusi nel clero, il porporato denuncia i "grossolani errori" commessi dal CIASE in Francia, mettendo in discussione il metodo utilizzato che ha portato a un "numero di vittime anomalo, esagerato, manifestamente gonfiato".

Si è anche detto sfavorevole alle commissioni d'inchiesta istituite dai governi, che gli sembravano avere "l'unico scopo di paralizzare la Chiesa e non quello di analizzare un fenomeno aberrante da schiacciare".

Il cardinale Müller sostiene che il rapporto dell'arcidiocesi di Monaco sugli abusi del gennaio 2022 sia stato "uno strumento di propaganda per indebolire la figura del papa emerito in Germania", dove ha rappresentato un freno al cammino sinodale tedesco. Il presule tedesco, però, disapprova la scelta del defunto papa di dimettersi nel 2013. Per lui l'esistenza di un papa emerito ha creato confusione e diviso la Chiesa cattolica in due fazioni.

La missione del prossimo Papa
Contrario a una rinuncia di Francesco, il cardinale Müller ritiene che alcuni incoraggino l'attuale Papa a dimettersi "per orientare meglio il prossimo conclave e individuare, chissà, un giovane candidato vicino alle riforme che nel frattempo sono state avviate".

Critica i "tentativi di tanti gruppi di pressione" che mirano a influenzare i voti, citando la Comunità di Sant'Egidio, i gesuiti, i salesiani o anche i cardinali africani. Farlo, dice, è "ontologicamente proibito".

"Il prossimo conclave dovrà necessariamente riportare la Chiesa alla sua essenza", ha detto. Il successore di Francesco dovrà fare i conti in particolare con il fatto che ci sono "sempre più vescovi nel mondo che agiscono come se avessero dimenticato di essere pastori interessati alla vita eterna e alla difesa dei principi morali".

Secondo l'alto presule, il futuro pontefice dovrà anche difendere i "valori non negoziabili" della Chiesa sulla sessualità oltre ad affrontare i rischi che comporta l'apparizione di un'ideologia "post-umana". In quanto tale, si dice particolarmente preoccupato "dalla corrente transumanista".

In definitiva, l'opera appare come un'accusa a tutto campo, ma il cardinale Müller rimane ancora legato al Concilio e alle riforme postconciliari. Deplora energicamente gli eccessi – fin troppo visibili sotto il governo di Francesco – senza però risalire alle cause profonde.

Attacca vigorosamente i sintomi, senza toccare la fonte del male. Non vuole una Chiesa allineata servilmente allo spirito del mondo moderno, senza mettere in discussione il Concilio che ha promosso questa apertura.